Sei un pensionato che non ha ricevuto la quattordicesima? - Ecco cosa fare

Non so per quale motivo, anche se ne ho diritto, quest'anno non ho percepito la quattordicesima sulla pensione: nessuno ha saputo darmi spiegazioni.

Devo aspettare che si accorgano dell'errore e provvedano?

Oppure devo fare qualcosa?

Il pensionato che non ha ricevuto la quattordicesima, pur avendone il diritto, non deve attenderla, con l'idea che l'Inps pagherà prima o poi, ma deve rivolgersi a un patronato per presentare idonea domanda di ricostituzione reddituale per quattordicesima.

A dirlo è l'istituto di patronato e di assistenza sociale, presente su tutto il territorio nazionale che fornisce la propria assistenza gratuita nello svolgimento delle pratiche relative a tutte le tipologie di prestazioni erogate dall'Inps.

Da quanto riferito dall'Inps, il problema delle quattordicesime non erogate sarebbe attribuibile a un disguido nella raccolta dei dati relativi ai redditi dei pensionati pervenuti allo stesso ente previdenziale da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Tale disguido avrebbe provocato delle incertezze in relazione alla situazione ‘redditualè dei pensionati e per tale ragione si è reso necessario che i patronati si attivassero per presentare all'Inps di competenza un'apposita domanda di ricostituzione della pensione.

Solo attraverso la presentazione della domanda di ricostituzione il pensionato potrà, infatti, ottenere un diritto che gli sarebbe, invece, spettato automaticamente, ovverosia la riliquidazione della pensione con decorrenza dalla data in cui ha maturato il diritto alla prestazione aggiuntiva.

Ne consegue che l'Inps dovrà erogare al pensionato la quattordicesima per l'anno di presentazione della domanda oltre agli arretrati per gli anni pregressi a partire dall'anno in cui è sorto il diritto alla prestazione (compatibilmente con il termine di prescrizione di 5 anni)".

L'Inps, invece, liquida esclusivamente l'ultima spettanza o, in caso di benefici mensili, vi provvede riconoscendo gli arretrati a far data dalla domanda, omettendo di saldare il dovuto nel rispetto della prescrizione quinquennale.

Ciò significa che, nonostante il pensionato abbia diritto a recuperare quanto gli appartiene, entro 5 anni dall'istanza, l'Inps non vi provvede automaticamente neppure quando l'interessato a sollecitarne la corresponsione.

Ma c'è di più: infatti, sulla lettera recante la comunicazione di accoglimento della pratica, che l'istituto previdenziale trasmette al beneficiario, non si legge alcuna motivazione o riferimento in merito all'esistenza e alla possibilità di procedere al recupero delle restanti somme.

Così, facendo due calcoli, il pensionato rischierebbe di non percepire ben 2.520,00 euro (fino a 5 anni) di arretrati.

In tali casi, infatti, sarà necessario, formulare un ricorso amministrativo nei confronti dell'Inps, che sarà deciso dagli organi interni dello stesso ente.

Nel caso in cui il ricorso dovesse avere esito negativo, inoltre, bisognerà rivolgersi all'autorità giudiziaria entro tre anni dalla decisione del ricorso da parte dell'Inps.

30 agosto 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pensione anzianità e di vecchiaia
pensione sociale o assegno sociale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pensione indiretta - Di cosa si tratta
La pensione indiretta è una prestazione simile ma non identica alla pensione di reversibilità, dalla quale si distingue per il solo fatto che il soggetto deceduto non era ancora titolare di pensione, ma risultava un semplice lavoratore. I familiari superstiti hanno diritto alla pensione indiretta alla morte del lavoratore sempre ...
Pensione di reversibilità per il figlio superstite del pensionato deceduto
In caso di morte dei pensionato, il figlio superstite ha diritto alla pensione di reversibilità, ove maggiorenne, se riconosciuto inabile al lavoro e a carico dei genitore al momento dei decesso di questi, laddove il requisito della "vivenza a carico", se non si identifica indissolubilmente con lo stato di convivenza, ...
Recupero crediti Inps su eredi del pensionato deceduto
Quando l'indebito percepito dal pensionato deceduto risulti conseguente alla omessa o incompleta segnalazione, da parte dell'interessato, di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione, che non siano già a conoscenza dell'Istituto, L'INPS procede al recupero delle somme indebitamente percepite, senza alcuna limitazione temporale, in quanto la omissione viene ...
Conto corrente cointestato con genitore deceduto - Truffa aggravata per il figlio che dichiara all'INPS l'esistenza in vita del pensionato defunto
Commette il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, e non quello più grave di truffa, chi percepisce la pensione di pertinenza di una persona deceduta, essendo cointestatario del medesimo conto corrente su cui confluivano i ratei della pensione, ed omette di comunicare all'INPS il decesso del ...
Eredità – cosa fare quando arriva una cartella esattoriale al defunto
Capita spesso che una cartella esattoriale arrivi a un genitore defunto: in questa triste evenienza l'errore più comune dei familiari è di accettare la cartella e di non respingerla facendovi mettere dal postino la dizione "destinatario defunto", possibilmente con l'esibizione di un certificato di morte. Lo stesso bisognerebbe fare se ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca