Spese processuali

In riferimento a questa domanda, ringrazio per aver risposto, ma la cosa non mi ha affatto sollevata, anzi preoccupata molto di più.

Il problema che mi assilla di più e che fine farà a questo punto la mia casa, che come dicevo all'atto di acquisto ho intestato a me.Al riguardo, ho contattato due avvocati: uno mi ha risposto che per la casa posso stare tranquilla in quanto avendola intestata a me non dovrei avere problemi, problemi, invece, che potrebbero presentarsi per un eventuale pignoramento mobiliare; l'altro, per quanto riguarda la casa, cosa che mi preme di più dei beni mobili, mi ha detto che avrebbe studiato il caso e mi ha prospettato la possibilità di creare un fondo patrimoniale, cosa che mi lascia un pò perplessa. Alla mia domanda però di sapere, come lei mi aveva scritto, la data in cui il credito dello Stato alla riscossione di dette somme sia divenuto esigibile hanno glissato tutti e due. La prego mi aiuti lei! Sulla cartella trovo riportate due date quella dell'anno di riferimento del tributo e quella della iscrizione a ruolo,quale delle due o un'altra. Mi faccia sapere perché sono angosciata e disperata all'idea di perdere tutto.

Gentile Concita, in questo forum cerchiamo di disegnare scenari realistici per quanto possibile, in modo da rendere consapevole il debitore dei rischi "teorici" ai quali va incontro. Non scriviamo le nostre risposte in funzione del gradimento che si presume il lettore possa loro assegnare, leggendole.

Se poi la fortuna aiuta, tanto di guadagnato. La giurisprudenza, la sua applicazione e le procedure di riscossione sono attività gestite da uomini (giudici, avvocati, funzionari) e come tali possono, anche in contesti simili, generare risultati diversi. Insomma, non si tratta di una scienza esatta (ed io non sono in grado di dirle se ciò sia un bene o un male).

A mio parere, per la sua vicenda, è fondamentale far riferimento alla documentazione relativa al dettaglio delle spese. Per farle un esempio, se il giorno x l'avvocato di suo marito chiede al giudice una perizia ed il giudice l'accorda, suo marito sa che il giorno x ha contratto un debito con lo Stato per le spese da corrispondere al consulente tecnico d'ufficio.

Se, successivamente al giorno x, lei e suo marito procedete alla separazione dei beni, questo sarà un atto ininfluente in una eventuale procedura di recupero delle spese sostenute dallo stato per far fronte alla parcella del professionista chiamato a redigere la consulenza tecnica d'ufficio. Ciò perchè l'atto di separazione dei beni si pone oggettivamente come finalizzato a sottrarre i beni in comunione dal soddisfacimento delle spese sostenute dallo stato per le spese peritali.

Il Fondo patrimoniale può costituirlo per preservare i beni in futuro (e non sempre). Sicuramente non per il passato. Ormai la costituzione del fondo patrimoniale viene proposta (e venduta) ai debitori effettivi o potenziali, come la panacea di tutti i mali, ma spesso serve solo "rimpinguare" le parcelle di chi la propone.

Se io costituisco un fondo patrimoniale, poi vado a cercare un finanziamento e lo ottengo senza rendere edotto il creditore della costituzione del fondo e dei beni in esso affluiti, il fondo non serve a nulla. Posso farlo, ad esempio, nello spazio temporale che intercorre fra la costituzione del fondo e la sua annotazione nei registri immobiliari.

Se io imprenditore fallisco per l'alea da cui sono affette tutte le attività imprenditoriali, il fondo ha una sua valenza. Ma se fallisco perché sono un conclamato cattivo imprenditore, magari preso da manie di grandezza o coinvolto in operazioni fraudolente, il fondo non protegge i miei beni Un creditore determinato ed un avvocato onesto ne ottengono facilmente la revoca.

Se io investo 10 persone procurando danni non coperti dal massimale assicurativo salvo i beni confluiti nel fondo se e solo se riesco a dimostrare che l'incidente è avvenuto per lo scoppio di una gomma. Altrimenti, se mi trovavo alla guida in stato di ebbrezza, il fondo patrimoniale vale quanto il due di coppe a briscola.

10 settembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fondo patrimoniale e trust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia iscrive un'ipoteca nonostante lo sgravio del Fisco? » Deve pagare le spese processuali
Equitalia è stata condannata a pagare le spese processuali per aver iscritto un'ipoteca nonostante lo sgravio del Fisco. L'agente della riscossione è condannato a pagare le spese di causa nel caso in cui abbia iscritto ipoteca sui beni del contribuente nonostante l'avvenuto sgravio del credito da parte dell'Agenzia delle Entrate. ...
Contenzioso per spese processuali liquidate dalle Commissioni Tributarie - E' competente il giudice tributario
Quando le somme pretese dalla Pubblica Amministrazione sono riconducibili a spese legali liquidate, con sentenza passata in giudicato, nell'ambito di precedente giudizio tributario, il relativo contenzioso deve essere ricondotto alla giurisdizione tributaria. Va, dunque, affermato il seguente principio di diritto: in base alla normativa vigente, secondo cui tutte le controversie ...
Multa annullata per vizi formali? » Le spese processuali non vanno compensate tra le parti
Anche se la multa viene annullata per vizi formali, le spese di lite non vanno compensate tra le parti. E' illegittimo il comportamento del giudice che compensa le spese di lite solo perché la multa risulta annullata per vizi formali. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con ...
Separazione » Tutto ciò che c'è da sapere sulla divisione delle spese
Separazione: Obiettivo dell'articolo è aggiornare il lettore su tutte le problematiche riguardanti la divisione delle spese tra ex coniugi: si va dal diritto di abitazione alle tasse, dalle bollette alle rate del mutuo o della finanziaria da pagare. Ecco tutto ciò che occorre sapere su come vanno frazionati gli oneri ...
Separazione fra coniugi ed assegnazione alla moglie della casa familiare di proprietà esclusiva del marito - Chi deve pagare le spese per i lavori di ristrutturazione del condominio?
Nell'ipotesi che, in seguito a separazione giudiziale fra coniugi, la casa familiare di proprietà esclusiva del marito venga assegnata alla moglie affidataria dei figli minori (con conseguente costituzione di un diritto di abitazione) e che l'assemblea condominiale deliberi l'esecuzione di importanti lavori sull'edificio, comprendente l'immobile assegnato, la domanda che ci ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca