Segnalazione permanente in CRIF per debito residuo non rinunciato - Come rimediare?

Nel 2010, A seguito di alcune rate non pagate e contattati da Agos per il recupero delle stesse, decidiamo di saldare in toto il finanziamento, ad esclusione degli interessi, ovvio.

Purtroppo la pratica é stata gestita come Saldo a Stralcio anche se così non é stato perché abbiamo restituito tutto il capitale residuo.

A distanza di anni, ogni volta che vogliamo accedere ad credito al consumo, il diniego é giustificato da questa segnalazione che rimane nei sistemi del CRIF oltre i termini indicati dei 36 mesi successivi il saldo del finanziamento.

Abbiamo scritto tempo addietro al CRIF invitandoli ad effettuare la cancellazione. Come possiamo agire per fare togliere definitivamente questa segnalazione?

Sia che il debito sia stato saldato per intero, o solo parzialmente (a saldo stralcio) con, o senza, rinuncia al residuo ex articolo 1236 del codice civile, quando si è pagato in ritardo più di due rate la segnalazione permane per due anni a decorrere dalla data di avvenuta regolarizzazione. Dopo due anni la segnalazione negativa deve essere cancellata dal gestore della Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF).

Pure ammesso, e non concesso, che vi siano stati disguidi interpretativi circa le modalità di perfezionamento del ritardato rimborso del prestito (parziale o integrale, poco importa) i dati della posizione debitoria (riferita ad un evento pregiudizievole) non possono essere conservati per più di tre anni dal momento in cui scade il piano di rimborso previsto dal contratto di prestito (data in cui avrebbe dovuto essere corrisposto l'importo relativo all'ultima rata).

Nella situazione prospettata è come se AGOS continuasse, attivamente, a reclamare qualcosa (probabilmente il residuo del debito) persistendo nelle segnalazioni alla CRIF.

A questo punto conviene chiedere formalmente (con raccomandata AR) alla CRIF la cancellazione della propria posizione debitoria (segnalando nome, cognome, codice fiscale del contraente, riferimento del contratto di prestito, ragione sociale del creditore e data di regolarizzazione del contenzioso). E ad AGOS di segnalare nuovamente al gestore della centrale rischi l'estinzione del prestito, ricordando che l'accordo intervenuto fra le parti prevedeva, comunque, la rinuncia a qualsiasi ulteriore pretesa.

Decorsi 30 giorni dalla consegna delle due raccomandate, in assenza di riscontro, o qualora le risposte di CRIF ed AGOS risultassero insoddisfacenti, non resta che presentare ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF).

Si tratta di una procedura assai semplice, non richiede assistenza tecnico legale né la presenza del ricorrente alla discussione arbitrale; il ricorso si presenta inviando un dossier in cui vengono descritti i fatti ed allegati i documenti necessari (reclami inviati a CRIF ed AGOS nonchè attestati dei pagamenti effettuati a favore di AGOS) insieme al versamento di 20 euro che verranno restituiti dalla controparte in caso di accoglimento del ricorso.

Qui le istruzioni nel caso volesse decidesse di presentare l'istanza di arbitraggio.

31 ottobre 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo a saldo stralcio e debito rinunciato
cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
liberatoria per annotazione nelle banche dati cattivi pagatori
ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Segnalazione alla CRIF di credito in sofferenza - illegittima per il ritardo di una sola rata
Il Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità dei pagamenti, prevede all'articolo 4, 6° comma, lettera a), che nei sistemi di informazioni creditizie di tipo positivo e negativo, come quello gestito da CRIF, ...
Ritardato pagamento di una o due rate - obbligo preavviso e divieto di segnalazione come grave morosità
Il "Codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità dei pagamenti", prevede all'articolo 4, sesto comma, lettera a), che nei sistemi di informazioni creditizie di tipo positivo e negativo, come quello gestito da CRIF, ...
CRIF EURISC – Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria
Fra i SIC privati assume una importanza rilevante la crif (Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria), nota anche come EURISC. CRIF La crif gestisce un archivio dati privato (EURISC appunto)  a cui aderiscono le principali banche italiane. La crif è specializzata nella realizzazione e gestione di sistemi di referenziazione del credito, anche noti semplicemente come ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca