Smartphone in regalo da Poste Italiane? - Fate attenzione: è una truffa!

Qualche giorno fa ho cliccato su un banner pubblicitario che mi informava di aver vinto uno smartphone in regalo da Poste Italiane: siccome tempo fa avevo aderito ad un concorso, ci ho creduto e ho cliccato.

Sono stato trasferito ad un'altra pagina dove dovevo immettere le mie credenziali in un form.

Ieri, però, un mio amico mi ha informato che potrebbe trattarsi di una truffa.

Che succede ora? Cosa rischio?

Una truffa online abbastanza recente riguardante ancora una volta Poste italiane: tramite un finto annuncio, con grafica riconducibile all'azienda, si annuncia l'utente della vincita di un nuovissimo smartphone.

In realtà, si rischia solo di regalare dati sensibili a dei malintenzionati.

L'annuncio dovrebbe essere del tipo Congratulazioni! Sei uno dei 10 fortunati utenti che abbiamo selezionato per avere l'opportunità di vincere un iPhone X o un Samsung Galaxy S8.

Ma c'è un problema, il quale già di per sé dovrebbe stendere un velo pietoso sul finto annuncio: esistono ben più di 10 fortunati che hanno ricevuto questo genere di annuncio.

Si tratta infatti di un adware, ovvero un virus che inganna il vostro browser celandosi sotto le mentite spoglie di un banner pubblicitario.

Non è nemmeno unico nel suo genere, poiché questo tipo di sotterfugi viene utilizzato per fare phishing, tentando quindi di carpire i dati personali dei fortunati vincitori, solitamente promettendo la vincita di qualche dispositivo elettronico.

Come da prassi nei casi di phishing, c'è sempre un link (in questo caso lo attivate tramite un apposito pulsante “Ok”), cliccato il quale si viene reindirizzati in una nuova pagina dove dovrete compilare un form, inserendo informazioni sensibili, quali password, numero della carta di credito, eccetera.

Tutti questi dati finiranno molto probabilmente in vendita nel mercato nero del dark web.

Ovviamente di questa promozione non troverete traccia sul sito di Poste italiane.

Se controllate la Url del portale ufficiale noterete sicuramente delle differenze rispetto a quella del form in cui siete stati reindirizzati, un chiaro segno che qualcosa non quadra.

8 agosto 2018 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

phishing informatico e truffa
tutela consumatore - truffe

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Automobilisti: attenzione a fare rifornimento carburante con carta di credito o bancomat » La grande truffa del blocco di somme a garanzia
Nell'articolo di oggi vogliamo raccontarvi di una pratica, purtroppo, molto diffusa: ovvero del blocco di somme (cifre esorbitanti) a garanzia, per diversi giorni, quando, in alcuni distributori, si effettua il rifornimento di carburante con carta di credito o bancomat. Vi è mai capitato di fare rifornimento di carburante presso un ...
Compensare debiti contributivi con false indennità corrisposte al lavoratore configura il reato di truffa
Integra il delitto di truffa la condotta del datore di lavoro che, per mezzo dell'artificio costituito dalla fittizia esposizione di somme dichiarate come corrisposte al lavoratore, induce in errore l'INPS sul diritto al conguaglio di dette somme, invero mai corrisposte, realizzando così un ingiusto profitto e non già una semplice ...
Autovelox » Può rispondere di truffa la società che lo occulta
Può rispondere di truffa la società fornitrice di autovelox che ne occulta il posizionamento. Inoltre è ritenuto legittimo il sequestro della strumentazione, nonostante la regolarità della stessa. Lo ha sancito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 22158 del 23 maggio 2013, ha sancito che: Può essere perseguita ...
Pensione di invalidità e truffa - limiti al sequestro preventivo
Il sequestro della pensione di invalidità e dell'indennità di accompagnamento è ammesso fino al quinto, anche nel caso di truffa La pensione di invalidità può essere sequestrata a fini di confisca solo fino al quinto, anche laddove si ipotizzi la truffa. Questo principio deriva dalla regola generale dell'ordinamento processuale, desumibile ...
Conto corrente cointestato con genitore deceduto - Truffa aggravata per il figlio che dichiara all'INPS l'esistenza in vita del pensionato defunto
Commette il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, e non quello più grave di truffa, chi percepisce la pensione di pertinenza di una persona deceduta, essendo cointestatario del medesimo conto corrente su cui confluivano i ratei della pensione, ed omette di comunicare all'INPS il decesso del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca