Saldo e stralcio accettato, ma la quietanza liberatoria?

Dopo aver concordato un piano di rientro con l'ente creditore attraverso una società di recupero UNIREC, ho un dubbio che vorrei sanare prima di procedere al bonifico.
Nella lettera di accettazione non c'è scritta la parola liberatoria da nessuna parte. E' normale?

Il testo della lettera comprende:
. i miei dati
. i dati del creditore
. la somma da versare (specificando "saldo e stralcio della maggiore esposizione")
. minacce velate sul "se non paghi procediamo per vie legali"
. la clausola "l'accordo non costituisce novazione del credito".

Cosa mi consigliate?
Devo richiedere, prima di pagare, un documento che "promette" una liberatoria oppure posso richiederla dopo aver fornito evidenza del pagamento completo?

Ho chiesto maggiori informazioni al mediatore e mi ha risposto con un credibilissimo "è tutto automatico, anche la cancellazione da crif".

La presa visione di una comunicazione di avvenuta cessione del credito garantisce il debitore che sta pagando ad un soggetto legittimato a riscuotere, anche se diverso dal creditore originario che concesse il prestito non rimborsato.

La quietanza liberatoria serve ad evitare che altri possano successivamente pretendere il pagamento dello stesso credito; non sarebbe la prima volta che una società di recupero crediti cede ad altri i diritti di riscossione di una somma già escussa.

Con la quietanza liberatoria, decorsi 24 mesi dalla data in cui è avvenuto il pagamento, anche parziale, del dovuto, il debitore può chiedere ed ottenere la cancellazione del proprio nominativo dalla centrale rischi in cui fu, eventualmente, segnalato dal creditore originario.

Talvolta, il gestore della Centrale Rischi rifiuta la cancellazione perchè il rimborso è stato solo parziale. Per mettersi al riparo da accadimenti come quello a cui si è accennato, nella liberatoria bisogna sempre riportare una formula specifica del tipo: La società creditrice scrivente dichiara, inoltre, di voler rinunciare espressamente, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 1236 del codice civile, alla differenza fra quanto originariamente dovuto dal debitore e quanto da quest’ultimo effettivamente versato.

Altre informazioni può reperirle in questa sezione del blog oppure negli articoli referenziati nella sezione Approfondimenti e integrazioni, appena sotto questa discussione.

24 marzo 2017 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo a saldo stralcio e debito rinunciato
accordo transattivo a saldo stralcio
liberatoria a garanzia di future pretese
liberatoria per annotazione nelle banche dati cattivi pagatori
quietanza liberatoria

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...
Accordo a saldo stralcio e liberatoria per cancellazione dalla CRIF - errori da non commettere
Sono stata segnalata al CRIF come cattiva pagatrice (ho saltato 4 rate da pagare) ma poi ho liquidato tutto alla società finanziaria in un unica soluzione, (questi mi avevano assicurato che non ero stata segnalata) ebbene dopo 1 anno mi è arrivato un avviso di pagamento di 161.00 euro per ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Debito solidale e transazione a saldo stralcio di uno dei condebitori
Facciamo l'esempio di un credito verso tre condebitori solidali, d'importo pari a 90, e ipotizziamo che la transazione a saldo stralcio sulla quota di uno dei debitori abbia determinato il pagamento di 20. La domanda: gli altri due condebitore restano obbligati per una cifra pari a 70? Non è così, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca