Telefonata recupero crediti al datore di lavoro del debitore

La testimonianza del datore di lavoro, e di sua figlia (è una ditta a conduzione famigliare) e di mio marito quando ho chiamato la società di recupero crediti, possono essere utili per poter procedere? Ripeto quello che mi ha detto la signorina del recupero crediti.volevano sapere la sede legale giusta della azienda ed essere sicuri di una mia assunzione a tempo indeterminato. Per procedere tramite tribunale nei miei confronti, infatti quello che dice il mio ex titolare era che almeno prima di chiamare loro poteva cercarmi ed intimarmi visto che sapevano che lavoravo di iniziare a pagare in qualche modo grazie.

Il creditore può notificare il precetto al datore di lavoro per il pignoramento dello stipendio, una volta ottenuto il decreto ingiuntivo. Ma non può e non deve avvisarlo.

Questo comportamento si configura come una grave violazione della privacy del debitore ed una intollerabile pressione psicologica per indurlo al pagamento. Siamo ai limiti dell'estorsione. In più la condotta assunta dall'operatore di call center ha causato gravi danni al debitore.

Escluderei suo marito dal rendere dichiarazione. Il datore di lavoro e la figlia possono produrre un resoconto dettagliato degli avvenimenti, da sottoscrivere con firma autenticata.

Tali dichiarazioni vanno allegate ad un semplice Reclamo da presentare al Garante per la tutela dei dati personali. Qui le istruzioni per procedere.

Per ulteriori informazioni sulle modalità di presentazione e sul pagamento dei diritti di segreteria questi i riferimenti da utilizzare:

Ufficio relazioni con il pubblico (URP) - lunedì - venerdi ore 10-13
Telefono: (+39) 06.696771 - 06.696772917

16 maggio 2012 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti » Pratiche aggressive ed ingannevoli
Recupero crediti: il nuovo incubo dei consumatori, tra persecuzioni telefoniche e lettere di minacce . Ma è lecito quello che fanno queste società? Di seguito vi proponiamo uno schema delle pratiche più scorrette adottate da queste aziende di recupero. Ad esempio, può accadere che nonostante la disdetta inoltrata regolarmente la ...
Esattore nel recupero crediti - un lavoro come un altro
Non lavoro ormai da anni, è difficile per me tirare avanti e, a parte un possibile part time a tempo indeterminato in un negozio (del quale sarei comunque sicuro) ho appena ricevuto da un mio parente l'invito ad unirmi a lui per fare recupero crediti per un paio di agenzie ...
Recupero di crediti inesigibili - Citazione del debitore presso giudice di pace incompetente per territorio
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) è nuovamente intervenuta a tutela dei consumatori bersagliati da atti di citazione per crediti presumibilmente prescritti o inesistenti. Nella riunione del 30 maggio 2013, infatti, l'Antitrust ha sanzionato con una multa di 50 mila euro l'impresa individuale Consuelo Paravati che, secondo quanto ...
Recupero crediti di lavoro per differenze retributive - legittimo pretendere gli importi delle ritenute versate dall'azienda prima del pignoramento
In tema di recupero dei crediti di lavoro per differenze retributive, è legittimo il pignoramento attivato dal lavoratore per ottenere l'importo delle ritenute già versate all'erario prima della notifica dell'atto. Per giurisprudenza consolidata, infatti, l'accertamento e la liquidazione del credito spettante al lavoratore per differenze retributive devono essere effettuati al ...
Recupero crediti condominiale » Prima la mediazione
Le azioni condominiali di recupero crediti sono assoggettabili al tentativo di conciliazione obbligatoria. Per quanto riguarda le liti condominiali, prima di procedere al recupero crediti, è necessario esperire il tentativo di conciliazione, a pena d'improcedibilità'dell'azione giudiziale. La domanda che più frequentemente ci si pone, però, è quali siano i ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca