Debito ceduto da banca

Un anno fa mi arrivò una lettera da parte di una socièta di recupero crediti per un debito ceduto da una banca di circa 700 euro e io non pagai.

Ora mi è arrivata un altra lettera con lo stesso credito diventato però di 1200 euro però la società di recupero crediti è un'altra e nella lettera mi invita a pagare dicendo che se non pago procederanno senza preavvisi o indugi al recupero giudiziale del credito all'esecuzione forzata mobiliare,immobiliare o al pignoramento del quinto dello stipendio.

Volevo chieder è possibile che un debito venga acquistato da 2 società diverse direttamente dalla banca? Volevo poi sapere come devo comportarmi premettendo che non ho nessun bene mobile o immobile intestato e solo lavoratore precario circa 6 mesi l'anno?

Se il recupero del credito è stato affidato dalla banca in gestione, la società affidataria ha un ben determinato periodo di tempo entro il quale può ottenere il rimborso dal debitore.

Scaduto il termine stabilito per l'affidamento in gestione, per il recupero dello stesso credito può essere incaricata un'altra società.

Se il recupero del credito è stato, invece ceduto, allora la società cessionaria può rivenderlo.

In entrambi i casi, dunque, due diverse società di recupero crediti possono bussare alla porta del debitore per esigere lo stesso credito, in tempi diversi (naturalmente, ma la cosa non è poi così scontata).

L'oscillazione dell'importo richiesto, nel solo spazio temporale di un anno, non può trovare, in una fase stragiudiziale, alcuna giustificazione in quanto a spese sostenute e/o interessi di mora maturati su 700 euro.

Ciò fa propendere per l'ipotesi che il credito sia stato ceduto dalla banca ed, in seconda battuta, dalla prima società cessionaria.

Solo così si spiega una richiesta così anomala rispetto alla prima, indirizzata al debitore senza nessuna preventiva verifica del suo stato economico patrimoniale e condita dalle solite trite e ritrite minacce di procedere senza preavvisi o indugi al recupero giudiziale del credito all'esecuzione forzata mobiliare,immobiliare o al pignoramento del quinto dello stipendio.

Come deve comportarsi? Fino a quando arrivano le lettere deve solo cestinarle. Se, invece, la contatteranno via telefono cominci fin d'ora a far pratica per imparare ad eseguire un pernacchio di petto e di testa, cervello e passione.

12 gennaio 2012 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento presso la residenza del debitore – se il valore dei beni pignorati non copre il debito
Se i mobili non coprono l'intero debito il pignoramento mobiliare non va a buon fine? Il creditore, tramite decreto ingiuntivo e precetto, può chiedere all'ufficiale giudiziario di eseguire un pignoramento presso la residenza del debitore. Non rileva che il valore dei mobili non copra l'intero debito. Il ricavato del pignoramento ...
Recupero crediti » Due agenzie accusate di minacce ed inganni
Due note società di recupero crediti, usavo metodi di riscossione alquanto discutibili. Ma, sicuramente sanzionabili. E' per questo motivo che, su segnalazione di alcune associazioni di consumatori, l'Agcm (Antitrust) ha messo nel mirino due società di recupero crediti, già note per pratiche scorrette. Parliamo di Esattoria srl e Ge.Ri. L'Antitrust, ...
Recupero crediti e violazione della privacy » Via libera al risarcimento danni
Via libera al risarcimento da pratiche aggressive nel recupero crediti. Deve essere riconosciuto il danno non patrimoniale al debitore braccato dalla società incaricata dalla banca affinché saldi il suo debito relativo a un prestito ottenuto dall'istituto. Lo ha stabilito il Tribunale di Chieti, il quale, con la pronuncia 883/12, ha ...
Cambializzazione dei debiti – accettarla significa preparare il cappio al boia
All'accordo transattivo si aggiunge, non di rado, un piano di rientro del debito basato su una rimodulazione degli importi e delle scadenze convenute nel contratto originario. Si tratta, in pratica, di un piano di rateazione tipico di una operazione di consolidamento dell'esposizione debitoria: rate di importo più contenuto a fronte ...
Costituzione di un fondo patrimoniale » La banca può esercitare azione revocatoria verso il fideiussore anche se non è ancora maturato un debito certo
L'istituto di credito può esercitare azione revocatoria ed annullare la costituzione del fondo patrimoniale da parte del fideiussore di società. Inutile la costituzione del fondo patrimoniale da parte del fideiussore: l'istituto di credito può esercitare l'azione revocatoria contro il fondo e aggredire gli immobili che vi sono stati inseriti, poiché ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca