Fino a quando è ammissibile l'intervento di un secondo creditore nel pignoramento avviato dal primo?

Posto che vi sono due creditori in possesso di un titolo utile per ottenere il sequestro del quinto, vorrei avere conferma che il secondo creditore non può subentrare pro-quota al sequestro del quinto qualora il primo abbia già ottenuto il sequestro e siano trascorsi più di 10 giorni dall'ordinanza del Giudice e dalla notifica all'INPS.

In particolare se è rilevante per il creditore tardivo che l'ente erogatore non abbia ancora trasferite fisicamente al primo creditore le somme a lui dovute, ma le abbia al momento soltanto accantonate.

L'intervento di un secondo creditore (munito di titolo esecutivo) nel procedimento da altri avviato, deve aver luogo non oltre la prima udienza fissata dal giudice per l'assegnazione. Di conseguenza, gli interventi spiegati oltre tale limite temporale sono considerati tardivi.

L'udienza fissata dal giudice per l'assegnazione delle somme pignorate, infatti, rappresenta un momento del procedimento esecutivo assai rilevante, in quanto segna il momento preclusivo per l'intervento tempestivo di eventuali ulteriori creditori, finalizzato ad ottenere l'assegnazione pro quota.

E' quanto dispone l'articolo 525 e seguenti del codice di procedura civile.

27 marzo 2017 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pensione di invalidità e truffa - limiti al sequestro preventivo
Il sequestro della pensione di invalidità e dell'indennità di accompagnamento è ammesso fino al quinto, anche nel caso di truffa La pensione di invalidità può essere sequestrata a fini di confisca solo fino al quinto, anche laddove si ipotizzi la truffa. Questo principio deriva dalla regola generale dell'ordinamento processuale, desumibile ...
Ipoteca su immobile sottoposto a sequestro - Il creditore non può chiedere la revoca del sequestro
Il terzo titolare di un diritto di credito assistito da garanzia reale non può essere pregiudicato dalla confisca penale eseguita su quei beni. Nessuna forma di confisca, infatti, può determinare l'estinzione dei diritti reali di garanzia costituiti sulla cosa, in puntuale sintonia col principio generale di giustizia distributiva per cui ...
Il creditore può avviare contemporaneamente più azioni esecutive nei confronti del debitore
Il creditore può valersi cumulativamente dei diversi mezzi di espropriazione forzata previsti dalla legge, ma, su opposizione del debitore, il giudice dell'esecuzione, con ordinanza non impugnabile, può limitare l'espropriazione al mezzo che il creditore sceglie o, in mancanza, a quello che il giudice stesso determina (articolo 483 del codice di ...
Sospensione della riscossione forzata esattoriale
In caso di notifica di una cartella con cui Equitalia richiede il pagamento di somme già effettuato, cosa occorre fare per bloccare le eventuali azioni esecutive o cautelari? Entro il termine di 60 giorni dalla notifica della cartella è possibile presentare a Equitalia, anche in via telematica, una dichiarazione di ...
Spese legali di precetto a carico del debitore - Il giudice deve verificarne la congruità
Il giudice dell'esecuzione ha il potere/dovere di verificare l'idoneità del titolo e la correttezza della quantificazione del credito operata dal creditore nel precetto. Il fatto che il debitore abbia il potere di contestare l'ammontare del credito azionato nei suoi confronti, non significa che, ove non lo faccia, il giudice dell'esecuzione ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca