Concordato con il creditore per un rientro dal debito con rimborso a saldo stralcio - Come tutelarsi se, una volta pagato, continuano a pervenire nuove richieste?

Ho pagato il saldo stralcio, ma continuano a chiamarmi le agenzie di recupero credito. Io ho anche la dichiarazione della banca che una volta pagato la cifra parziale pattuita, nulla verrà più preteso.

Ho chiamato la sede centrale e mi hanno detto che questa situazione devono risolverla in filiale dove ho chiesto il prestito personale; la filiale, però, mi dice il contrario. Come devo fare a farmi dare la liberatoria? Le agenzie di recupero crediti una volta che gli spiego la situazione e gli mando gli allegati dell'accettazione e dei bonifici fatti, per un po' non richiamano più. Ma, dopo qualche mese, mi chiamano di nuovo: rispiego la situazione un altra volta e mi dicono che non devo più nulla e che la banca sta facendo un casino. Come faccio ad uscire da questa situazione?

Nella sua situazione tenterei un ricordo all'Arbitro Bancario Finanziario: deve innanzitutto presentare, con raccomandata A/R, formale reclamo all'istituto bancario chiedendo ragione dei fatti che sembrerebbero ipotizzare la vendita del credito a società di recupero nonostante la conclusione dell'accordo transattivo. Con particolare enfasi riguardo l'indecente rimpallo di responsabilità fra sede centrale e filiale ai danni del cliente, abbandonato a se stesso.

Decorsi 30 giorni dal ricevimento della raccomandata AR da parte della banca inadempiente, in mancanza di una risposta o a fronte di una giustificazioni, che non potranno essere che farfugliate, potrà procedere a presentare ricorso all'Arbitro Bancario Finanziario.

La procedura di ricorso all'ABF è molto semplice, il dossier può essere trasmesso per posta e non è necessaria l'assistenza legale. Serve solo saper riportare con dettaglio e chiarezza i fatti nell'istanza. Va poi allegata tutta la documentazione in possesso a supporto degli eventi descritti in ricorso.

5 aprile 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo a saldo stralcio e debito rinunciato
liberatoria a garanzia di future pretese
liberatoria per annotazione nelle banche dati cattivi pagatori
quietanza liberatoria
ricorso arbitro bancario finanziario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cambiale in scadenza - luogo di pagamento avviso e protesto
Il debitore deve sempre indicare il luogo di pagamento della cambiale in scadenza: sia esso il proprio domicilio o una filiale di banca domiciliataria. Di norma, il debitore emette una cambiale indicando contestualmente, come domiciliataria, una specifica filiale di una banca che indicheremo con D (luogo di pagamento). Questo vuol ...
Debito solidale e transazione a saldo stralcio di uno dei condebitori
Facciamo l'esempio di un credito verso tre condebitori solidali, d'importo pari a 90, e ipotizziamo che la transazione a saldo stralcio sulla quota di uno dei debitori abbia determinato il pagamento di 20. La domanda: gli altri due condebitore restano obbligati per una cifra pari a 70? Non è così, ...
Quando per un debito non pagato si diventava schiavi del proprio creditore
Siamo nella Repubblica dell'antica Roma, fra il sesto ed il terzo secolo avanti Cristo: durante la campagne belliche, molti plebei erano costretti a chiedere prestiti ai patrizi per non perdere i raccolti: i plebei, infatti, erano obbligati ad abbandonare le proprie terre per servire nell'esercito. Quando ritornavano, molti non erano ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Il pagamento del debito con assegno non circolare spedito al creditore estingue l'obbligazione salvo buon fine
L'assegno bancario o postale inviato tempestivamente al creditore e avente ad oggetto un importo corrispondente alle somme capitali e ai relativi interessi come dovute all'epoca del pagamento, costituisce, secondo la più recente giurisprudenza di legittimità, idoneo modo di estinguere l'obbligazione, senza che occorra un preventivo accordo tra le parti. Peraltro, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca