Tarsu - decadenza e prescrizione

Desidero precisare che non ho omesso di presentare alcuna dichiarazione per il 2005 in quanto già iscritto a ruolo per gli anni precedenti ( su mia denunzia, senza che ad oggi sia intervenuta alcuna variazione )ed ho sempre pagato regolarmente fino al 2004 e dal 2007 ad oggi, cioè tutte le volte che mi è stato richiesto.

Mi sembra , invece, che il Comune abbia ritardato di adempiere i propri doveri di riscossione, (richiedendo solo il 27.12.2011 il pagamento per il 2005) e desideravo sapere se tale ritardo abbia fatto o meno maturare la decadenza o la prescrizione.

Evidentemente l'avviso per il 2005 era rimasto "in qualche cassetto".

Ora, se lei ritiene che al suo caso possa applicarsi la normativa sulla decadenza per i tributi locali in vigore prima del gennaio 2007, allora il Comune non può richiederle la TARSU 2005 per decadenza dei termini triennali. E quindi ha senso un ricorso.

Se, invece, accetta di uniformarsi alla circolare MEF del marzo 2007, i cui estremi le ho già riportato, bisogna prendere atto che per il tributo del 2005 va applicata la normativa che prevede termini di decadenza quinquennali.

E qui lei dice: va bene, ma allora il tributo diventa inesigibile, perchè decaduto, al 31 dicembre 2010.

A mio parere la deduzione non è così automatica. Dovrebbe informarsi su cosa prevede il regolamento comunale per il pagamento della TARSU. In alcuni casi, infatti, la regolarizzazione può avvenire entro il 20 gennaio dell'anno successivo. Quindi la TARSU del 2005 avrebbe potuto anche essere pagata nel gennaio 2006. In questa circostanza il termine di decadenza si sposta al 31 dicembre 2011.

Infatti, a partire dal 1° gennaio 2007, per effetto della Legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 161, gli avvisi di accertamento in rettifica e d'ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.

E, quindi, se lei ritiene che il tributo per il 2005 avrebbe dovuto essere regolarizzato nel 2005, ha, ancora, tutte le motivazioni per proporre un ricorso.

Infine, lei scrive: sono tenuto a pagare anche se sono trascorsi più di 5 anni, senza mia colpa? ... non ho pagato non avendo mai ricevuto prima d'ora alcun avviso o bollettino.

Mi sembra, a questo proposito, che il comune non le abbia richiesto sanzioni e dunque implicitamente ci sia un'ammissione di corresponsabilità.

9 gennaio 2012 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti
prescrizione tassa rifiuti
TARSU TARI TIA - prescrizione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia: riscossione illegittima? » Ecco quando e come chiedere il risarcimento danni sia patrimoniali che morali
Riscossione illegittima da parte di Equitalia: danni patrimoniali e morali? Ecco come e quando rivolgersi al giudice per ottenere il risarcimento dei danni. Il contribuente che subisce dei danni a seguito dell'esecuzione forzata illegittima può chiedere il risarcimento a Equitalia: questo è un diritto riconosciuto dalla legge nelle ipotesi di ...
Prescrizione e decadenza delle pretese su IRPEF, bollo auto, TARSU, imposta di registro di successione e di donazione
Il concessionario notifica la cartella esattoriale, entro l'ultimo giorno del quarto mese successivo a quello di consegna del ruolo, al debitore iscritto a ruolo o al coobbligato nei confronti dei quali procede, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre: del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, ...
Contributi previdenziali e sanzioni civili sono crediti funzionalmente connessi anche per quel che riguarda i termini di decadenza e prescrizione
Per le violazioni consistenti nell'omissione totale o parziale del versamento di contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori, l'ordinanza ingiunzione è emessa dagli enti ed istituti gestori delle forme di previdenza ed assistenza obbligatorie (INPS ed INAIL fra gli altri), che con lo stesso provvedimento ingiungono ai debitori anche il pagamento ...
Separazione con addebito dopo la riconciliazione
L'addebito della separazione può essere pronunciato per le violazioni dei doveri coniugali successive ad una precedente riconciliazione. Successivamente alla separazione, i coniugi possono conciliarsi in ogni momento, riprendendo a convivere. La ripresa della convivenza comporta il venir meno dello status di "separati". Conseguentemente rivivono i diritti ed i doveri propri ...
Prescrizione e decadenza delle multe
In questo articolo si discute della prescrizione dei crediti per sanzioni amministrative (multe), dei termini di decadenza per la notifica dei verbali di accertamento e per la notifica della cartella esattoriale sempre in riferimento ai crediti per sanzioni amministrative. Per le sanzioni amministrative, quali ad esempio quelle previste dal Codice ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca