Sono debitore verso una società fallita - Che fare?

Ho comprato un piccolo terreno, pagando una parte del prezzo mentre dovrò pagare la restante alla società venditrice, presso il di lei domicilio, in un'unica soluzione entro e non oltre il 31.12.2015, tramite assegno circolare o bonifico bancario.

Inoltre abbiamo convenuto che la documentazione bancaria costituirà prova contabile dell'effettivo ed avvenuto pagamento, mentre la mancata proposizione di idonea azione di tutela relativa al mancato ottenimento del saldo del prezzo-azione che comporti la trascrizione presso la competente Conservatoria dei RR. II., da effettuarsi entro un anno dall'effettivo saldo prezzo risultante dalla documentazione bancaria, costituirà prova dell'effettivo ed avvenuto pagamento, senza necessità di alcun atto di quietanza.

Ho saputo che è stato dichiarato il fallimento della società in data 12.02.2015.

Come debbo fare per effettuare il pagamento?

Deve essere il curatore a cercarmi o è mio compito sapere chi sia?

Se un contratto è ancora ineseguito o non compiutamente eseguito da entrambe le parti quando, nei confronti di una di esse, è dichiarato il fallimento, l'esecuzione del contratto rimane sospesa fino a quando il curatore, con l'autorizzazione del comitato dei creditori, dichiara di subentrare nel contratto in luogo del fallito, assumendo tutti i relativi obblighi, ovvero di sciogliersi dal medesimo, salvo che, nei contratti ad effetti reali, sia già avvenuto il trasferimento del diritto.

Quindi le conviene contattare, al più presto, il curatore fallimentare e comunque comunicargli con raccomandata A/R la disponibilità a saldare il dovuto entro la data stabilita dal contratto di compravendita.

Eviterà così il rischio di essere considerato, alla fine, controparte inadempiente.

29 ottobre 2015 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

procedure di fallimento e concordato preventivo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Azione revocatoria di compravendita immobiliare - Un caso di riconosciuta consapevolezza del pregiudizio arrecato al creditore da parte del terzo acquirente
La giurisprudenza di legittimità ha da tempo affermato che la prova del requisito della consapevolezza, da parte del terzo acquirente, del pregiudizio arrecato agli interessi del creditore, prevista quale condizione dell'azione revocatoria, può essere data con ogni mezzo e, quindi, anche con presunzioni. Nel caso specifico era stato accertato che ...
Vizi della cosa venduta - Lo scontrino fiscale è prova dell'avvenuto acquisto
A fronte dell'acquisto al dettaglio di beni di consumo, acquisto che normalmente avviene verbalmente e attraverso lo scambio reale della cosa e del prezzo, non si può esigere dall'acquirente consumatore prova più specifica e dettagliata dell'acquisto che la produzione dello scontrino fiscale rilasciato dal negoziante: documento che è da ritenere ...
Beneficio di escussione per socio di società di persone - Il creditore deve prima aggredire il capitale sociale anche se ciò comporterà solo il recupero parziale del credito
E' pur vero che, per giurisprudenza consolidata, la preventiva escussione del patrimonio sociale, affinché il creditore di una società in nome collettivo possa pretendere il pagamento dei singoli soci illimitatamente responsabili, non comporta la necessità per il creditore di sperimentare in ogni caso l'azione esecutiva sul patrimonio della società, tale ...
Il diritto di accesso alla documentazione del conto corrente e del deposito titoli del cliente e di coloro che gli succedono a qualunque titolo
Il cliente, colui che gli succede a qualunque titolo e colui che subentra nell'amministrazione dei suoi beni hanno il diritto di ottenere, a proprie spese, entro un congruo termine e comunque non oltre novanta giorni, copia della documentazione inerente a singole operazioni di conto corrente o deposito titoli, poste in ...
Azione revocatoria di compravendita » Sono sufficienti semplici elementi indiziari
In merito all'azione revocatoria, nella compravendita di un immobile, sono sufficienti anche meri elementi indiziari per provare la vendita fittizia dell'edificio. Nell'ambito dell'azione revocatoria ordinaria di un atto di compravendita, infatti, la partecipatio fraudis è provata da un quadro di elementi indiziari che valorizzano l'anomalia del comportamento delle parti, costituita ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca