Spese di giudizio liquidate a favore comune: sussiste decadenza?

Attenzione » il contenuto di questa discussione è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Argomenti correlati:

Mi è giunta un’ingiunzione di pagamento da parte del concessionario incaricato dal comune, con cui mi si ingiunge di pagare “spese di giudizio” (più gli interessi sinora maturati, che non si capisce come siano calcolati).

Dette spese si riferiscono a 2 distinti ricorsi presso la commissione tributaria provinciale e regionale, entrambi persi, in materia i.c.i., e mi erano già state richieste dal comune a giudizio divenuto definitivo, tramite semplice raccomandata a.r., rispettivamente nel febbraio 2004 e nel giugno 2011.

Assodato che la prescrizione (decennale) per tali spese non si sia verificata, vorrei sapere se per caso sussista un qualche termine di decadenza (in particolare, mi riferisco alla decadenza triennale, per il solo primo caso del 2004, prevista dalla normativa generale sulla riscossione degli enti locali, cioè art. 1, comma 163, legge 296/2006).

Ci spiace. Ma ignoriamo eventuali termini di decadenza per un diritto di fatto già esercitato in pieno dall’amministrazione comunale.

Il che, naturalmente, non ne esclude l’esistenza.

4 Febbraio 2012 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quali sono i termini di decadenza dal potere di riscuotere le spese di giustizia?
Ai sensi dell'articolo 227 ter del Testo Unico delle spese di giustizia (D.P.R. 115/2002) nel testo precedente le modifiche apportate dalla Legge 18 giugno 69/2009, si prevedeva che Entro un mese dal passaggio in giudicato o dalla definitività del provvedimento da cui sorge l'obbligo, l'ufficio procede all'iscrizione a ruolo. Questo termine di un mese è un termine di decadenza? ...

Contenzioso per spese processuali liquidate dalle Commissioni Tributarie - E' competente il giudice tributario
Quando le somme pretese dalla Pubblica Amministrazione sono riconducibili a spese legali liquidate, con sentenza passata in giudicato, nell'ambito di precedente giudizio tributario, il relativo contenzioso deve essere ricondotto alla giurisdizione tributaria. Va, dunque, affermato il seguente principio di diritto: in base alla normativa vigente, secondo cui tutte le controversie aventi ad oggetto i tributi di ogni genere e specie, comunque denominati, compresi quelli regionali, provinciali e comunali ed ogni altro accessorio, rientra nella giurisdizione tributaria, la controversia concernente le somme, liquidate a titolo di spese processuali dalle Commissioni Tributarie nel corso di giudizio innanzi alle stesse svoltosi. Così hanno ...