Situazione debitoria con la banca e l'avvocato ne approfitta - Come contrastare la sua pessima condotta?

Due anni fa un avvocato ha accettato un incarico in una causa per anatocismo contro una banca, già affidata ad altro avvocato che aveva abbandonato la stessa circa 10 anni fa. La causa però era all'udienza finale prima della comparsa conclusionale e la sentenza è uscita ad inizio anno senza che io fossi informato di nulla dal mio legale, anzi con le più ampie rassicurazioni che quella causa sarebbe stata certamente vinta. Invece l'ho persa. Inoltre dal fascicolo del tribunale non emerge alcun atto di costituzione dell'avvocato. Io però la parcella l'ho pagata e vorrei denunciare questo individuo sia civilmente che penalmente. E' possibile rivolgermi ad un penalista chiedendo anche il risarcimento pecuniario per i danni a me causati dalla sua pessima condotta?

Sono diversi gli errori degli avvocati che, per i giudici, fanno scattare la responsabilità professionale e la condanna a risarcire i danni, senza mai dimenticare, tuttavia, che il professionista non è tenuto ad un obbligo di risultato, cioè un esito positivo nella vertenza in cui assiste il proprio cliente.

L'avvocato ha l'obbligo di informare il cliente sulle difficoltà del giudizio che intende intraprendere, sui rischi di insuccesso e sui costi che si dovranno sostenere con una prognosi quanto più possibile vicina alla realtà.

In particolare, l'avvocato deve risarcire il cliente se non indica una prova indispensabile per la decisione del giudizio, a meno che non dimostri di non averlo potuto fare per fatto a lui non imputabile o di avere svolto tutte le attività che, nel caso concreto, potevano essergli ragionevolmente richieste. E non tutti gli errori degli avvocati portano alla condanna a risarcire il danno ai clienti. Ad esempio, la mancata adozione di un'istanza nell'interesse del cliente potrebbe non avere conseguenze se si dimostra che l'assistito avrebbe comunque perso la causa.

Quindi, si consulti pure con un professionista di fiducia, ma attento a non cadere dalla padella alla brace, cosa che, ci sembra di capire, le è già accaduto quando il primo avvocato ha rinunciato a seguirla dieci anni fa.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

anatocismo
assistenza legale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti » consigli per contrastare le richieste di pagamento
Recupero crediti: A volte capita di essere contattati dalle agenzie per somme, spesso, mai dovute. L'importante è non abbassare la guardia. Ecco alcuni consigli utili per contrastare richieste di pagamento fasulle. Capita spesso, di solito quando si ha a che fare con società di recupero crediti note per la poca ...
Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Decorrenza degli interessi moratori per la parcella contestata
In tema di liquidazione di diritti ed onorari di avvocato e procuratore a carico del cliente, la disposizione comune alle tre tariffe forensi (civile, penale e stragiudiziale) prevede che gli interessi di mora decorrano dal terzo mese successivo all'invio della parcella. Tuttavia quando insorge controversia tra l'avvocato ed il cliente ...
Contenzioso giudiziale fra avvocato e cliente - Gli interessi per ritardato pagamento decorrono dalla data di liquidazione della parcella operata dal giudice
In ordine agli interessi per ritardato pagamento di una parcella, occorre rifarsi essenzialmente alla normativa del codice civile. Perché sia configurabile un colpevole ritardo nel pagamento del debito occorre che sussista una sufficiente certezza del suo importo: con la conseguenza che, qualora la determinazione del credito venga affidata al giudice, ...
Il debitore che ammette il debito o ne contesta l'importo rischia di non beneficiare della prescrizione presuntiva
Non può essere accolta la prescrizione presuntiva del credito quando il debitore ammette la mancata estinzione del debito e/o quando il debitore ne contesta la congruità. Secondo giurisprudenza consolidata, infatti, l'ammissione del debitore di non aver estinto il debito ovvero la contestazione, da parte dello stesso, dell'entità dell'importo preteso dal ...
Come controllare la propria situazione debitoria con l'Agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER)
Ecco come controllare la propria situazione debitoria, cartelle esattoriali ecc, con l'agenzia delle Entrate-Riscossione (ADER). Puoi verificare le cartelle esattoriali a partire dall'anno 2000, pagare, controllare le rateizzazioni e le procedure in corso. Per utilizzare i servizi on-line hai quattro modalità di accesso. Vediamo quali: SPID, Sistema Pubblico di Identità ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca