Servizi postali e consegna lumaca – Risarcimento danni

Ho inviato una raccomandata AR tramite Poste Italiane che è stata consegnata al destinatario dopo ben quindici giorni, ma, purtroppo, non mi è stata recapitata nemmeno la ricevuta di ritorno: posso chiedere un risarcimento danni?

Senza l’attestato dell’Avviso di Ricevimento (AR), comunemente indicato come Ricevuta di Ritorno (RR), non è possibile avanzare alcuna pretesa di rimborso risarcitorio per il servizio espletato dal vettore Poste Italiane oltre i tempi massimi di consegna dichiarati nella Carta del servizio postale universale di Poste Italiane è redatta in conformità all’articolo 12 del decreto legislativo 261/99 ed alle delibere dell’Autorità di regolamentazione del settore postale (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni – AGCom) 184/13/CONS, 413/14/CONS e 600/18/CONS.

Cominciamo col dire subito che per lo smarrimento o il ritardato recapito dell’avviso di ricevimento non è previsto alcun rimborso: tuttavia può essere richiesto, senza costi aggiuntivi, un duplicato all’ufficio postale dietro presentazione della ricevuta di spedizione.

Una volta documentate in modo certo la spedizione e la consegna, per le raccomandate inviate in Italia, la consegna dopo il decimo giorno lavorativo successivo alla spedizione viene forfettariamente indennizzata con il costo della spedizione.

La consegna dopo il ventesimo giorno lavorativo successivo alla spedizione è rimborsata, a forfait, con 15 euro più il costo della spedizione.

Per la consegna dopo il trentesimo giorno lavorativo successivo alla spedizione o in caso di mancato recapito, sempre nelle ipotesi di raccomandata inviata in Italia, si ha diritto ad un indennizzo forfettario di 30 euro più il costo della spedizione.

Naturalmente, qualora si aspiri ad un risarcimento documentabile maggiore di quello forfettario, può essere esperito un tentativo di conciliazione presso AGCOM previo reclamo a Poste Italiano: il tentativo di conciliazione non è obbligatorio se si intende avviare un ricorso giudiziale dopo un reclamo rimasto inascoltato o insoddisfatto.

Il procedimento giudiziale dovrà essere avviato presso il giudice di pace territorialmente competente, per importi inferiori a 5 mila euro o presso il Tribunale per importi superiori. Ricordiamo che per importi inferiori a 1.100 euro, si potrà adire il giudice di pace senza bisogno di essere assistiti da un avvocato.

30 Ottobre 2019 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Risarcimento danni al terzo trasportato per caduta da motociclo
Ero a bordo di un motociclo guidato dalla mia amica proprietaria del mezzo e sono rimasta coinvolta in una caduta perché la conduttrice del veicolo sterzava improvvisamente allo scopo di evitare alcuni passanti che avevano occupato la sede stradale. Ho riportato lesioni importanti, guaribili in 30 giorni secondo il referto medico, e sono stata ricoverata tre giorni in ospedale per essere sottoposta ad ulteriori accertamenti giudicati necessari dai sanitari. Posso chiedere il risarcimento danni alla compagnia assicuratrice del mezzo dove viaggiavo come terza trasportata? ...

La banca o le poste ritardano la consegna del bancomat? Il cliente ha diritto al risarcimento danni
Può capitare che, per le più svariate ragioni (clonazione, smagnetizzazione, smarrimento) si renda necessaria la sostituzione della carta Bancomat. Se si registra un ritardo consistente per la consegna della nuova carta ed il ritardo è ascrivibile alle modalità di spedizione e comunque ad aspetti organizzativi propri della banca (o di Poste Italiane), il cliente ha diritto al risarcimento danni. Infatti, in conseguenza di tale disservizio, il cliente è inevitabilmente costretto a subire una serie di disagi che si traducono nella necessità di recarsi personalmente presso i locali della banca (o dell'ufficio postale) per effettuare prelevamenti in contanti, oltre che per ...

Danni all'immobile locato - Per ottenere il risarcimento dei danni subiti la strada maestra è quella di chiedere al giudice un Accertamento Tecnico Preventivo (ATP)
A settembre l'attuale inquilino lascerà, finalmente, l'immobile che anni fa gli concessi in locazione: l'appartamento è ridotto in condizioni fatiscenti e fra l'altro, alcuni mesi fa, ho dovuto anche risarcire il proprietario dell'immobile sottostante al mio, per infiltrazioni causate da un allagamento riconducibile al traboccamento di una piscina gonfiabile che era stata installata sulla balconata. Come devo procedere per chiedere il risarcimento dei danni subiti? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Servizi postali e consegna lumaca – Risarcimento danni