Segnalazione a sofferenza in Centrale rischi della Banca d'Italia - Quando sarà cancellata?

Una finanziaria ha inoltrato una segnalazione a sofferenza a mio nome: alla banca d'Italia risulta tale segnalazione, quanto rimane prima che venga cancellata?

Il creditore (un istituto di credito, o una finanziaria) deve segnalare il cliente (si tratta di un obbligo di legge) alla Centrale Rischi della Banca d'Italia se l'esposizione debitoria non è inferiore ai 30 mila euro.

La segnalazione obbligatoria viene classificata come "a sofferenza" se il creditore ritiene il debitore, sulla base di una autonoma valutazione della situazione economico patrimoniale complessiva del cliente, irreversibilmente incapace di saldare il proprio debito.

La segnalazione non deve essere periodicamente reiterata quando l'indebitamento complessivo del cliente scende al di sotto dei 30 mila euro euro oppure, naturalmente, a fronte dell'integrale rimborso del prestito.

Poiché banche e finanziarie non possono accedere alle informazioni storiche contenute in centrale Rischi in una finestra temporale mobile che eccede, a ritroso, i 36 mesi, si può anche dire che la segnalazione viene cancellata (non è più visibile) decorsi tre anni dal momento in cui il prestito è estinto o l'indebitamento complessivo (gravato dagli interessi di mora) scende al di sotto dei 30 mila euro.

2 agosto 2017 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
centrale rischi banca d'italia
segnalazione centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Segnalazione alla Centrale Rischi Bankitalia - Illegittima se effettuata per mero ritardo nel pagamento del debito
E' certamente illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi della Banca d'Italia, quando è stata effettuata a sofferenza per un mero ritardo nel pagamento del debito. Come si trae dalle relative istruzioni emanate al riguardo dalla Banca d'Italia, nella categoria di censimento sofferenze va ricondotta l'intera esposizione per cassa nei confronti ...
Segnalazione alla Centrale Rischi di un credito in sofferenza - quando è legittima e quando determina il risarcimento del danno
Ai fini dell'obbligo di segnalazione in centrale rischi che incombe sulle banche, il credito può essere considerato in sofferenza allorché sia vantato nei confronti di soggetti in stato di insolvenza, anche non accertato giudizialmente o che versino in situazioni sostanzialmente equiparabili, nozione che non si identifica con quella dell'insolvenza fallimentare, ...
Centrale Rischi » E' illegittima la segnalazione dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca
E' illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi dopo l'accettazione del piano di rientro da parte della banca La segnalazione di una posizione in sofferenza presso la Centrale Rischi, infatti, richiede la valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente, e non può quindi scaturire dal mero ritardo nel pagamento del debito ...
Segnalazione in centrale rischi da parte dell'istituto di credito » Ecco quando è illecita
Quando il cliente di un istituto di credito è insolvente, la banca ha l'obbligo di segnalarlo alla Centrale rischi. Ma a volte la segnalazione può essere illecita. Infatti, c'è una procedura da rispettare. Prima della messa a sofferenza, l'istituto di credito deve necessariamente fare una valutazione complessiva del cliente e ...
Centrale rischi Bankitalia - La segnalazione di sofferenza del credito è legittima anche in assenza di una condizione di insolvenza del debitore
Il Servizio per la centralizzazione dei rischi creditizi, comunemente denominato Centrale Rischi ed affidato alla Banca d'Italia, costituisce uno strumento di ausilio per gli intermediari per la valutazione del merito creditizio della clientela e, in generale, per l'analisi e la gestione del relativo rischio, attraverso il quale si persegue l'obiettivo ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca