Stipendi in contanti? – E’ ufficiale lo stop dal governo

Lavoro come cameriere, da tre anni, presso un ristorante di Roma: mi è stato sempre corrisposto lo stipendio in contanti in concomitanza con la mia busta paga.

Sono stato avvertito dal principale, che, date le nuove regole, dal 1 luglio verrò pagato con assegno.

Ci vorrà quindi, sicuramente, più tempo per riscuotere il compenso.

Posso fare qualcosa?

A partire dallo scorso 1° Luglio 2018, le regole fissate dall’ultima legge di Bilancio che obbligano i datori di lavoro a usare strumenti bancari tracciabili per remunerare i loro dipendenti diventano ufficiali: stipendi esclusivamente pagati con strumenti tracciabili.

Restano al di fuori della norma i rapporti di lavoro con la Pubblica amministrazione, i lavoratori domestici come colf, baby sitter o badanti e i compensi per gli stage.

La norma, promossa già da anni serve per prevenire gli abusi ed evitare le truffe delle false buste paga, cioè il fenomeno per cui imprenditori scorretti corrispondono al lavoratore retribuzioni inferiori a quanto previsto dalla busta paga, magari sotto il ricatto del licenziamento o della non assunzione.

Nella norma si è anche precisato il concetto che la sola firma della busta paga da parte dei lavoratori non costituisce più prova del pagamento dello stipendio.

La certezza dell’avvenuto pagamento regolare, dunque, sarà data dagli strumenti per trasferire il denaro, a patto che non si inventino nuove forme di pressione sui lavoratori come il ricatto di restituire parte dell’incassato al datore di lavoro stesso.

Da luglio, intanto, i mezzi ammessi per remunerare il lavoratore saranno soltanto un bonifico, gli strumenti di pagamento elettronico, i contanti (ma solo passando attraverso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria, con mandato di pagamento) un assegno consegnato direttamente al lavoratore.

In questo modo sarà garantita la tracciabilità del flusso di denaro.

Il nuovo obbligo si applica a ogni rapporto di lavoro subordinato indipendentemente dalla durata e dalle modalità di svolgimento della prestazione lavorativa, quindi anche ai contratti a tempo determinato, ai contratti part time, alle collaborazioni coordinate e continuative, al lavoro a intermittenza o a chiamata e a tutti i contratto instaurate dalle cooperative con i propri soci.

Riguarderà anche gli eventuali anticipi o acconti e si prevedono sanzioni da 1.000 a 5.000 euro, riducibili di un terzo se si paga entro due mesi dalla contestazione.

L’Ispettorato del Lavoro a fine maggio ha fissato anche le modalità che saranno adottate per contestare la violazione del pagamento degli stipendi esclusivamente con strumenti tracciabili.

Con l’Abi, risulta avviato anche un lavoro tecnico per agevolare il monitoraggio dell’applicazione della norma, andando a chiedere le informazioni utili alle banche per verificare l’esatta corresponsione degli stipendi e l’andata a buon fine dei bonifici (in alcuni casi, potrebbero essere ordinati e poi revocati per sfuggire alle maglie dei controlli).

Nessuna notizia ancora della convenzione che per legge doveva esser sottoscritta su iniziativa del Governo con i sindacati, Confindustria, le banche (Abi) e le Poste.

Doveva servire a individuare gli strumenti di comunicazione idonei a promuovere la conoscenza e la corretta attuazione delle norme: il rischio è che gli stessi lavoratori non conoscano a fondo le tutele a loro favore.

Comunque, rispondendo alla sua domanda, se vuole evitare di perdere giorni utili facendosi pagare con assegno, è possibile farsi remunerare in contanti passando attraverso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria.

2 Luglio 2018 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Nuove regole antiriciclaggio per il pagamento degli stipendi » La busta paga non può essere corrisposta in contanti anche se di importo inferiore ai mille euro
Gli articoli 910, 911, 912 e 913 della legge 205/2017 (Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020) prevedono che, a far data dal primo luglio 2018, i datori di lavoro o committenti non possano corrispondere la retribuzione per mezzo di denaro contante direttamente al lavoratore, qualunque sia la tipologia del rapporto di lavoro instaurato. Per rapporto di lavoro deve intendersi qualsiasi rapporto di lavoro subordinato, indipendentemente dalle modalità di svolgimento della prestazione e dalla durata del rapporto, nonchè ogni rapporto di lavoro originato da contratti di collaborazione coordinata e continuativa e ...

Assegno non trasferibile e contanti
Ho debiti per un mutuo causa la mia malattia, ora sono stato licenziato sempre causa malattia e devo riscuotere tramite assegno la buonuscita e il tfr per un importo di 25 mila euro circa e non avendo un conto su cui versarli dovrò scambiarli. Chiedevo la banca può in qualche modo bloccare l'assegno o trattenermi i contanti visto che ho debiti, premettendo che la banca non è la stessa del mutuo, e in quanto tempo deve liquidarmi? ...

Coronavirus: palestre chiuse a causa del decreto del Governo - Chi ha pagato abbonamenti a lungo termine verrà rimborsato?
La mia palestra ha chiuso a causa del decreto del Governo che impone le misure precauzionali per arginare il dilagare del virus: io, però, ho pagato l'abbonamento annuale. Verrò rimborsato o mi saranno stornati i giorni in cui mi è impedito di accedere alla palestra? ...

Dove mi trovo?