Si può evitare il pignoramento presso la residenza del debitore?

Ho letto che per evitare eventuali pignoramenti di oggetti è necessario che gli stessi siano registrati all'agenzia delle entrate. Come si procede? Tale registrazione deve essere datata prima dell'insorgenza del debito?

Il debitore ed il proprietario dei beni pignorabili possono registrare un contratto di comodato presso l'Agenzia delle Entrate per dimostrare, in ipotesi di pignoramento presso la residenza del debitore, che i beni allocati nel luogo in cui il debitore risiede (o vive) non sono di proprietà del debitore.

La precauzione torna utile quando debitore e il terzo effettivo proprietario dei beni pignorabili convivono ed il terzo non è in grado di dimostrare la proprietà dei beni pignorabili con fatture d'acquisto o altri documenti. Oppure nel caso di locazione gratuita di un locale ammobiliato al debitore.

Tuttavia, tale accorgimento non sempre evita il pignoramento: l'ufficiale giudiziario, infatti, non è tenuto a valutare la documentazione esibita e dovrebbe, comunque, procedere al pignoramento. Il contratto di comodato, però, può essere efficacemente prodotto dall'effettivo proprietario dei beni pignorati in sede di successivo ricorso al giudice dell'esecuzione (ma serve un avvocato) per procedere alla loro "liberazione".

La registrazione del contratto di comodato va fatta, naturalmente, prima della visita dell'ufficiale giudiziario.

12 agosto 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento presso residenza debitore e presunzione legale di proprietà – problematiche e possibili precauzioni

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento presso la residenza del debitore – precauzioni
Per l'Ufficiale Giudiziario, tutto quanto presente nell'appartamento in cui risiede il debitore è pignorabile, a meno che l'effettivo proprietario non riesca a produrre fattura nominativa dell'acquisto del singolo bene. Per risolvere il problema esistono diverse soluzioni. Una soluzione potrebbe consistere nella sottoscrizione di un contratto di locazione dell'appartamento ammobiliato (con ...
Equitalia e pignoramento presso la residenza del debitore » Una pratica sempre meno usata
Il pignoramento mobiliare presso la residenza del debitore, è difficilmente utilizzato da equitalia: vediamo i motivi. Coloro che vivono in un immobile in regime di affitto in comodato, e non possiedono altro che non i beni mobili che arredano l'appartamento, hanno poco da temere nei confronti di Equitalia. Ciò, perché, ...
Pignoramento a casa
Il mio compagno ha un problema con un debito nei confronti di un privato. Qualche anno fa la persona che aveva fatto il prestito ha minacciato il mio compagno, c'era stata una conseguente denuncia in seguito ritirata per accordo vervale di entrambe le parti a patto che anche il debito ...
Pignoramento presso la residenza del debitore – beni non pignorabili
L'articolo 514 del codice di procedura civile prevede una lista di beni di prima necessità non pignorabili: 1) le cose sacre e quelle che servono all'esercizio del culto; 2) l'anello nuziale, i vestiti, la biancheria, i letti, i tavoli per la consumazione dei pasti con le relative sedie, gli armadi ...
Legittimo il pignoramento di mobili presso lo studio professionale del debitore
Per quanto attiene il pignoramento delle "cose mobili" di proprietà del debitore, l'articolo 515 del codice di procedura civile prescrive, al comma terzo, che gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l'esercizio della professione, dell'arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca