Separazione e addebito per tradimento – Posso chiedere anche risarcimento danni?

Mi sono separata con mio marito un anno fa, visto che ho scoperto che mi tradiva con mia cugina, nonché la mia migliore amica.

A causa della separazione e del tradimento scoperto, ho avuto gravi ripercussioni nella mia vita di tutti i giorni.

Una forte depressione, infatti, mi ha portato problemi sul lavoro e sui rapporti interpersonali.

Sto pensando, dunque, di chiedere, oltre al mantenimento già riconosciuto, un risarcimento dei danni non patrimoniali.

E’ possibile questo? Ci sono precedenti?

Sicuramente ci sono dei precedenti giurisprudenziali in materia di separazione tra coniugi: la Corte di Cassazione, infatti, ha affrontato diverse volte questo tema, prendendo delle chiare decisioni in merito.

Già con la pronuncia 8862/2012, gli Ermellini avevano approvato la coesistenza tra addebito del mantenimento e risarcimento del danno non patrimoniale, in caso di tradimento, spiegando che l’obbligo di fedeltà è sicuramente impegno globale di devozione, che presuppone una comunione spirituale tra i coniugi, volto a garantire e consolidare l’armonia interna tra essi (in tale ambito, la fedeltà sessuale è soltanto un aspetto, ma sicuramente, rilevante).

Quanto all’addebito, esso sussiste se vi siano violazioni degli obblighi matrimoniali, di regola gravi e ripetute, che diano causa all’intollerabilità della convivenza. (ciò anche per l’obbligo di fedeltà, come per qualsiasi altro obbligo coniugale).

La violazione di obblighi nascenti dal matrimonio che, da un lato è causa di intollerabilità della convivenza, giustificando la pronuncia di addebito, con gravi conseguenze, com’è noto, anche di natura patrimoniale, dall’altro, dà luogo ad un comportamento (doloso o colposo) che, incidendo su beni essenziali della vita, produce un danno ingiusto, con conseguente risarcimento, secondo lo schema generale della responsabilità civile. Possono dunque sicuramente coesistere pronuncia di addebito e risarcimento del danno, considerati i presupposti, i caratteri, le finalità, radicalmente differenti.

Inoltre, con la sentenza 610/12, la Suprema Corte aveva sancito che in tema di separazione e infedeltà coniugale, per ottenere il risarcimento danni non patrimoniale va provata lesione dell’integrità fisio-psichica del danneggiato.

Praticamente, in parole povere, è possibile la coesistenza dell’addebito della separazione con il risarcimento del danno. Tuttavia, per ottenere quest’ultimo, va provata la reale lesione subita.

27 Febbraio 2018 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mio marito mi tradisce online - E' possibile l'addebito della separazione e la richiesta del mantenimento?
Ho scoperto che mio marito, reiteratamente, sentiva e intratteneva rapporti virtuali con altre donne sui social network: me ne sono andata di casa, chiedendo chiesto l'addebito della separazione più il mantenimento. Lui, però, non vuole saperne, dicendo che, in realtà, non mi ha tradito concretamente e che, anzi, la mia decisione di abbandonare casa da un giorno all'altro comporta che la separazione sia addebitata a me. Chi ha ragione? ...

Danni all'immobile locato - Per ottenere il risarcimento dei danni subiti la strada maestra è quella di chiedere al giudice un Accertamento Tecnico Preventivo (ATP)
A settembre l'attuale inquilino lascerà, finalmente, l'immobile che anni fa gli concessi in locazione: l'appartamento è ridotto in condizioni fatiscenti e fra l'altro, alcuni mesi fa, ho dovuto anche risarcire il proprietario dell'immobile sottostante al mio, per infiltrazioni causate da un allagamento riconducibile al traboccamento di una piscina gonfiabile che era stata installata sulla balconata. Come devo procedere per chiedere il risarcimento dei danni subiti? ...

Casa concessa in comodato a mio figlio in occasione del matrimonio - Posso chiedere il rilascio dell'immobile nel caso di una eventuale separazione?
Ho concesso a mio figlio un appartamento in comodato in occasione delle nozze: dal matrimonio sono nati due figli ed ora sembra che i due stiano preparando le carte per la separazione, tanto è vero che mio figlio è andato a vivere da un'altra parte: posso chiedere a mia nuora il rilascio dell'abitazione, in coincidenza di una eventuale separazione? ...

Dove mi trovo?