Successione e rinuncia all’eredità

Nel 1990 mio marito ha cessato la libera professione per fallimento avendo in sospeso diversi debiti con finanziarie e banche. Nel 1994 è stato assunto presso la pubblica amministrazione e pertanto i creditori hanno provveduto a pignorare il quinto dello stipendio. Essendo sposata in separazione dei beni, volevo sapere se nel caso qualcuno di noi dovesse sfortunatamente mancare cosa succede. Ho intestato a mio nome due unità immobiliari ed abbiamo una figlia.

Nel caso mancasse mio marito, i creditori continueranno a trattenere un quinto della pensione di reversibilità o andranno a toccare la buonuscita? Se rinuncio all’eredità mi spetta la sua pensione di reversibilità con la trattenuta di un quinto? Se invece dovessi mancare prima io i beni immobili andrebbero a mia figlia dopo la rinuncia all’eredità di mio marito?

Per tutelare nostra figlia come devo comportarmi?

La pensione di reversibilita’ si acquisisce iure proprio e non iure successionis. Questo per dire, nelle parole di tutti i giorni, che la pensione di reversibilità, in caso di morte di suo marito, le spetterà anche con la rinuncia all’eredità e, comunque, il prelievo per pignoramento non si trasferirà al coniuge superstite.

Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) subirà, invece, un prelievo del 20% destinato ai creditori, se il decesso del coniuge dovesse avvenire prima di aver maturato il diritto alla pensione. In tale evenienza, il residuo potrà essere accettato dagli eredi (lei e sua figlia) magari con beneficio di inventario, per aver modo di verificare se i debiti lasciati dal de cuius superano quanto resta del TFR.

Analizziamo, adesso, il caso in cui sia lei a lasciare questa valle di lacrime, prima di suo marito.

La premessa è che nell’ipotesi di due coniugi con una figlia, 1/3 dell’eredità va alla figlia come quota di legittima, 1/3 al marito sempre come quota di legittima, 1/3 il disponente (lei) può lasciarlo a chi le pare tramite testamento (la quota disponibile).

Se lei non lascia testamento, l’eredità verrà ripartita al 50% fra marito e figlia.

Se suo marito rinunciasse alla propria parte, i creditori chiederebbero al giudice (ed il giudice accoglierebbe l’istanza) di sostituirsi al debitore per acquisire la quota di eredità a cui egli ha rinunciato.

Pertanto, per limitare i danni lei deve necessariamente fare testamento, disponendo che 1/3 delle sue proprietà siano attribuite a sua figlia (in tal modo i 2/3 della massa ereditaria andranno a sua figlia ed 1/3 a suo marito, e quindi, ai creditori).

Per tutelare integralmente sua figlia, dovrà invece vendere in vita le proprietà e poi, con prudenza, trasferirle il ricavato. Ricordando sempre che se i creditori avessero prova di donazioni effettuate in favore dell’erede non debitore, potrebbero sempre sostituirsi all’erede debitore per reclamare la lesione della quota di legittima e procedere alla revoca delle donazioni ed all’azione di riduzione (in pratica i creditori avrebbero diritto alla metà delle donazioni effettuate in favore di sua figlia).

10 Aprile 2015 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Successione e rinuncia eredità - La disposizione di un bonifico dal conto corrente del defunto può comportare accettazione tacita dell'eredità?
Mio padre è venuto a mancare il 3 gennaio in Francia: non abbiamo ancora potuto agire in nessuna maniera. Gli eredi sono io figlio e mia madre, che ha casa in comunione dei beni e conto cointestato. La banca in funzione del fatto che non ha avuto alcuna carta ufficiale italiana e per burocrazia risulta essere in lavorazione ha deciso d lasciare la possibilità di manovra a piacimento sul conto. Di recente mi dice mia madre ha disposto vari prelievi privati e bonifici tra cui a me. Io vorrei rinunciare all'eredita questo può pregiudicare qualcosa? ...

Rinuncia successione del nonno dopo la morte del padre
Mio padre ha impugnato la successione di suo padre defunto ed ha vinto il ricorso diventando erede dei beni del padre, solo successivamente viene a sapere che le passività erano superiori alle attività, nel frattempo muore mio padre io faccio solo la domanda di successione all'Agenzia Delle Entrate, posso fare la rinuncia all'eredità di mio nonno al posto di mio padre visto che lo stesso non aveva compiuto nessun atto tale da far ritenere accettata l'eredità vinta con il ricorso? Io voglio tenere l'eredità di mio padre ma non quella di mio nonno che è passiva ...

Dichiarazione di successione non necessaria - Ma se si intende rinunciare all'eredità?
Sul sito dell'agenzia dell'entrate c'è scritto che non c'è obbligo di dichiarazione se l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l'attivo ereditario ha un valore non superiore a 100.000 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari. Queste condizioni possono venire a mancare per effetto di sopravvenienze ereditarie. Io di beni ho solo uno scooter del 2002 di scarso valore e molti debiti, al momento del mio decesso la mia ex moglie unica beneficiaria, dovrà fare la dichiarazione di successione o può fare direttamente la rinuncia? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Successione e rinuncia all’eredità