Può una banca segnalare una sofferenza in CR banca d'Italia senza preavviso?

Premetto che la cifra è inferiore a diecimila euro e che prima della appostazione a sofferenza non era presente nulla nella già citata CR Bankitalia. Al momento sono segnalato da un recupero crediti "Danubio srl" (che ha acquistato il credito da banca Unicredit) che sta reiterando la segnalazione dal 2014 per lo stesso importo ma senza neanche chiedermi il rientro o informarmi di possedere il credito. Preciso non ho avuto mai ricevuto nessuna comunicazione.

Banche e finanziarie comunicano mensilmente alla Banca d'Italia il totale dei crediti verso i propri clienti: i crediti pari o superiori a 30 mila euro e i crediti in sofferenza di qualunque importo.

Detto questo, ci sembra impossibile che Danubio Blu srl possa reiterare la segnalazione, a meno che non sia stata autorizzata dal creditore originario, essendole stata affidata la sola gestione del recupero coattivo dell'importo a sofferenza, oppure che rappresenti una finanziaria vigilata da Bankitalia. Ma questo aspetto, in definitiva, poco interessa in questa sede.

Si parla di sofferenza quando il cliente è valutato in stato di insolvenza (cioè irreversibilmente incapace di saldare il proprio debito) anche se questo non è stato accertato in sede giudiziaria.

La classificazione a sofferenza è il risultato della valutazione della situazione finanziaria complessiva del cliente da parte della banca o dell'intermediario finanziario.

Le banche e gli intermediari finanziari devono informare per iscritto il cliente e gli eventuali coobbligati (ad esempio i garanti) la prima volta che lo segnalano a "sofferenza".

A proposito del preavviso di segnalazione, va innanzitutto premesso che una comunicazione può essere spedita con raccomandata A/R ed essere recapitata al destinatario in un momento di temporanea irreperibilità, per cui viene portata in giacenza all'ufficio postale. L'avviso di giacenza lasciato dal postino, peraltro, può andare smarrito ed al destinatario quella comunicazione continuerà a restare ignota.

Inoltre, il Collegio di Coordinamento dell'Arbitro Bancario Finanziario (ABF - decisione 3089/2012) ritiene che quando la banca abbia segnalato un proprio cliente in una centrale rischi e non riesca a fornire la prova dell'invio del necessario preavviso di segnalazione a mezzo di posta raccomandata od altro mezzo di trasmissione equivalente, ma alleghi di averlo inviato mediante posta ordinaria, offrendo copia delle missive asseritamente spedite, la questione debba risolversi statuendo che in tale ipotesi l'intermediario segnalante rimane gravato dell'onere di provare la conoscenza della comunicazione da parte del destinatario: ma che, in assenza di prescrizioni normative circa la forma di tale specifica comunicazione, da tale lacuna probatoria non può conseguire automaticamente una valutazione di illegittimità della susseguente segnalazione.

In pratica, il giudizio di illegittimità della segnalazione non può basarsi esclusivamente sulla insistenza del cliente segnalato relativamente agli aspetti meramente formali del preavviso, i quali possono indurre a ritenere che egli abbia ragionato in termini di inopponibilità delle comunicazioni ricevute piuttosto che in termini di effettiva mancata informazione.

Insomma, la segnalazione in centrale rischi non è illegittima quando sussistano una pluralità di indici, concordanti gravi e precisi che inducano a ritenere razionalmente che l'informazione di preavviso sia comunque pervenuta a conoscenza del ricorrente, anche se non nella forma di comunicazione effettuata tramite raccomandata.

Posso capire (ed anche concordare con lei) che sia ingiusto un tale approccio: ma, se un nostro lettore ci chiede se sussistano elementi per opporsi giudizialmente ad una segnalazione in centrale rischi, effettuata dalla banca senza alcun preavviso, noi ci sentiamo in dovere di metterlo in guardia con una informazione completa (per quanto ci è possibile). Tutto qui (e non ce ne abbia a male).

22 novembre 2017 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

centrale rischi banca d'italia
segnalazione centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Preavviso di segnalazione in Centrale Rischi - Se omesso la segnalazione è illegittima
Ai fini della liceità e della correttezza delle segnalazioni in Centrale Rischi gestite da società private, in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, è necessario che il preavviso di segnalazione sia non solo inviato, ma altresì pervenuto all'indirizzo del debitore al quale è destinato. Nel caso ...
Segnalazione alla CRIF di credito in sofferenza - illegittima per il ritardo di una sola rata
Il Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità dei pagamenti, prevede all'articolo 4, 6° comma, lettera a), che nei sistemi di informazioni creditizie di tipo positivo e negativo, come quello gestito da CRIF, ...
Centrale Rischi » E' illegittima la segnalazione dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca
E' illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca La segnalazione di una posizione in sofferenza presso la Centrale Rischi, infatti, richiede la valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente, e non può quindi scaturire dal mero ritardo nel pagamento del debito ...
Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...
Tutela degli utenti dei servizi bancari e finanziari - Come segnalare scorrettezze o irregolarità degli intermediari
Il cliente che vuole segnalare alla Banca d'Italia un problema nella propria relazione con una banca o un intermediario finanziario può farlo in modo semplice e diretto utilizzando il modulo per l'esposto disponibile sul sito dell'Istituto di emissione. Il modulo aiuta il cliente a rappresentare in modo sintetico e completo ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca