Tasse sui libretti di risparmio nominativi/buoni fruttiferi postali

Buongiorno, vorrei sapere se dal 2012 ci saranno modifiche, riguardo ad eventuali tasse/bolli, anche sui libretti di risparmio nominativi e ai buoni fruttiferi postali.

Al fine di incentivare l'accredito delle pensioni su conti correnti (anche presso le Poste) è stata introdotta l'esenzione dall'imposta di bollo per le fasce socialmente svantaggiate di clientela.

Per i conti correnti bancari/postali e i rendiconti dei libretti di risparmio, la tassa continuerà a essere di 34,20 euro l'anno se il cliente è una persona privata. L'imposta di bollo è invece del tutto cancellata se il valore medio di giacenza «risultante dagli estratti e dai libretti» non supera i cinque mila euro.

In pratica se durante l'anno, tra entrate e uscite, la disponibilità media del vostro conto non supera questa soglia, non si pagherà il bollo.

Questo ad oggi. La situazione, tuttavia, è piuttosto fluida e le cose potrebbero cambiare nel brevissimo periodo.

29 dicembre 2011 · Carla Benvenuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Vietati i libretti di risparmio al portatore
A far data dal 4 luglio 2017, con l'entrata in vigore del decreto legislativo 90/2017, è ammessa esclusivamente l'emissione di libretti di deposito, bancari o postali, nominativi ed è vietato il trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore. I libretti di deposito bancari o postali al portatore ...
Buoni postali fruttiferi - gli interessi devono essere quelli indicati sul documento
Pur configurandosi i buoni postali fruttiferi come documenti di legittimazione e non come titoli di credito, la corresponsione degli interessi va effettuata secondo quanto indicato per iscritto in detti buoni, anche se il relativo regime è stato previamente mutato da un decreto ministeriale. Nella vigenza della disciplina dettata dal codice ...
Buoni postali fruttiferi - capitale ed interessi vanno liquidati in base alle condizioni apposte sul titolo
Probabilmente a causa dell'infelice accorgimento di alcuni Uffici postali di offrire in sottoscrizione ai risparmiatori buoni postali stampati sotto la vigenza di emissioni precedenti, in molteplici casi di sottoscrizioni di buoni postali fruttiferi avvenute negli anni ‘80-’90 si è riscontrata una divergenza, per quanto attiene alla misura dei rendimenti e ...
Libretti di risparmio - La banca deve restituire gli importi addebitati ove sulle annotazioni manchi la firma dell'impiegato
Per quanto previsto dal codice civile (articolo 1835) le annotazioni sul libretto firmate dall'impiegato della banca, che appare addetto al servizio, fanno piena prova nei rapporti tra banca e depositante. Naturalmente, tale disposizione trova applicazione anche ai libretti di risparmio per somme depositate presso Poste Italiane. Al riguardo, anche la ...
Prescrizione dei libretti di risparmio - anche per quelli antichi deve essere restituita la somma che vi fu depositata
La prescrizione del diritto incorporato nei libretti di deposito (anche indicati come libretti di risparmio) si contrappongono opposti orientamenti, ben sintetizzati. Secondo un primo orientamento, oggi superato ma a lungo seguito dai giudici di legittimità il termine prescrizionale decorrerebbe dal giorno della costituzione del rapporto o dell'ultima operazione di prelevamento ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca