La Tarsu per i conviventi

La mia domanda prosegue la situazione esposta in "Ravvedimento Tarsu".

Premettendo che ho intenzione di presentare autodenuncia, vorrei per favore avere delucidazioni circa le persone che in questi anni sono state mie coabitanti avvicendandosi (2 coinquilini più il partner, con il quale sono tuttora convivente). La Tarsu che pagherò/devo pagare è relativa solo alla mia persona o è estesa anche ad 1 altra (essendo il contratto di locazione cointestato)?

Come avrà avuto modo di rilevare, la mia collega non le ha dato indicazioni quantitative sulla tariffa, perchè questa è fissata da uno specifico regolamento comunale.

Nello stesso modo io non posso fornirle informazioni sulle modalità di calcolo della tariffa TARSU. Per alcuni comuni essa è legata solo all'estensione in metri quadri dell'appartamento. Altri applicano un mix fra estensione dell'appartamento e numero di occupanti.

Probabilmente le chiederanno di integrare l'autodenuncia con una dichiarazione sottoscritta in cui lei dovrà indicate le persone che hanno con lei condiviso l'appartamento e con lei evaso il tributo. In modo da poter calcolare correttamente l'importo dovuto e poter recuperare l'evaso anche nei riguardi dei suoi conviventi in affitto.

Un'unica cortesia: nel caso molto probabile in cui dovesse essere intervistata da giornali e TV come esempio da seguire di contribuente modello, che si autodenuncia per pagare tributi ormai prossimi alla decadenza, se può, faccia anche il nome del blog.

Ma, mi raccomando: nel caso, precisi anche che noi l'avevamo decisamente sconsigliata dal pagare la TARSU in assenza di un avviso di accertamento.

7 gennaio 2012 · Simonetta Folliero

Un carissimo collaboratore di indebitati.it, l'avv. Diego Conte, che ci legge costantemente pur non potendo partecipare attivamente a questa rubrica di domande e risposte - a causa dei numerosi impegni professionali che non gli concedono il tempo necessario - ci scrive:

Ciao Simone, devo protestare contro la risposta data da una Tua collaboratrice in un topic del forum.

Faccio riferimento a quando Simo Folliero sconsiglia di pagare in assenza di avviso.

Non entro nel merito della risposta (che nel complesso ritengo ben formulata - e sai quanto sono severo nei giudizi), però, sia come professionisti che come cittadini, non dovremmo sollecitare l'evasione.

Altrimenti, rischiamo di far passare il messaggio che è tutto lecito finchè non ci pizzicano, il che mi pare francamente inaccettabile.

Personalmente sono profondamente contrario all'attuale sistema fiscale e ancor più all'attuale sistema di spesa. Però, se non accompagniamo la protesta a delle motivazioni serie ed esplicitate rischiamo di fare la figura dei consulenti degli evasori fiscali e non mi pare una cosa carina.

Concordo in tutto e per tutto con i concetti espressi da Diego Conte e pertanto invito la dott.ssa Simonetta Folliero a riformulare quanto prima il senso della sua risposta, rendendola più coerente alla linea editoriale sempre seguita da indebitati.it, in difesa del cittadino contribuente vessato, ma dichiaratamente contro ogni forma di evasione o elusione fiscale, in qualsiasi modo essa si concretizzi.

Intanto voglio qui pubblicamente ringraziare l'avv. Diego Conte, che è riuscito a sottrarre comunque ai suoi gravosi impegni di lavoro quei due minuti necessari per scrivere ed inviarmi l'e-mail. Grazie Diego, sono onorato dalla tua attenzione.

7 gennaio 2012 · Simone di Saintjust

Ciao Simone, sono profondamente costernata e voglio scusarmi con i lettori tutti di indebitati.it ed in particolare con la lettrice Luna, che ha posto la domanda.

