Divorzio: ex moglie si dimette dal lavoro - Deve aumentare importo assegno di mantenimento?

Domanda di Anonimo
8 febbraio 2018 at 15:59

Dopo la sentenza di divorzio sono stato obbligato al pagamento di 1500 euro mensili a beneficio di mia ex moglie e di mio figlio, che vivono nella casa familiare.

Ora, la mia ex, ha deciso, autonomamente, di lasciare il lavoro per dedicarsi completamente a nostro figlio.

Morale della favola, ha richiesto un aumento dell'importo dell'assegno di mantenimento.

E' assurdo: devo concederglielo? Ha deciso lei di lasciare l'occupazione!

Io non voglio darle un centesimo in più.

Risposta di Genny Manfredi
8 febbraio 2018 at 16:04

In alcuni casi, se, tempo dopo il divorzio, cambiano le condizioni economiche dei coniugi, sia dell'obbligato al mantenimento che del beneficiario, può esserci una conseguente riduzione, aumento o cancellazione totale dell'obbligo di pagamento.

Se ad esempio, l'obbligato perdesse l'occupazione, potrebbe configurarsi una riduzione dell'assegno di mantenimento, o viceversa, un aumento se a perderlo fosse il beneficiario.

In tali casi, basterebbe effettuare un ricorso al giudice per ottenere la revisione delle condizioni economiche di separazione o divorzio.

Ciò, però, non è sempre possibile, poiché, le variazioni delle condizioni economiche devono, di norma, dipendere da fatti estranei e involontari all'interessato.

Infatti, come chiarito dalla Corte di Cassazione, con sentenza 3015/18, l'ex coniuge che si dimette dal lavoro, sulla base di una scelta di vita del tutto personale, non può poi pretendere la maggiorazione dell'assegno divorzile.

Dunque, niente da fare per la sua ex moglie: l'importo dell'assegno non sarà modificato.


Approfondimenti e integrazioni dal blog

Revoca assegnazione della casa coniugale - l'importo dell'assegno di mantenimento non deve essere necessariamente proporzionale al canone di mercato dell'immobile
Per giurisprudenza ampiamente consolidata, l'assegno per il coniuge, anche in sede di separazione, deve tendere al mantenimento del tenore di vita da questo goduto durante la convivenza matrimoniale, e indice di tale tenore di vita può essere l'attuale disparità di posizioni economiche tra i coniugi. E' vero che non può ...
Separazione e divorzio - Se la casa familiare non è assegnata al coniuge affidatario il canone ricavabile dalla locazione dell'immobile deve integrare l'assegno di mantenimento
Nel giudizio di separazione e divorzio, i provvedimenti necessari alla tutela degli interessi morali e materiali della prole, tra i quali rientrano anche quelli di attribuzione e determinazione di un assegno di mantenimento a carico del genitore non affidatario, possono essere adottati d'ufficio. In particolare, in materia di assegno di ...
Separazione personale » L'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge
Nell'ambito di una separazione personale, l'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge obbligato. L'assegno di mantenimento da corrispondere al coniuge beneficiario deve essere calcolato dal giudice tenendo in considerazione il reddito netto percepito dal soggetto onerato e non quello lordo. Questo l'orientamento espresso dalla Corte ...
Mantenimento » Dopo separazione ex coniuge diventa ricco? Non aumenta l'assegno divorzile
In tema di mantenimento, se l'ex marito diventa benestante, successivamente la sentenza di divorzio, l'ex consorte non ha diritto ad un aumento dell'assegno divorzile. Bisogna tener conto, infatti, nella determinazione dell'assegno divorzile, degli eventuali miglioramenti della situazione del coniuge, nei cui confronti si chieda l'assegno, qualora costituiscano sviluppi naturali e ...
Mantenimento » Aumenta l'assegno se dopo la separazione ex coniuge obbligato riceve l'eredità
Aumenta il saldo dell'assegno di mantenimento per ex moglie e figli quando, dopo la separazione, l'ex coniuge obbligato riceve un'eredità. Ciò perchè i beni acquisiti, dal coniuge obbligato, per successione ereditaria dopo la separazione legittimano l'aumento dell'assegno di mantenimento a carico della ex moglie e dei figli. I redditi inadeguati ...

Spunti di discussione dal forum

Assegno di mantenimento a favore di mio figlio con affidamento congiunto – Perché devo pagare tutto io?
Ho un figlio di 10 anni e mi sono separato un anno e mezzo circa fa: mi è stato imposto il pagamento di un assegno per 1000 euro mensili, dato che mia moglie vive con mio figlio e il suo lavoro non è sufficiente per entrambi. Il problema è che…
Assegno di mantenimento per figlio maggiorenne che studia fuori città – Devo ancora pagare?
Dopo una sentenza di separazione di qualche anno fa, mi è stato comminato il versamento di un assegno di mantenimento, sia per mia moglie che per mio figlio minorenne che risiedeva ancora con mia moglie (affidataria). Nel frattempo, però, mio figlio è divenuto maggiorenne ed è andato a studiare all'università…
Assegno di mantenimento per figli
A seguito di separazione legale, il tribunale ha decretato un assegno di mantenimento per i due figli minori. Al compimento del diciottesimo anno di età del primo figlio, che studia ancora, il mio ex marito ha deciso di versare metà di quell'assegno direttamente a mio figlio che non ha entrate…
Separazione con mio marito e casa in comodato concessa da ex suoceri – Io e mio figlio dovremmo lasciare l’appartamento?
Vivo da dieci anni in una casa nella periferia di Napoli, concessa in comodato dai genitori di mio marito, da cui mi sono separata un anno fa. Abbiamo un figlio minorenne, di cui mi è stato concesso l'affidamento. Mio marito se n'è andato di casa dopo la separazione. Ora la…
Lavoro in nero e separazione – Sussiste obbligo al mantenimento?
Sono una donna di 38 anni, sposata da 5 e con un figlio di quattro anni: ho deciso di separarmi da mio marito dopo parecchi mesi di grave crisi matrimoniale. Io al momento non lavoro, mentre mio marito fa il manovale presso una ditta, da prima di sposarci, ma ha…

Briciole di pane

Altre info