Successione e rinuncia all'eredità

Nel 1990 mio marito ha cessato la libera professione per fallimento avendo in sospeso diversi debiti con finanziarie e banche. Nel 1994 è stato assunto presso la pubblica amministrazione e pertanto i creditori hanno provveduto a pignorare il quinto dello stipendio. Essendo sposata in separazione dei beni, volevo sapere se nel caso qualcuno di noi dovesse sfortunatamente mancare cosa succede. Ho intestato a mio nome due unità immobiliari ed abbiamo una figlia.

Nel caso mancasse mio marito, i creditori continueranno a trattenere un quinto della pensione di reversibilità o andranno a toccare la buonuscita? Se rinuncio all'eredità mi spetta la sua pensione di reversibilità con la trattenuta di un quinto? Se invece dovessi mancare prima io i beni immobili andrebbero a mia figlia dopo la rinuncia all'eredità di mio marito?

Per tutelare nostra figlia come devo comportarmi?

La pensione di reversibilità si acquisisce iure proprio e non iure successionis. Questo per dire, nelle parole di tutti i giorni, che la pensione di reversibilità, in caso di morte di suo marito, le spetterà anche con la rinuncia all'eredità e, comunque, il prelievo per pignoramento non si trasferirà al coniuge superstite.

Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) subirà, invece, un prelievo del 20% destinato ai creditori, se il decesso del coniuge dovesse avvenire prima di aver maturato il diritto alla pensione. In tale evenienza, il residuo potrà essere accettato dagli eredi (lei e sua figlia) magari con beneficio di inventario, per aver modo di verificare se i debiti lasciati dal de cuius superano quanto resta del TFR.

Analizziamo, adesso, il caso in cui sia lei a lasciare questa valle di lacrime, prima di suo marito.

La premessa è che nell'ipotesi di due coniugi con una figlia, 1/3 dell'eredità va alla figlia come quota di legittima, 1/3 al marito sempre come quota di legittima, 1/3 il disponente (lei) può lasciarlo a chi le pare tramite testamento (la quota disponibile).

Se lei non lascia testamento, l'eredità verrà ripartita al 50% fra marito e figlia.

Se suo marito rinunciasse alla propria parte, i creditori chiederebbero al giudice (ed il giudice accoglierebbe l'istanza) di sostituirsi al debitore per acquisire la quota di eredità a cui egli ha rinunciato.

Pertanto, per limitare i danni lei deve necessariamente fare testamento, disponendo che 1/3 delle sue proprietà siano attribuite a sua figlia (in tal modo i 2/3 della massa ereditaria andranno a sua figlia ed 1/3 a suo marito, e quindi, ai creditori).

Per tutelare integralmente sua figlia, dovrà invece vendere in vita le proprietà e poi, con prudenza, trasferirle il ricavato. Ricordando sempre che se i creditori avessero prova di donazioni effettuate in favore dell'erede non debitore, potrebbero sempre sostituirsi all'erede debitore per reclamare la lesione della quota di legittima e procedere alla revoca delle donazioni ed all'azione di riduzione (in pratica i creditori avrebbero diritto alla metà delle donazioni effettuate in favore di sua figlia).

10 aprile 2015 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

eredità e successione
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia
Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti. Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati ...
Rinuncia all'eredità del debitore fallito
Com'è noto, il codice civile (articolo 524) prescrive che, se il debitore rinuncia ad una eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti. Il diritto ...
Divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità
Il coniuge divorziato ha diritto, alla morte dell'ex coniuge, alla pensione di reversibilità, come prevede l'articolo 9 della legge numero 898 del 1970. Per ottenere la pensione di reversibilità, è necessario che: il coniuge superstite sia titolare di un assegno divorzile; il coniuge superstite non sia passato a nuove nozze; ...
Rinuncia all'eredità – i creditori possono accettare l'eredità in nome e luogo del rinunciante debitore
Salve, siamo tre eredi che dovremmo accettare l'eredità dei nostri genitori deceduti. Mio fratello vorrebbe passarmi i suoi diritti dell'eredità, perchè lui era amministratore unico di una SRL, alla quale da poco è stata presentata una istanza di fallimento. Vorrei sapere se i suoi diritti all'eredità li posso accettare e ...
Reversibilità della pensione di invalidità al figlio maggiorenne - Solo se riconosciuto inabile al lavoro
In caso di morte del titolare di pensione di invalidità, la pensione di reversibilità spetta al coniuge e ai figli minorenni, mentre ai figli superstiti maggiorenni spetta soltanto se essi siano riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di quest'ultimo. L'inabilità al lavoro rappresenta, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca