Se non pago Equitalia possono arrestarmi?

In merito alla mia domanda precedente vorrei capire: se non pago i miei debiti con Equitalia e le cifre maggiorate degli interessi continuano ad aumentare potrebbero anche arrestarmi? Subentra il reato penale?

Una volta che il debito è stato iscritto a ruolo e il debitore non paga nei 60 giorni fissati dalla legge, che decorrono dalla data in cui gli è stata notificata una cartella esattoriale o un avviso di accertamento immediatamente esecutivo, l'unica arma in mano al creditore è quella di affidare la riscossione coattiva all'agenzia delle entrate-riscossione (Equitalia fino al 30 giugno 2017), che può agire con pignoramento dello stipendio (o della pensione) o di altri crediti che il debitore vanta nei confronti di terzi, con l'espropriazione immobiliare, del conto corrente e di altri beni intestati al debitore, oppure attraverso l'iscrizione di ipoteca e/o fermo amministrativo.

La persistente inadempienza del debitore rispetto alla somma dovuta, anche se negli anni essa cresce in ragione degli interessi legali applicati, nonchè a fronte di eventuali azioni esecutive infruttuose, non trasforma la sanzione amministrativa in sanzione penale.

Il debitore può commettere reato prima della formazione del debito iscritto a ruolo, quando pone in atto comportamenti specifici puniti dalla legge con sanzioni tributarie di tipo penale e non amministrativo. Ovvero nei casi di seguito elencati:

  • Per quanto riguarda l'imposta sul valore aggiunto (IVA) e l'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), in caso di dichiarazione annuale omessa, se l'imposta evasa è superiore a 50 mila euro (soglia di punibilità). Si rischiano da 18 mesi a 4 anni di reclusione.
  • Per l'IVA, se l'imposta dovuta e non versata (in base alla dichiarazione presentata non infedele) supera la soglia di 250 mila euro. La pena prevista varia dai 6 mesi a 2 anni di reclusione.
  • In riferimento all'IRPEF e all'imposta dovuta e non versata (in base alla dichiarazione presentata non infedele), per l'omesso versamento delle ritenute d'acconto in misura superiore a 150 mila euro. Il reato comporta una pena detentiva che varia da un minimo di sei mesi ad un massimo di 24 mesi.
  • Per le dichiarazioni presentate, ma infedeli, di IVA e IRPEF (in pratica, quando sono stati riportati elementi attivi inferiori a quelli effettivi e/o elementi passivi superiori a quelli effettivi o addirittura inesistenti) la soglia di punibilità scatta se l'imposta evasa supera i 150 mila euro. La pena detentiva varia da 1 a 3 anni.

20 agosto 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

evasione fiscale e contributiva e/o omesso versamento degli importi dovuti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Figli minori e violazione dell'obbligo di mantenimento - quando sussiste reato
L'omesso versamento del mantenimento per i figli minori costituisce reato solo se questi restano privi dei mezzi di sussistenza (articolo 570 del Codice penale) L'articolo 570, comma 2, numero 2, del Codice penale punisce come reato la violazione da parte dei genitori dell'obbligo di assicurare i mezzi di sussistenza ai ...
Creditore mostra pistola al debitore - Si tratta di esercizio arbitrario delle proprie ragioni e non di violenza privata
Ci si chiede se la condotta posta in essere dal creditore, che recatosi presso il debitore appoggia la pistola su di una scrivania formulando la pretesa di rimborso di un'obbligazione peraltro legittima, oltrepassi o meno i limiti dell'esercizio arbitrario delle proprie ragioni, integrando il ben più grave reato di tentativo ...
Guida in stato di ebbrezza » risarcimento del danno come attenuante
In materia di guida in stato di ebbrezza da cui sia derivato un incidente stradale, è applicabile la circostanza attenuante comune di cui all'articolo 62 numero 6 del Codice penale, prima ipotesi, ossia l'aver prima del giudizio, riparato interamente il danno, mediante il risarcimento di esso (Cassazione, sentenza del 26 ...
Superamento soglia di usura nei contratti di mutuo stipulati prima del 24 marzo 1996
Con la sentenza 603/13, la Corte di Cassazione ha stabilito che tutte le clausole che prevedevano tassi ultralegali, se maturati prima della vigenza della legge 108/96 (disposizioni in materia di usura - legge entrata in vigore il 24 marzo 1996) pur se vessatorie, sono legittime, mentre dopo quella data si ...
Risarcimento danni da fatto illecito - La prescrizione è quinquennale
Il diritto al risarcimento del danno derivante da fatto illecito si prescrive in cinque anni dal giorno in cui il fatto si è verificato. Per il risarcimento del danno prodotto dalla circolazione dei veicoli di ogni specie il diritto si prescrive in due anni. In ogni caso, se il fatto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca