A distanza di quasi dieci anni Il creditore continua a segnalare in CRIF il mio stato di debitore insolvente

Premesso che sono un cattivo pagatore, vorrei sapere perchè i vari creditori (banche e finanziarie), in 10 anni, non hanno più rinnovato la segnalazione della mia posizione debitoria in CRIF pur non avendo saldato i miei vari debiti; mentre una Banca, dove tra l'altro sono solo un garante per firma (fidejussore), dopo quasi 10 anni, e cioè precisamente a settembre 2015, nell'ultima CRIF che ho richiesto (giugno 2015), continua a segnalare lo stato con la lettera S (sofferenza). Sono gli ultimi, sono i più tenaci? Perchè lo fanno, che vantaggio hanno pur sapendo che non potrò mai saldare il debito con loro?

Il ruolo che svolge la Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF) è quello di segnalare, ai soggetti creditori aderenti, il merito creditizio (credit score) del debitore in cerca di prestiti.

Lo scopo viene raggiunto attraverso l'obbligo di inserimento in banca dati degli eventi positivi e negativi (puntualità nei rimborsi) relativi al debitore. Le finanziarie e gli istituti di credito che alimentano l'archivio sono poi gli stessi soggetti autorizzati anche alla sua consultazione.

Si capisce bene, allora, che il comportamento a cui è obbligato contrattualmente l'aderente è proprio quello di perseverare nella segnalazione, in modo da consentire a tutti gli altri creditori, che della centrale rischi si servono, di valutare correttamente il credit score del debitore. Diversamente verrebbe vanificato lo scopo della Centrale Rischi.

Ora, può capitare che, nel tempo, alcuni creditori originari cedano la posizione debitoria a terzi (società di recupero) che non partecipano alla CRIF (magari aderenti ad altre banche dati dei cattivi pagatori quali Experian e CTC, ad esempio) i quali, di conseguenza, non sono obbligati a perpetuare la segnalazione in CRIF.

Pertanto, la permanenza in CRIF del nominativo del debitore non è legata tanto alla probabilità statistica di recuperare il dovuto quanto, piuttosto, alla necessità di rendere affidabili ed aggiornati i contenuti dell'archivio, evitando, per quanto possibile, che il debitore insolvente possa rientrare nel circuito del credito.

21 luglio 2015 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
centrale rischi CRIF
merito creditizio - credit score

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Violazioni del Codice della Strada rilevate dalla Polizia di Stato - Aumentano le spese di notifica e accertamento
A decorrere dal 15 settembre 2015, le spese di accertamento e di notifica dei verbali di contestazione, da porre a carico dei responsabili del pagamento delle sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada accertate da personale della Polizia di Stato, sono determinate in Euro 15,23, IVA compresa. Conseguenze dell'entrata ...
Vendita a distanza » Come difendersi dalle scorrettezze con l'Antitrust
A partire da giugno 2014, sarà possibile segnalare all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm), tramite posta ordinaria, fax o posta, la violazione di alcune norme che regolano la vendita di beni o servizi effettuata a distanza oppure fuori dai locali commerciali. Avete acquistato, senza volerlo realmente, qualche prodotto ...
Congedi parentali - Come presentare la domanda all'INPS
La riforma del Testo Unico maternità/paternità consente ai genitori lavoratori o lavoratrici dipendenti di fruire dei periodi di congedo parentale residui fino a 12 anni di vita del figlio oppure fino ai 12 anni dall'ingresso in famiglia del minore adottato o affidato. Tale estensione è possibile per i periodi di ...
Segnalazione in CRIF del cattivo pagatore - legittima solo se al debitore è stato notificato il dovuto preavviso
Per la segnalazione in CRIF di una posizione debitoria è necessaria la notifica di un preavviso di iscrizione al debitore. La banca, la finanziaria o l'intermediario che abbiano erogato il prestito non rimborsato ed abbiano inoltrato a Crif le relative segnalazioni di ritardo o inadempienza, senza fornire al debitore il ...
Bonus bebè - una nuova chance per chi si è visto respingere la domanda
Nel caso di domande per il bonus bebé respinte perchè non è stato reperito un ISEE valido oppure perchè dalla dichiarazione ISEE non risulta convivente con il figlio per il quale è richiesto l'assegno, è prevista, su istanza del richiedente, la possibilità di riesame della domanda respinta presso la Sede ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca