Saldo TARI e disservizi – Che fare?

Entro la fine dell’anno dovrò pagare il saldo TARI, tassa rifiuti, che nel mio comune (provincia di Reggio Calabria) è particolarmente alto. La cosa che mi manda in bestia, però, è che il servizio è completamente inesistente. Raccolgono l’immondizia una volta si e dieci no, lasciando i cassonetti completamente sommersi dalla spazzatura. Per di più, il primo punto disponibile per la raccolta rifiuti si trova a più di due chilometri da casa mia. Posso effettuare un reclamo, ottenere uno sconto o addirittura non pagare?

In alcuni casi particolari, è possibile chiedere uno sconto sulla Tari (80%).

Infatti, se il servizio di raccolta della spazzatura non funziona adeguatamente o viene sospeso con conseguenti danni all’ambiente, si può ottenere la riduzione.

Si ha, inoltre, diritto a beneficiare di una tariffa del 40%, rispetto a quella totale, se il punto di raccolta della spazzatura risulta distante dall’area servita.

Infatti, lei ha il diritto di chiedere uno sconto sulla tassa rifiuti nei seguenti casi:

  • zone non servite dalla raccolta rifiuti (in questo caso il pagamento va corrisposto nella misura massima del 40%);
  • zone dove il servizio di raccolta rifiuti non viene espletato per un periodo di tempo e vi è l’accertamento di tale situazione di pericolo da parte dell’autorità sanitaria (in questo caso la riduzione della tassa rifiuti sarà dell’80%);
  • zone organizzate con la raccolta differenziata (riduzione di entità variabile a discrezione del Comune);

Per ottenere la riduzione della TARI è necessario documentare l’effettivo blocco della gestione del servizio rifiuti.

Lo si può fare fornendo una serie di foto e/o un’attestazione dell’Asl sul degrado igienico sanitario dell’area.

Non esistono termini massimi per presentare la domanda al Comune.

Per la domanda, i Comuni dispongono di moduli propri, ma è possibile presentare la richiesta in carta libera, inviata con raccomandata a/r, PEC oppure consegnata a mani all’ufficio protocollo.

Nel caso il Comune dovesse negare la riduzione della tassa rifiuti, il cittadino può ricorrere alla Commissione Tributaria Provinciale.

28 Settembre 2017 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Situazione rifiuti a Roma insostenibile - Si può pretendere un rimborso della TARI?
Sono un cittadino romano indignato dalla mole di rifiuti accatastati che si presenta davanti ai cassonetti di tutta la città: di fronte casa mia, zona sud-est della capitale, mi trovo ogni mattina di fronte ad uno spettacolo a dir poco osceno. Il bello è che la tassa rifiuti, tari, è molto alta nella mia città e viene pagata regolarmente anche se i disservizi continuano. Vorrei far sentire la mia voce ed ottenere un rimborso. Come posso fare? ...

Tari non pagata dal 2003 - Avevo fatto denuncia di inizio occupazione ma solo via fax
Vivo a Fiesole dal 2003, non appena presi la residenza feci regolare domanda al Comune per la Tassa sui rifiuti: ma da allora non mi è arrivato mai il bollettino e io in questi anni non l'ho mai richiesto. Non mi è mai arrivato nessun sollecito di pagamento.Ora è stata istituita la raccolta dei rifiuti porta a porta. Stamani sono andato a ritirare il kit di bidoni, e non mi sono stati consegnati perché non sono presente nell'elenco. Mi hanno detto di rivolgermi ad Alia, l'azienda per la raccolta dei rifiuti. Ho il terrore che mi facciano pagare tutti gli ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Saldo TARI e disservizi – Che fare?