Tariffe autostradali troppo alte e mancati adeguamenti – L’Antitrust apre un’indagine

Viaggio spesso per lavoro e spesso capita di trovarmi su tratti autostradali con riduzioni di corsia e velocità rallentata, che costano esattamente quanto i tratti perfettamente funzionanti: non ci sono ne adeguamenti di tariffa ne rimborsi, come dovrebbe essere.

Possibile che nessuno faccia nulla?

Carenze informative sui rimborsi del pedaggio e mancato adeguamento delle tariffe in alcuni tratti degli oltre 3 mila chilometri di rete gestita: L’Antitrust indaga su Autostrade per l’Italia, società concessionaria già al centro di inchieste giudiziarie e liti con il governo dopo il crollo del ponte Morandi a Genova.

L’istruttoria è stata avviata, come spiega la stessa Autorità garante della concorrenza e del mercato, lo scorso 10 giugno ed è volta ad accertare la sussistenza di presunte pratiche scorrette relativamente sia all’A16 Napoli-Canosa che all’intera rete gestita dalla società in mano ad Atlantia, holding controllata dalla famiglia Benetton.

Per quanto riguarda la A16, l’Antitrust ipotizza che il mancato adeguamento del pedaggio autostradale a fronte della riduzione delle corsie di marcia e di specifiche limitazioni ad 80 km/h della velocità massima consentita, nei due sensi di marcia, per lunghi tratti del percorso.

Fatti che hanno avuto come conseguenza, si legge nella nota dell’Autorità, un rilevate aumento dei tempi di percorrenza.

La seconda parte dell’istruttoria, che ha già portato ad accertamenti ispettivi in alcune sedi della società, riguarda invece le “modalità informative” per le “procedure di rimborso attivabili in caso di peggioramento del servizio” in caso di riduzione delle corsie di marcia o “per specifiche limitazioni alla viabilità”, come ad esempio “riduzione della carreggiata, della velocità massima, interdizione di veicoli pesanti, chiusura di alcune uscite”.

Casi quest’ultimi che sembrano fare riferimento a quanto avvenuto nel periodo natalizio lungo la A14, con il controesodo che si era trasformato in un incubo sulla Bologna-Taranto con code fino a 15 chilometri.

Per percorrere il tratto tra Vasto ed Ancona, tra domenica 5 e martedì 7 gennaio, in alcuni momenti erano state necessarie 3 ore e 40 minuti, anche a causa dei restringimenti di carreggiata conseguenti al sequestro dei viadotti da parte della procura di Avellino, in particolare tra Vasto e Porto Sant’Elpidio, che avevano mandato in tilt la viabilità tra Marche e Abruzzo.

Autostrade, in quel caso, aveva attivato una mail per i rimborsi e assicurato la riduzione delle tariffe con pagamento del dovuto attraverso bonifico bancario.

17 Giugno 2020 · Andrea Ricciardi

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?