A mia discolpa l'ora quasi notturna: erano le 5 e 32 come potrai verificare dal time report, e mi sono lasciata andare ad una battuta che avrei potuto benissimo risparmiare a me ed ai lettori.

Devo riconoscere, infatti, che un'analisi a freddo dei suoi contenuti porta a ritenere il mio intervento come un evidente invito all'evasione fiscale.

Le tasse vanno pagate, anche quando si è pressoché certi di un inevitabile decorso dei tempi di decadenza. Su questo non c'è alcun dubbio.

Non correggo la mia risposta per motivi di correttezza, quelli che tu mi hai sempre insegnato. Il topic perderebbe senso e nesso logico, dopo un'eventuale cancellazione del passo incriminato.

Mi limito qui allora, ad esprimere la mia dissociazione dall'ultima parte della risposta

Un'unica cortesia: nel caso molto probabile in cui dovesse essere intervistata da giornali e TV come esempio da seguire di contribuente modello, che si autodenuncia per pagare tributi ormai prossimi alla decadenza, se può, faccia anche il nome del blog. Ma, mi raccomando: nel caso, precisi anche che noi l'avevamo decisamente sconsigliata dal pagare la TARSU in assenza di un avviso di accertamento.

Se Mauro Masi ha potuto dissociarsi da "anno zero", spero sia consentito anche a me, seppur più modestamente, dissociarmi dal contenuto di righe scritte in un momento in cui non c'ero con la testa (causa sonno), se c'ero non ero io, se ero io non ero in me ...

Buona Domenica a te, Simone, ed al caro avv. Diego Conte che di tanto in tanto si rilegge.

7 gennaio 2012 · Simonetta Folliero

Pefetto! Credo che l'increscioso incidente possa ritenersi chiuso. Buon week end a tutti. Anche a Simonetta Folliero che forse non è ancora ben sveglia ed alla quale ricordo che oggi è solo sabato.

7 gennaio 2012 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Convivenza more uxorio - non è applicabile il regime di comunione dei beni fra coniugi
La convivenza more uxorio è legata a doppio filo al concetto di famiglia di fatto. Con l'espressione famiglia di fatto deve intendersi l'unione tra due persone, anche dello stesso sesso, che convivono come in un matrimonio. La Corte d'Appello di Milano, infatti, ha esteso la nozione legale di conviventi more ...
Contratto di locazione » Ritardo nel pagamento del canone? Sfratto autorizzato
Il contratto di locazione può decadere anche per una sola rata non pagata dal conduttore. Il mancato pagamento di una sola rata, o anche il semplice ritardo nel versamento, può giustificare la risoluzione del contratto di locazione se previsto da una clausola risolutiva espressa. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla ...
Contratti di locazione » Il fideiussore del conduttore non può recedere dalla garanzia prima del termine dell'obbligazione
In tema di contratti locazione, il fideiussore del conduttore non può recedere dalla garanzia, poiché il suo impegno è assoggettato alla durata dell'obbligazione. La fideiussione prestata a garanzia dell'adempimento di una o più prestazioni si protrae quanto meno per lo stesso termine entro il quale le prestazioni devono essere eseguite, ...
Non assoggettabilità TARSU e inidoneità a produrre rifiuti? La prova spetta al contribuente
La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di un contribuente che sosteneva la non soggettività TARSU di propri locali adibiti a uso autorimessa perché inidonei a produrre rifiuti. I giudici hanno argomentato che “il presupposto della tassa di smaltimento dei rifiuti ordinari solidi urbani, secondo il decreto legislativo 15 ...
Il fideiussore dell'inquilino non può recedere dalla garanzia prima della scadenza del contratto di locazione
La fideiussione in favore del conduttore si protrae per l'intera a durata della locazione, salvo indagare sulla volontà delle parti, nel caso di rinnovo della stessa. L'impegno fideiussorio, infatti, è sempre assoggettato allo stesso termine a cui sono soggette le obbligazioni garantite: nel caso specifico, al termine di durata della ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca