Sentenza e appello

Vorrei qualche delucidazione riguardo ai tempi per fare appello: lei scrive che si ha tempo 30 giorni nel caso di sentenza breve notificata al difensore o più di un anno se non notificata. Il mio avvocato invece mi dice che ho tempo 6 mesi dalla data in cui è stata emessa la sentenza dal tribunale e non parla di notifica. Non so se fidarmi del mio legale in quanto anni fa, certo di vincere, mi fece rifiutare un patteggiamento e penso che abbia capito che l'appello, se ritenessi opportuno farlo, lo farei con un altro.

In questo momento io sto aspettando una telefonata dal mio avvocato solo perchè mi dica cosa è andato storto e la cifra esatta che dovrei pagare, la mia paura però e che scadano i termini.

Poi un'altra domanda. Nel caso decidessi di non fare appello in quanto non so il costo e ormai non ho più soldi, in che maniera procedono? Possono sbattermi fuori casa, essendo proprietaria, per venderla all'asta? E questo comporta altri costi? Potrei decidere di dare un quinto dello stipendio e in questo caso la cifra lieviterebbe per via degli interessi? Non potendo pagare in un unica soluzione.

L'articolo 327 sulla decadenza dall'impugnazione dispone che:

... Indipendentemente dalla notificazione, l'appello, il ricorso per cassazione e la revocazione per i motivi indicati nei numeri 4 e 5 dell'articolo 395 non possono proporsi dopo decorsi sei mesi dalla pubblicazione della sentenza.

Le parole "decorsi sei mesi" hanno sostituito le parole “decorso un anno » in base all'art. 46, comma 17, della l. 18 giugno 2009, n. 69. La modifica si applica ai giudizi instaurati dopo il 4 luglio 2009 (art. 58, comma 1). Questo per spiegare l'errore in cui è incorso il mio collega.

Per quanto attiene, invece, il mancato risarcimento del danno come disposto dalla sentenza, lei è soggetta a tutte le azioni esecutive che la controparte riterrà di mettere in atto.

Non sarà lei, purtroppo, a decidere se "dare il quinto dello stipendio". Il creditore procederà con il pignoramento presso terzi o con l'iscrizione ipotecaria sulla casa di sua proprietà, sulla base di quella che riterrà la strategia di recupero del credito più efficace.

7 febbraio 2012 · Ludmilla Karadzic

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Appello tributario e pubblica udienza
Nulla la sentenza di appello che ha negato la pubblica udienza. Infatti, la Corte di Cassazione ha precisato che “in tema di contenzioso tributario, la richiesta di trattazione in pubblica udienza può essere formulata dalle parti non solo con atto separato, specificamente destinato a tale scopo, ma anche mediante un'esplicita ...
Illegittima la notifica della cartella esattoriale mediante affissione al portone del condominio
Per quanto ci sarebbe da approfondire anche l'aspetto riguardante la violazione del diritto di riservatezza e delle primarie esigenze di privacy del destinatario, dal punto di vista strettamente tributario rileva la circostanza che la notifica delle cartelle esattoriali affisse al portone del condominio non è da ritenersi valida. Questo l'orientamento ...
Imposta di registro e di bollo » Mai più corrisposte neanche per le sentenze d'appello dei provvedimenti del giudice di pace
Piccole cause senza imposta di bollo e di registro, l'Agenzia delle Entrate si adegua. L'Agenzia delle Entrate ha fornito importanti chiarimenti in merito all'ambito applicativo del regime di esenzione dall'imposta di registro e di bollo, previsto dall'articolo 46 della legge 21 novembre 1991, numero 374. Con la risoluzione 97/E, infatti, ...
Nulla la cartella esattoriale motivata solo con l'indicazione di omesso o carente versamento
L'agenzia delle Entrate ricorre per cassazione avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio numero 808/40 /09 del 28 dicembre 2009, che accoglieva l`appello di un contribuente avverso la sentenza di primo grado, dichiarando la nullità di cartella esattoriale relativa ai redditi IRPEF 2001. I giudici di Cassazione, con ...
Equitalia » Nulli gli atti fiscali spediti ad indirizzo errato del contribuente
Sono nulli gli atti fiscali recapitati da Equitalia a un indirizzo diverso dalla residenza del contribuente al quale è sufficiente dimostrare l'estraneità del luogo alla sua sfera soggettiva. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza 25938/13. E' stato così accolto il ricorso di un avvocato ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca