Tassi di interesse attuali convenienti? – Ecco come effettuare la surroga di un mutuo

Argomenti correlati:

Ho stipulato un mutuo ipotecario quattro anni fa a dei determinati tassi di interesse: ho notato, però, che attualmente, ci sono degli istituti di credito che propongono interessi molto convenienti e vorrei approfittarne.

Vorrei sapere, dunque, se e come poter effettuare una portabilità del mutuo ad un’altra banca con opzioni più vantaggiose (la cosiddetta surroga).

In linea generale la surroga, o portabilità del mutuo è, in poche parole, quel diritto istituito dalla Legge Bersani attribuito al sottoscrittore di un mutuo di trasferire il rapporto presso un altro istituto di credito, senza spese aggiuntive a proprio carico.

In effetti, per chi ha già acceso un mutuo la situazione attuale dei tassi d’interesse rappresenta un’occasione unica per ottenere risparmi eccezionali.

Ad esempio, oggi, mediamente, per che sceglie una surroga da tasso fisso a tasso fisso, il risparmio medio è dell’ordine dell’1,5% in termini di TAEG in caso di prima surroga, valore che diventa pari all’1% in caso di seconda surroga.

In termini numerici, dunque, Se il TAEG del mutuo in essere è un 2,5%, l’importo residuo del mutuo è pari a 130.000 euro e la durata residua è di 20 anni, una differenza dell’1% rappresenta circa un risparmio di 70 euro in meno per rata (ossia 16.800 euro su 20 anni di durata residua del mutuo) mentre una differenza dell’1,5% circa porta con sé un risparmio di circa 100 euro per rata (ossia 24.000 euro su 20 anni di durata).

In questo caso è bene sapere che, laddove il consumatore decida di procedere a surroga il mutuante originario :

  • non potrà opporre alcuna resistenza od impedimento;
  • non potrà in alcun modo addebitare costi o penali;
  • dovrà esaurire la procedura nel termine di 30 giorni dalla richiesta;
  • dovrà risarcire il debitore laddove ritardi, impedisca o non permetta la chiusura delle operazioni nei termini. Dispone infatti l’art. 120 TUB co. 7 che “nel caso in cui la surrogazione non si perfezioni entro il termine di trenta giorni lavorativi, per cause dovute al finanziatore originario, quest’ultimo è comunque tenuto a risarcire il cliente in misura pari all’1 per cento del valore del finanziamento per ciascun mese o frazione di mese di ritardo. Resta ferma la possibilità per il finanziatore originario di rivalersi sul mutuante surrogato, nel caso in cui il ritardo sia dovuto a cause allo stesso imputabili;

Inoltre il mutuante surrogato non potrà imporre al cliente alcuna spesa o commissione per lo svolgimento della pratica di surroga, ex art. 120 quater TUB infatti non possono essere imposte al cliente spese o commissioni per la concessione del nuovo finanziamento, per l’istruttoria e per gli accertamenti catastali, che si svolgono secondo procedure di collaborazione tra intermediari improntate a criteri di massima riduzione dei tempi, degli adempimenti e dei costi connessi. In ogni caso, gli intermediari non applicano alla clientela costi di alcun genere, neanche in forma indiretta, per l’esecuzione delle formalità connesse alle operazioni di surrogazione .

La surroga del mutuo è dunque una sostituzione a costo zero disponibile per quei mutuatari che volessero ottenere migliori condizioni per il proprio mutuo. A differenza della sostituzione, però, ha il vincolo di essere applicabile solo al capitale residuo del mutuo per cui, se fosse necessario ottenere eventuali importi di finanziamento aggiuntivi, il mutuatario dovrebbe o ricorrere al mutuo sostituzione o accendere, oltre al mutuo surroga, un secondo mutuo per ottenere liquidità.

La surroga può essere richiesta semplicemente inviando una lettera raccomandata alla banca che subentra e, per conoscenza, alla banca che ha erogato il mutuo originariamente. P

La procedura può differire un po’ da banca a banca ma la documentazione resta sostanzialmente la stessa.

9 Ottobre 2019 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutuo: tassi di interesse ai minimi storici - Quando conviene optare per la surroga?
Vorrei optare per una surroga del mutuo, visti i tassi di interesse al minimo storico: preciso che ho stipulato un contratto di mutuo a tasso fisso su base trentennale. In quali casi mi converrebbe la portabilità? ...

Mutuo ipotecario stipulato nel 1995 e sproporzione tassi interesse - C'è usura sopravvenuta?
Nel 1995, per l'acquisto della mia prima casa, ho stipulato un mutuo ipotecario presso il mio istituto di credito, di durata trentennale, in epoca anteriore all'entrata in vigore della legge 108/1996 che tratta di usura sopravvenuta. Il mutuo stipulato, mentre prima della legge presentava dei tassi di interesse legittimi, successivamente li ha sforati. Dunque, vorrei richiedere alla banca la restituzione degli interessi illegittimamente corrisposti in ben 22 anni: somma non trascurabile. Si può ritenere ammissibile tale richiesta e dunque il riconoscimento dell'usura sopravvenuta? ...

Mutuo: Surroga e sostituzione » Quali le differenze?
Sono qui per ottenere, spero, dei chiarimenti: in alcuni articoli pubblicati in precedenza sul vostro blog mi sono documentato sulla surroga o portabilità del mutuo. Ho anche letto però di un'altra pratica: ovvero la sostituzione del mutuo. Ma in che cosa differiscono sostanzialmente tra di loro queste due operazioni? Quali sono le principali differenze? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Tassi di interesse attuali convenienti? – Ecco come effettuare la surroga di un mutuo