Stipendio in contanti addio – Che cosa cambia ora?

Sono un operaio metalmeccanico, lavoro presso un’officina per riparazioni auto, e da 20 anni a questa parte il mio titolare mi ha sempre pagato, con busta paga annessa, lo stipendio in contanti.

Mi è stato detto che tra qualche tempo questo non sarà più possibile, a causa di alcune normative inserite recentemente.

Siccome per problemi economici e debitori su cui non voglio dilungarmi, avrei difficoltà ad aprire un conto corrente, vorrei sapere se ciò che ho sentito è vero e se anche io sono interessato.

Si, è così: lo stipendio sarà disposto solo con bonifico o altri mezzi di pagamento tracciabili a partire dal 1° luglio 2018.

A disporre il divieto di pagamento degli stipendi in contanti è un emendamento in Legge di Bilancio 2018, sulla base dei contenuti della Legge n. 1041, già precedentemente approvata alla Camera.

Dunque, a partire da quella data, le retribuzioni dei lavoratori subordinati e dei collaboratori potranno essere corrisposte con le seguenti modalità:

  1. bonifico su conto identificato da codice Iban indicato dal lavoratore;
    strumenti di pagamento elettronico;
  2. contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;
  3. emissione di assegno (bancario o circolare) consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato.

In caso contrario è prevista una sanzione amministrativa che va dai 1.000 ai 5.000 euro.

L’obiettivo, teoricamente, è quello di rendere tracciabili le retribuzioni, evitando il cosiddetto fenomeno delle ‘false buste paga’: casi in cui alcune aziende danno stipendi inferiori a quelli previsti dai contratti collettivi e, sotto minaccia di licenziamento, pretendono la firma del lavoratore.

10 Gennaio 2018 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Nuovo tetto massimo utilizzo denaro contante da oggi 1 Luglio 2020 - Cosa cambia?
Ho saputo che da oggi entrano in vigore alcune nuove normative fiscali, tra le quali, una delle più importanti, è il cambiamento del tetto massimo di utilizzo del contante. In definitiva, quali sono le novità? ...

Pagamenti online ed Home Banking: addio al token - Ecco cosa cambia con la direttiva europea PSD2
La mia banca mi ha inviato un messaggio in cui è scritto che dal 14 Settembre 2019 non è più possibile utilizzare la chiavetta digitale per l'accesso all'home banking, a causa di una direttiva europea. Dunque, cosa devo fare? Che cambia in sostanza? ...

Roaming cellulari: addio nell'UE » Cosa cambia per le tariffe all'estero
Roaming addio: a partire dal 15 Giugno 2017 gli operatori telefonici non possono più addebitare costi aggiuntivi per le chiamate dai telefoni cellulari e per il traffico dati degli utenti in viaggio nei Paesi UE diversi dal loro. Dalla data del 15 giugno 2017 i costi extra del roaming, ovvero l'uso del telefono cellulare dall'estero per chiamate, SMS e Internet in Europa sono stati sostanzialmente aboliti. L'Unione Europea ha stabilito i tetti massimi delle tariffe che gli operatori di telefonia mobile si pagano a vicenda quando i loro clienti si trovano all'estero, comportando la quasi totale scomparsa di costi extra ...

Dove mi trovo?