Seggiolini anti abbandono per bimbi? - Presto obbligatori in auto

Ho letto su un quotidiano che tra poco la normativa stradale includerà obbligatoriamente la presenza di seggiolini anti abbandono per chi guida con bambini in macchina.

Nel dettaglio, come sono fatti questi nuovi seggiolini?

Quanto costano?

il Governo sta tentando di arginare l'escalation di bambini "dimenticati" in auto proponendo l'obbligatorietà dei dispositivi che segnalano la presenza del piccolo passeggero.

Ad annunciarlo è il Ministro dei Trasporti, che vorrebbe proporre un disegno di legge, da approvare entro il prossimo autunno, che apporterà diverse modifiche al Codice della Strada.

In particolare, si vuole risolvere il problema imponendo l'inserimento di un sensore sui seggiolini omologati per le auto che, quando la persona al volante scende dalla vettura lasciando il piccolo a bordo, emette un segnale di allarme e invia anche un messaggio sulla chiave dell'auto o sullo smartphone del proprietario.

Chicco, azienda attiva nel commercio di articoli per bambini, ha messo in vendita questi speciali seggiolini proprio da quest’anno.

Dopo l'installazione in auto è possibile per i genitori automobilisti scaricare l'App gratuita di Chicco BebèCare sul proprio smartphone, configurando l'account famiglia e collegando il seggiolino al software tramite un QR Code.

In questo caso, l'allontanamento del cellulare dal seggiolino farà partire l'avviso immediato sottoforma di allarme acustico e visivo.

Entro 40 secondi l'utente può silenziare manualmente l'allarme che qualora non fosse disattivato, invia un sms a tutti i numeri di emergenza registrati nell'account famiglia sulla App, insieme alle informazioni di geolocalizzazione del veicolo.

I seggiolini che adottano questa tecnologia sono quelli per bambini con un'altezza compresa tra 40 e 78 cm e massimo 13 chilogrammi di peso e per adesso l'applicazione funziona solo con i telefonini Samsung.

Da novembre l'azienda aggiornerà il software rendendolo disponibile anche per i dispositivi Android e iOS, mentre in un secondo momento sarà possibile acquistare sediolini con i particolari sensori anche per bambini fino a 105 centimetri di altezza.

Ricordiamo che dallo scorso anno sono entrate in vigore le normative R44/04 e R129 (i-size) che prendono in considerazione i parametri per la scelta del modello di seduta più adatto, in base al peso e all'altezza del bambino.

La modifica della prima direttiva prevede che i bimbi al di sotto dei 125 centimetri di altezza non possono più viaggiare in auto senza un rialzo con schienale, che assicura una protezione maggiore in caso di sinistro.

La variazione per la normativa R129 è partita invece in un secondo momento (la scorsa estate) e ha riguardato i ragazzini di statura non oltre i 150 centimetri.

La nuova regola ha previsto l'abolizione della vendita dei seggiolini senza schienale: inoltre è caduto l'obbligo del sistema ISOFIX – previsto per gli adolescenti tra i 100 e i 150 centimetri di altezza – lasciando la scelta del dispositivo più adatto ai genitori.

Ricordiamo che chi non utilizza cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta per bambini è soggetto a una sanzione amministrativa che va da un minimo di 80 euro ad un massimo di 323 euro.

Il conducente dell'auto che prende due multe (in un tempo di due anni) per la violazione dell'obbligo di dotarsi di seggiolino auto, sarà sottoposto alla sospensione della patente per un periodo che va dai 15 giorni ai 2 mesi.

Tuttavia, gli italiani sembrano dare poca importanza alle sanzioni e soprattutto alla sicurezza in auto, visto il basso numero di persone che usa il seggiolino per i propri figli. In

base alle stime dell'Associazione di consumatori ADOC (Associazione Difesa Orientamento Consumatori), il 65% degli italiani non usa i seggiolini in modo continuativo, mentre il 27% li usa in modo sbagliato e l'8% preferisce farne a meno.

Pochi giorni fa è stato testato un nuovo seggiolino che ha la particolarità di avere in dotazione una super protezione nascosta (airbag) che si attiva nel momento di un sinistro.

Il sediolino può essere utilizzato per bambini dai 4 mesi ai 4 anni circa che raggiungono un peso massimo di 19 chilogrammi e un'altezza dai 61 ai 105 centimetri.

Gli airbag del nuovo seggiolino si attivano immediatamente, gonfiandosi in una frazione di secondo ad aria fredda e garantendo una protezione ottimale per testa e collo.

In più il sistema di protezione è garantito a vita e può essere sostituito gratuitamente in caso di incidente.

27 luglio 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rc auto » Scopriamo l'assicurazione a guida esclusiva
Una delle possibilità di risparmio per chi si cimenta nei meandri dei contratti rc auto, è quella che prevede la guida esclusiva. Vediamo di cosa si tratta. Sono sempre di più gli italiani che, per cercare di risparmiare sui premi delle polizze auto, scelgono di approcciare al mondo della tutela ...
Sinistro stradale con morte del conducente » Guida spericolata? Nessun risarcimento danni
Sinistro stradale a causa di velocità eccessiva e inadeguata al contesto: motociclista colpevole per il drammatico incidente. Non sussiste alcun risarcimento danni. Alla persona deceduta in un sinistro stradale, vista la cattiva condotta tenuta alla guida, è addebitabile l'incidente che gli è costato, purtroppo, la vita. Ciò rende inutile la ...
RC auto - il diritto di rivalsa
In caso di sinistro stradale, l'assicurazione può rivalersi contro l'assicurato in caso di gravi violazioni ("diritto di rivalsa")  La rivalsa è un diritto delle compagnie di assicurazione che, dopo aver pagato il risarcimento danni alle terze persone coinvolte in un incidente, possono chiedere al proprio assicurato, un rimborso qualora sussistono ...
Segnaletica confusa e poco visibile » La multa è nulla
Nel caso in cui la segnaletica stradale si presenti, agli occhi dell'automobilista, ben poco visibile ed evidentemente confusa, al punto da rendere incomprensibili e poco intuibili, a prima vista, gli obblighi prescritti dal codice della strada, la multa è da considerarsi nulla. La segnaletica stradale è accalcata e confusionaria? I ...
Multe » I ricorsi sono sempre più cari
Multe, i ricorsi sono sempre più cari: più impervia la strada del contenzioso. Per chi vuole difendersi dalle multe, proponendo ricorso al giudice di pace, è bene, di questi tempi, valutare attentamente i costi della causa anche alla luce del nuovo aumento del contributo unificato, il quale, per la sanzioni ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca