Sequestro del quinto per arretrati ricevuti da INPS per errore nella pensione – E’ giusta l’entità della ritenuta?

L’INPS ha sbagliato a fare i conteggi sulla pensione: me ne sono accorto dopo 4 anni e mezzo e la mia pensione è passata da circa 550 euro mese a mille e 25 euro. Non avevano conteggiato contributi versati prima del 1974. Mi hanno riconosciuto il credito e mi hanno pagato le differenze tra 500 e 1.100 in un’unica soluzione. Ciò mi ha danneggiato sia sotto l’aspetto fiscale, 7.400 euro di trattenuta, sia perché ad aprile 2016 avevo subito un sequestro conservativo. Ora la banca vuol trattenere 5.000 euro pari al 20% della differenza tra 25.000 euro nette incassate e 672 euro esenti. Io ho affermato che la trattenuta va fatta a partire da aprile 2016 ad oggi e cioè il 20% della differenza tra 672 e 1025 circa 60 euro mese.

Comprendo il suo ragionamento ed il conseguente disappunto, ma al creditore non possono essere opposte motivazioni come quelle da lei addotte. Se lei avesse ricevuto un’eredità oggi, potrebbe certamente rammaricarsi per il fatto che il de cuius non fosse deceduto prima del 2016 (nel qual caso, forse, avrebbe liquidato l’eredità prima del sequestro conservativo) ma non potrebbe eccepire il diritto del creditore a procedere al pignoramento dei beni ereditati.

La banca le sta semplicemente chiedendo quello che otterrebbe dal giudice (al netto delle spese di procedura) se optasse con un’azione esecutiva di pignoramento del conto corrente.

6 Dicembre 2017 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ritenuta, sequestro e pignoramento dello stipendio o della pensione del coniuge obbligato al mantenimento
Il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dell'assegno di mantenimento, dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno trenta giorni, può notificare il provvedimento in cui è stabilita la misura dell'assegno ai terzi tenuti a corrispondere periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato con l'invito a versargli direttamente le somme dovute, dandone comunicazione al coniuge inadempiente. La ritenuta così operata sullo stipendio o pensione del coniuge obbligato è tuttavia irrilevante, non trattandosi di sequestro, né di pignoramento, per quel che concerne i limiti di pignorabilità di ...

Ingente prelievo sulla pensione a causa di una trattenuta doppia per il rimborso del prestito dietro cessione del quinto
Da due mesi ho rinnovato la mia cessione del quinto sulla pensione: il mese scorso evidentemente doveva esserci già la trattenuta da parte dell'INPS che non l'ha operata. Sulla pensione di agosto ho visto che hanno effettuato la doppia trattenuta per un totale di 600 euro. Considerato che sulla mia pensione grava già un pignoramento è legale quella doppia trattenuta? Mi hanno lasciato con una pensione da miseria in questo mese. Non si poteva fare diversamente? ...

La cessione del quinto della pensione - Nuova convenzione INPS
Come è noto, la cessione del quinto della pensione costituisce lo strumento ideale con il quale anche soggetti, censiti come cattivi pagatori nelle centrali rischi pubbliche e private e/o protestati, possono ottenere un prestito senza dover ricorrere ad un garante o ad iscrizioni ipotecarie su immobili di proprietà. In particolare, la cessione del quinto della pensione attraverso banche e finanziarie aderenti allo schema di convenzione INPS, consente di accedere al credito a tassi agevolati ed in tempi rapidi. Il 30 novembre 2018 l'Istituto ha adottato il nuovo schema di convenzione finalizzata a disciplinare la concessione di finanziamenti a pensionati INPS ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Sequestro del quinto per arretrati ricevuti da INPS per errore nella pensione – E’ giusta l’entità della ritenuta?