Surroga mutuo - La banca nuova mutuante chiede documenti che la banca finanziatrice originaria ritiene di non fornire

Una mia amica ha fatto richiesta di surroga da una Banca A ad un'altra B: il problema è che la Banca B ha richiesto dei documenti (in copia) che la Banca A non ritiene di dover fornire. Per l'esattezza la banca B richiede: nota di trascrizione ipotecaria Annotazione del debito e quietanza.

Ora Vi chiedo, è corretta tale richiesta da parte della Banca B? La Banca A dice di no, nel caso fosse corretta tale richiesta, come può pretendere il rilascio di tali documenti, o come può, nel caso, procurarseli la mia amica? Premetto che è da mesi che non si riesce a trovare una via d'uscita e che, nel frattempo, le rate del mutuo le sta pagando molto di più alla Banca A, rispetto a quanto pagherebbe con la Banca B.

Con l'operazione di surroga del mutuo ipotecario, il cliente mutuatario può, senza alcun costo, rimborsare in anticipo il finanziamento originario, utilizzando un nuovo prestito concesso da un diverso intermediario, il quale subentra al finanziatore originario che non può ostacolare il trasferimento del mutuo: la portabilità del mutuo si deve tassativamente concludere nei termini di legge, pari a 30 giorni dalla richiesta del cliente al nuovo mutuante di acquisire dal finanziatore originario l'esatto importo del proprio debito residuo.

In caso di ritardo, ai sensi dell'articolo 120 quater, comma 7, del Testo Unico Bancario (TUB) vigente, il cliente può chiedere al finanziatore originario (senza l'onere di individuare l'effettivo responsabile), il risarcimento del danno subito per il tardivo perfezionamento dell'operazione di surroga.

Resta salva, ad ogni modo, la possibilità per il finanziatore originario di rivalersi, per l'intero o solo parzialmente, sulla nuova banca mutuante ove provi che il ritardo sia imputabile a quest’ultima.

Pertanto, la prima cosa da fare è inviare, con raccomandata AR, un reclamo formale alla banca che ha concesso il mutuo da surrogare, lamentando l'eccessivo protrarsi del perfezionamento della pratica di portabilità.

Decorsi 30 giorni dal momento in cui il reclamo è stato ricevuto dal destinatario, qualora la problematica non avesse riscontrato un esito positivo, è possibile adire l'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) per ottenere il risarcimento (e la conclusione del trasferimento del mutuo, considerando che l'entità del risarcimento è commisurata al numero di giorni di ritardo). Il ricorso può essere presentato online, non necessitano avvocati, è sufficiente descrivere la vicenda indicando i due soggetti bancari coinvolti, il costo si aggira intorno ai venti euro che saranno restituiti al ricorrente in caso di accoglimento dell'istanza.

18 ottobre 2018 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

portabilità mutuo
ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca