Srl inattiva e incasso assegno

Un amministratore e socio unico di una Srl si reca in banca per incassare un assegno intestato alla Srl.

La srl, in CCIAA risulta inattiva, ma ha tutti gli altri numeri, partita iva, codice attività…

Il direttore ha detto di non poter né censire, né cambiare l'assegno perché la S.r.l. è inattiva.

Posso sbagliare, ma non sembra possa essere un motivo valido.

Inoltrare, con raccomandata AR, reclamo scritto alla banca affinchè illustri, nero su bianco, le motivazioni del diniego.

La banca deve rispondere entro trenta giorni dalla data in cui riceve l'istanza.

Se non motiva il comportamento del direttore oppure se le motivazioni non sembrano soddisfacenti, sarà possibile ricorrere all'Arbitro Bancario Finanziario.

5 maggio 2015 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno bancario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pagamento con assegno » Il creditore può rifiutarlo esclusivamente per giustificato motivo
Il creditore può rifiutare il pagamento di una pendenza, da parte del debitore, tramite assegno? Si, ma solo se sussiste un giustificato motivo. Il creditore può rifiutare il pagamento del prezzo mediante assegni bancari, solo per giustificato motivo. Tale giustificazione può risiedere nell'incertezza circa la provenienza dei titoli e nella ...
Assegno di mantenimento - accordi e validità
Un assegno di mantenimento, concordato in epoca successiva al provvedimento che omologa le condizioni di separazione, è comunque valido. In tema di separazione personale, le modificazioni pattuite dai coniugi in relazione all'assegno di mantenimento successivamente all'omologazione, trovando fondamento nell'articolo 1322 del Codice civile, devono ritenersi valide ed efficaci, anche a ...
Bonus bebè - una nuova chance per chi si è visto respingere la domanda
Nel caso di domande per il bonus bebé respinte perchè non è stato reperito un ISEE valido oppure perchè dalla dichiarazione ISEE non risulta convivente con il figlio per il quale è richiesto l'assegno, è prevista, su istanza del richiedente, la possibilità di riesame della domanda respinta presso la Sede ...
Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?
Una banca deve eseguire l'ordine impartito dal proprio cliente di non pagare più l'assegno già emesso. Purtroppo, però, dell'eventuale protesto resta unicamente responsabile il correntista. Chi ha già emesso un assegno può, in un momento seguente alla consegna, ordinare al proprio istituto di credito di non pagarlo più? Se si, ...
Assegno protestato per difetto di autorizzazione - Se il carnet è stato rilasciato dopo la revoca di sistema la banca è solidalmente responsabile nei confronti del beneficiario
Se un assegno viene protestato per difetto di autorizzazione, allora vuol dire che chi lo ha emesso (il traente) è correntemente oggetto di un provvedimento di revoca di sistema che gli vieterebbe, appunto, la sottoscrizione di titoli di pagamento. Qualora il carnet, da cui è stato tratto l'assegno protestato, fosse ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca