Sanzione Agenzia delle entrate a marito separato

Sono separata legalmente, ma il mio ex marito è tornato a vivere presso la mia abitazione (di mia proprietà), non potendo pagare un affitto. Ci sono anche 2 figli minori. La domanda è questa: l'Agenzia delle entrate gli ha fatto un accertamento su 730 da lavoro dipendente e ha emesso una sanzione di 1.400 euro per errate detrazioni. Mi chiedo se lui non pagasse o non potesse pagare, rischio il pignoramento dei miei beni mobili presenti nell'abitazione? Lui è nullatenente intestatario solo di un vecchio ciclomotore.

Vorrei sapere a quali problemi posso andare incontro.

La riscossione della sanzione di 1400 euro, se il suo coniuge separato (ex coniuge solo dopo la sentenza di divorzio) non pagherà all'Agenzia delle entrate quanto gli è stato richiesto, sarà successivamente affidata ad Equitalia che notificherà una cartella esattoriale.

Il mancato pagamento della cartella esattoriale comporterà, a sua volta, l'avvio di un'azione esecutiva nei confronti del coniuge separato, che si sostanzia, di solito, nel pignoramento di un decimo della retribuzione netta mensile percepita come lavoratore dipendente o con il fermo amministrativo sui veicoli di proprietà (il ciclomotore) registrati presso il Pubblico Registro Automobilistico, indipendentemente dalla loro vetustà.

Per quanto attiene il pignoramento presso la residenza del debitore, esso è teoricamente possibile dal momento che, per legge, vige la presunzione legale di proprietà: tutti i beni mobili presenti nella casa in cui il debitore risiede, o domicilia, sono ritenuti essere nel possesso del debitore. E, quindi, possono essere pignorati nel rispetto dei limiti imposti dalla legge (alcuni beni sono, comunque, impignorabili).

Va aggiunto, tuttavia, che Equitalia procede al pignoramento presso la residenza del debitore solo se, ragionevolmente, ritiene di potervi rinvenire beni di valore (quadri d'autore, mobili d'antiquariato, argenteria, gioielli, denaro) e non per portar via comuni arredi usati: il tutto si risolverebbe, infatti, in un'azione esecutiva inefficace e non finalizzata al rimborso del credito per cui la concessionaria della riscossione agisce.

Nell'ipotesi in cui lei non abbia (come di solito accade) conservato fatture d'acquisto di mobili ed elettrodomestici, e voglia, comunque, porre rimedio ad una eventualità possibile, anche se remota, è allora necessaria la stipula, con il coniuge separato, di un contratto di comodato da registrare presso l'Agenzia delle entrate, indicandovi i luoghi dell'appartamento ed i beni concessi in uso gratuito al debitore.

Qualora l'Ufficiale giudiziario dovesse procedere su richiesta del creditore al pignoramento dei beni presenti in casa, lei potrà successivamente adire il giudice dell'esecuzione (con il supporto di un avvocato) per liberare i beni pignorati che, con il contratto di comodato, dimostrerà non essere di proprietà del debitore.

11 marzo 2015 · Tullio Solinas

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Pignoramento presso terzi e cessione dei crediti del debitore esecutato
La cessione di un credito, sia in modalità pro solvendo che in quella pro soluto, è opponibile ai creditori del soggetto cedente sottoposto ad azione esecutiva, soltanto se notificata al debitore ceduto con atto avente data certa in epoca anteriore al pignoramento. In pratica, gli atti di alienazione o di ...
Il diritto di abitazione non spetta al coniuge superstite separato
Al coniuge superstite è riservata, a titolo di legittima, una quota pari alla metà del patrimonio del coniuge defunto, salvo le disposizioni dettate dal concorso con eventuali figli. In breve, nel caso di un solo figlio, al coniuge superstite spetta una quota pari ad un terzo, mentre si arriva ad ...
Dichiarazione dei redditi e detrazione interessi passivi mutuo - video a cura della Agenzia delle Entrate
Per aver diritto alle detrazioni in sede di dichiarazione dei redditi, l'immobile va adibito ad abitazione principale entro un anno dall'atto di mutuo. Per abitazione principale si intende quella dove dimorano abitualmente il mutuatario o i suoi familiari. La detrazione spetta al titolare del contratto di mutuo, anche se l'immobile ...
Rimborsi fiscali oltre i 4 mila euro - chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate
la Legge di Stabilità 2014 ha disposto che, al fine di contrastare l'erogazione di indebiti rimborsi dell'imposta sul reddito delle persone fisiche da parte dei sostituti d'imposta, l'Agenzia delle entrate, entro sei mesi dalla scadenza dei termini previsti per la trasmissione della dichiarazione (ovvero dalla data della trasmissione, ove questa ...
Pignoramento esattoriale ed altre procedure cautelari ed esecutive che possono essere attuate dall'Agenzia delle Entrate-Riscossione
Di seguito un'esauriente sintesi di tutte le procedure, sia cautelari che esecutive (ad esempio pignoramento), che possono essere attuate dall'agenzia delle entrate-riscossione, per pendenze debitorie nei confronti di fisco, enti, comuni e via dicendo. Come noto, quando riceviamo una o più cartelle esattoriali per debiti verso lo stato, comuni o ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca