Sentenza e appello

Vorrei qualche delucidazione riguardo ai tempi per fare appello: lei scrive che si ha tempo 30 giorni nel caso di sentenza breve notificata al difensore o più di un anno se non notificata. Il mio avvocato invece mi dice che ho tempo 6 mesi dalla data in cui è stata emessa la sentenza dal tribunale e non parla di notifica. Non so se fidarmi del mio legale in quanto anni fa, certo di vincere, mi fece rifiutare un patteggiamento e penso che abbia capito che l’appello, se ritenessi opportuno farlo, lo farei con un altro.

In questo momento io sto aspettando una telefonata dal mio avvocato solo perchè mi dica cosa è andato storto e la cifra esatta che dovrei pagare, la mia paura però e che scadano i termini.

Poi un’altra domanda. Nel caso decidessi di non fare appello in quanto non so il costo e ormai non ho più soldi, in che maniera procedono? Possono sbattermi fuori casa, essendo proprietaria, per venderla all’asta? E questo comporta altri costi? Potrei decidere di dare un quinto dello stipendio e in questo caso la cifra lieviterebbe per via degli interessi? Non potendo pagare in un unica soluzione.

L’articolo 327 sulla decadenza dall’impugnazione dispone che:

… Indipendentemente dalla notificazione, l’appello, il ricorso per cassazione e la revocazione per i motivi indicati nei numeri 4 e 5 dell’articolo 395 non possono proporsi dopo decorsi sei mesi dalla pubblicazione della sentenza.

Le parole “decorsi sei mesi” hanno sostituito le parole “decorso un anno » in base all’art. 46, comma 17, della l. 18 giugno 2009, n. 69. La modifica si applica ai giudizi instaurati dopo il 4 luglio 2009 (art. 58, comma 1). Questo per spiegare l’errore in cui è incorso il mio collega.

Per quanto attiene, invece, il mancato risarcimento del danno come disposto dalla sentenza, lei è soggetta a tutte le azioni esecutive che la controparte riterrà di mettere in atto.

Non sarà lei, purtroppo, a decidere se “dare il quinto dello stipendio”. Il creditore procederà con il pignoramento presso terzi o con l’iscrizione ipotecaria sulla casa di sua proprietà, sulla base di quella che riterrà la strategia di recupero del credito più efficace.

7 Febbraio 2012 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Appello contro sentenza e proposta transattiva: è possibile?
Qualche mese fa è stata pubblicata una sentenza sfavorevole che mi ha condannato alla restituzione di una somma, secondo alcuni esperti da me consultati non dovute interamente, per anatocismo se non usura. Tuttavia sarei disposto anche ad un accordo transattivo immediato per una somma inferiore a quella sentenziata. Sarebbe compatibile e quindi possibile avanzare un accordo transattivo facendo contemporaneamente (ovvero prima o dopo) ricorso in appello? Preciso che ho ancora una ventina di giorni prima che la sentenza passi in giudicato. Grazie e cordiali saluti. ...

Sentenza civile e risarcimento danni - Rischio pignoramento stipendio?
In seguito ad un processo civile per un incidente, la sentenza del giudice ritenutomi responsabile dei danni mi costringe a pagare alla parte lesa una cifra di discreta entità, nell'ordine dei 40.000euro. Al momento la causa è in fase di appello, ma il giudice non ha sospeso temporaneamente la sentenza, per cui suppongo che la richiesta di risarcimento non tarderà a arrivare. Io vorrei però evitare di pagare prima che la sentenzia sia stata riesaminata in appello. Al momento il mio conto in banca è pressoché asciutto, poiché ho appena sostenuto una grossa spesa per beni immateriali. Non ho immobili ...

Sospensione delle attività di giustizia a causa della pandemia da coronavirus - Vendere un immobile su cui pende un contenzioso in appello
Novembre 2019, dopo anni, per un contenzioso civile di vendita immobili è stata emessa sentenza a me positiva.La controparte, nei mesi previsti, ha depositato appello stabilendo la data (che peraltro cade di domenica). In proposito il Tribunale di appello non ha ancora emesso la citazione e la data effettiva per l'appello. I quesiti che vengono posti sono: se nonostante la situazione pandemia in corso i Tribunali continuano l'attività. Circa l'appello, non essendo stata ancora emessa Citazione dal Tribunale è da considerarsi iniziato ossia, allo stato attuale, se è ancora da considerare valida la precedente sentenza positiva e vendere regolarmente gli ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Sentenza e appello