Come spogliarsi di tutti i soldi presenti sul conto corrente?

In riferimento alla mia domanda precedente, è corretto dire che il debitore può effettuare bonifici (dunque, donazioni - atti a titolo gratuito) ad un terzo o un familiare senza incorrere nella possibile revocatoria di tali atti da parte del creditore? Su internet, mi sembra di aver capito che tali atti di disposizioni siano sempre revocabili entro i 5 anni dal creditore.

Con l'introduzione nel codice civile dell'articolo 2929 bis (a far data dal giugno 2015, legge 83) il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilità o di alienazione, che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito (donazioni) successivamente al sorgere del credito, può far valere il suo pignoramento, benché successivo alla cessione del bene, senza neanche bisogno di ottenere prima una sentenza che renda inefficace l'atto (cosiddetta causa di revocatoria ordinaria).

Infatti, la norma codicistica appena citata dispone che il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilità o di alienazione, che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito successivamente al sorgere del credito, può procedere, munito di titolo esecutivo, a esecuzione forzata, ancorché non abbia preventivamente ottenuto sentenza dichiarativa di inefficacia, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l'atto è stato trascritto.

L'articolo 2901 del codice civile, che si occupa nello specifico dell'azione revocatoria di atti del debitore che possano arrecare pregiudizio al tentativo del creditore di ottenere il rimborso di quanto gli è dovuto, pone come condicio sine qua non per poter esperire l'azione revocatoria, l'esistenza di un atto negoziale in forza del quale il debitore modifica la sua situazione patrimoniale, trasferendo ad altri un diritto che gli appartiene (ad esempio, vendendo o donando un immobile o cedendo un credito) oppure assumendo un obbligo nuovo verso terzi (ad esempio, accendendo un mutuo) o ancora costituendo sui propri beni diritti a favore di altri (ad esempio diritti di usufrutto, ipoteca).

Certo, a fronte di un consistente trasferimento di denaro dal debitore al terzo, potrebbe essere eccepita dal creditore una donazione effettuata a favore del beneficiario. E sotto questo aspetto, come già sottolineato in altri interventi, potrebbe metterci lo zampino anche l'Agenzia delle Entrate, pur di esigere l'eventuale imposta. Ma la donazione dovrebbe essere dimostrata, per poter poi farla dichiarare inefficace. E, a questo punto, il debitore ed il terzo potrebbero anche convenire che l'importo trasferito era riconducibile all'adempimento di un debito scaduto (magari sottoscritto con scrittura privata avente data certa) che, com'è noto, non è soggetto ad azione revocatoria.

Insomma, gli scenari che si possono immaginare sono tanti e gli esiti incerti, ma ad ogni modo non è semplice, per un creditore, chieder ragione e far dichiarare inneficaci, nei suoi confronti, i movimenti posti in essere dal debitore sul proprio conto corrente prima della notifica del pignoramento alla banca.

Peraltro, se il creditore ritiene che, ad un dato momento, il debitore possieda risorse liquide in conto corrente sufficienti a soddisfare il credito vantato, e teme che egli possa disporne per evitarne il pignoramento, allora l'azione più indicata è quella di procedere alla richiesta di una misura cautelare come il sequestro conservativo.

13 marzo 2017 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Azione revocatoria del versamento effettuato da un terzo sul conto corrente dell'imprenditore fallito
Com'è noto, il curatore fallimentare può chiedere, tramite azione revocatoria, che siano dichiarati inefficaci gli atti di terzi compiuti in pregiudizio della "par condicio" fra i creditori. La domanda che ci si pone è allora la seguente: se un terzo effettua un versamento sul conto corrente in rosso del debitore ...
Azione revocatoria di atti del debitore - Intento fraudolento e preordinazione dolosa ai danni del creditore
Com'è noto, l'azione revocatoria è l'azione giudiziale con cui il creditore può domandare che siano dichiarati inefficaci, nei suoi confronti, gli atti di disposizione del patrimonio del debitore finalizzati a compromettere la futura riscossione coattiva del credito. Se l'azione revocatoria ha per oggetto atti posteriori al sorgere del credito, ad ...
Revocatoria di atti del debitore » prescrizione
L'azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell'atto del debitore presumibilmente finalizzato a sottrarre il proprio patrimonio dalle procedure di escussione coattiva esperibili dal creditore. Trascorsi i cinque anni dalla data dell'atto, il creditore non può più ottenere la dichiarazione di inefficacia, anche se dimostra che l'atto era ...
Requisiti per l'azione revocatoria - Quando l'atto dispositivo revocando viene effettuato dal debitore prima o dopo l'insorgenza del credito
Azione revocatoria di atti del debitore effettuati prima e dopo l'insorgenza del credito Qualora l'azione revocatoria abbia per oggetto atti del debitore disposti in epoca anteriore al sorgere del credito, è richiesta, quale condizione per l'esercizio dell'azione revocatoria, la dolosa preordinazione dell'atto da parte del debitore al fine di compromettere ...
Azione revocatoria di atti posti in essere dal debitore
L'azione revocatoria è regolata dagli articoli 2091 e seguenti del codice civile e dalla legge fallimentare. Cosa vuol dire esercitare azione revocatoria Il creditore esercita azione revocatoria degli atti posti in essere dal debitore quando riesce a farli dichiarare inefficaci nei suoi confronti, dimostrando che tali atti sono unicamente finalizzati ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca