Clienti Sky - Troppe modifiche al pacchetto calcio? Agcom dispone possibilità di recesso gratuito

Come tanti quest'anno sono rimasto sorpreso dall'obbligo, per vedere tutte le partite della mia squadra, di effettuare un doppio abbonamento SKY-DAZN: per un po' ci ho provato pazientemente, ma alla fine, dopo l'impossibilità di vedere una partita decentemente sul Dazn, sono arrivato al limite.

Per protesta vorrei recedere anche da Sky.

Ma se lo faccio vado incontro al pagamento di penali.

Come posso fare?

Se ne è parlato per mesi della poca tollerenza dei consumatori e clienti Sky e Dazn alla spada di damocle, del doppio abbonamento per poter fruire di un'offerta calcio totale: su questo tema sono intervenute anche diverse associazioni dei consumatori.

Ma sembra sia arrivato un colpo di scena.

L'AGCOM, infatti, ha ordinato a Sky di consentire agli abbonati del pacchetto “Sky Calcio”, che hanno sottoscritto un contratto diverso rispetto a quello attuale, di poter recedere senza costi di disattivazione né penali, anche in caso di offerte promozionali.

Come accennato, da quest’estate e fino a settembre il Garante ha ricevuto diverse segnalazioni da Associazioni dei consumatori e dai clienti che lamentavano la criticità di gestire due abbonamenti calcio (Sky e Dazn) per vedere tutte le partite di Serie A con conseguente maggiore esborso economico e la necessità di una connessione internet a banda larga.

Il tutto sottolineando l'invarianza del costo dell'abbonamento a SKY nonostante la riduzione delle partite di Serie A rispetto alla stagione precedente e la mancata applicazione dell'articolo 70, comma 4, del Codice relativa al diritto di recesso senza costi di disattivazione né penali in caso di modifiche unilaterali di contratto.

Ora, è vero che gli abbonati Sky hanno diritto a uno sconto su Dazn e che la perdita di alcune partite, 3 del Campionato di Serie A per ogni giornata, è stata ricompensata con l'aggiunta di nuovi eventi come alcuni match di Champions League, Europa League, Premier League e Bundesliga, ma la sostanza secondo il Garante non cambia.

Ai vecchi clienti, ovvero quelli che hanno sottoscritto abbonamento prima della stagione 2018/2019, dovrà essere consentito come ai nuovi di poter recedere senza costi aggiuntivi.

Insomma la recente variazione contrattuale è stata considerata rilevante e non marginale.

Entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento AGCOM, Sky dovrà informare puntualmente sulla clientela di ogni diritto.

27 novembre 2018 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - telefonia internet social e pay tv

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



lunghezza totale = 6672

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca