Separazione e addebito per tradimento - Posso chiedere anche risarcimento danni?

Mi sono separata con mio marito un anno fa, visto che ho scoperto che mi tradiva con mia cugina, nonché la mia migliore amica.

A causa della separazione e del tradimento scoperto, ho avuto gravi ripercussioni nella mia vita di tutti i giorni.

Una forte depressione, infatti, mi ha portato problemi sul lavoro e sui rapporti interpersonali.

Sto pensando, dunque, di chiedere, oltre al mantenimento già riconosciuto, un risarcimento dei danni non patrimoniali.

E' possibile questo? Ci sono precedenti?

Sicuramente ci sono dei precedenti giurisprudenziali in materia di separazione tra coniugi: la Corte di Cassazione, infatti, ha affrontato diverse volte questo tema, prendendo delle chiare decisioni in merito.

Già con la pronuncia 8862/2012, gli Ermellini avevano approvato la coesistenza tra addebito del mantenimento e risarcimento del danno non patrimoniale, in caso di tradimento, spiegando che l'obbligo di fedeltà è sicuramente impegno globale di devozione, che presuppone una comunione spirituale tra i coniugi, volto a garantire e consolidare l'armonia interna tra essi (in tale ambito, la fedeltà sessuale è soltanto un aspetto, ma sicuramente, rilevante).

Quanto all'addebito, esso sussiste se vi siano violazioni degli obblighi matrimoniali, di regola gravi e ripetute, che diano causa all'intollerabilità della convivenza. (ciò anche per l'obbligo di fedeltà, come per qualsiasi altro obbligo coniugale).

La violazione di obblighi nascenti dal matrimonio che, da un lato è causa di intollerabilità della convivenza, giustificando la pronuncia di addebito, con gravi conseguenze, com’è noto, anche di natura patrimoniale, dall'altro, dà luogo ad un comportamento (doloso o colposo) che, incidendo su beni essenziali della vita, produce un danno ingiusto, con conseguente risarcimento, secondo lo schema generale della responsabilità civile. Possono dunque sicuramente coesistere pronuncia di addebito e risarcimento del danno, considerati i presupposti, i caratteri, le finalità, radicalmente differenti.

Inoltre, con la sentenza 610/12, la Suprema Corte aveva sancito che in tema di separazione e infedeltà coniugale, per ottenere il risarcimento danni non patrimoniale va provata lesione dell'integrità fisio-psichica del danneggiato.

Praticamente, in parole povere, è possibile la coesistenza dell'addebito della separazione con il risarcimento del danno. Tuttavia, per ottenere quest'ultimo, va provata la reale lesione subita.

27 febbraio 2018 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

risarcimento danni
separazione personale dei coniugi e divorzio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Equitalia: riscossione illegittima? » Ecco quando e come chiedere il risarcimento danni sia patrimoniali che morali
Riscossione illegittima da parte di Equitalia: danni patrimoniali e morali? Ecco come e quando rivolgersi al giudice per ottenere il risarcimento dei danni. Il contribuente che subisce dei danni a seguito dell'esecuzione forzata illegittima può chiedere il risarcimento a Equitalia: questo è un diritto riconosciuto dalla legge nelle ipotesi di ...
Addebito separazione personale » Per provare il tradimento del coniuge bastano anche testimonianze indirette
Per dedurre a quale dei due coniugi addebitare la separazione personale, sono ammesse anche testimonianze indirette, capaci di provare un tradimento. Sono valide le testimonianze indirette dei suoceri per l'addebito della fine del matrimonio al genero fedifrago e violento. E' quanto emerge dalla sentenza 25663/14 della Corte di Cassazione. Da ...
Disservizi voce ed internet - L'utente può chiedere il risarcimento danni all'operatore con cui ha stipulato il contratto di fornitura
Un professionista stipulava con un operatore telefonico alternativo (OLO) un contratto per la fornitura di servizi telefonici relativi alla rete fissa (chiamate voce ed ADSL per l'accesso ad internet). L'utente conveniva in giudizio l'operatore, rilevando il non corretto funzionamento dei servizi e chiedendone la condanna al risarcimento dei danni. I ...
Lavori di ristrutturazione del condominio » Per i danni ad un singolo appartamento chi è obbligato al risarcimento danni?
Condominio: chi paga quando i lavori sono fatti male e danneggiano un singolo appartamento. Quando i lavori condominiali creano un danno al singolo appartamento, si crea una complessa catena di responsabilità. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20557/14. Da ciò che si evince dalla suddetta ...
Sinistro stradale causato da ignoti - il risarcimento per danni alle cose è dovuto solo in caso di lesioni gravi alla persona
Nel caso di sinistro stradale causato da veicolo non identificato, il risarcimento per i danni alle cose è dovuto solo in caso di danni gravi alla persona, e solo per la parte eccedente la franchigia di 500 euro: per danni gravi alla persona debbono intendersi quelli che provocano postumi permanenti ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande