Immobili all'asta

Ho acquistato un immobile all'asta nel 2010. Il pignoramento risale al 1999, la proprietaria del bene è deceduta nel 2009. Ad ereditare il bene sono state le sue due figlie, ma la trascrizione della successione l'hanno fatta dopo che io mi sono aggiudicato il bene cioè nel 2011, qualche mese fa.

Questo può comportare qualche rischio per me?

Lei non corre rischi,se ha acquistato l'immobile all' asta, l'acquisto è ovviamente legittimo: né le eredi possono opporre alcunché, attesa la regolarità della procedura esecutiva espletata.

11 novembre 2011 · Carla Benvenuto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Panoramica sull'asta immobiliare giudiziaria » Consigli ed avvertenze
Dopo i recenti articoli esplicativi, ecco una panoramica completa ed esaustiva sulla pratica dell'asta immobiliare. Chiarimenti, consigli ed avvertenze. Immobile all'asta aggiudicato e intestazione ad altra persona Partiamo col dire che una volta aggiudicato l'immobile all'asta, non è possibile farlo intestare ad altra persona nel decreto di trasferimento del giudice. ...
Gli effetti della trascrizione del contratto preliminare sono soggetti a termini di decadenza
Gli effetti della trascrizione del contratto preliminare cessano e si considerano come mai prodotti se entro un anno dalla data convenuta tra le parti per la conclusione del contratto definitivo, e in ogni caso entro tre anni dalla trascrizione predetta, non sia eseguita la trascrizione del contratto definitivo o di ...
Come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore
Se il chiamato all'eredità è un debitore, il suo creditore ha spesso interesse alla trascrizione dell'accettazione dell'eredità per poter portare a termine l'azione esecutiva. Per quanto riguarda l'accettazione esplicita, o espressa, dell'eredità, essa opera in base alla dichiarazione del chiamato contenuta in un atto pubblico ovvero in una scrittura privata ...
Debiti del defunto - giudice competente per chiedere un decreto ingiuntivo nei confronti degli eredi
E' competente esclusivamente il giudice del luogo dove viene aperta la successione per le cause relative a debiti del defunto, purché proposte prima della divisione e in ogni caso entro un biennio dall'apertura della successione. La norma (articolo 22 del codice di procedura civile) nel prevedere la competenza del giudice ...
Al coniuge superstite non può mai essere conferita la qualità di possessore dei beni ereditari in conseguenza dell'esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che corredano la casa familiare
La permanenza del coniuge superstite dopo il decesso dell'altro coniuge nell'abitazione familiare appare qualificabile come esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che la corredano. Questo vale sia qualora il coniuge superstite sia legatario (successione per testamento) sia nell'ipotesi di successione legittima: pertanto deve escludersi che il ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca