Conto corrente genitore defunto - Quali documenti presentare alla banca per poter prendere visione dell'estratto conto?

Mio padre deteneva un conto corrente bancario: al suo decesso, avvenuto il 21 giugno 2014, essendo io erede residente in altra regione, ed in dissidio con la mia famiglia, provvedetti ad inviare immediatamente alla banca in oggetto, una regolare raccomandata AR con data 21 giugno 2014 in cui chiedevo il saldo del conto e se eventualmente vi fossero altri rapporti in essere (cassette di sicurezza, libretti di risparmio etc). A tutt'oggi, dopo 2 anni e 4 mesi, la banca non mi ha risposto. Vorrei sapere se posso ancora accedere a queste informazioni e con quale procedura.

Per poter prendere visione dell'estratto del conto corrente intestato al defunto, l'erede deve consegnare alla banca il certificato di morte e la documentazione inerente la successione: in pratica, un atto notorio redatto dal tribunale o dal notaio da cui la banca possa evincere chi siano gli eredi legittimi del de cuius.

Purtroppo, non basta effettuare una richiesta con raccomandata AR.

9 aprile 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente e libretto di deposito
eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente - Il cointestatario superstite ha diritto a prelevare l'intero saldo
Nel caso in cui il conto corrente o il libretto di deposito a risparmio siano intestati a più persone, con facoltà per le medesime di compiere, sino alla estinzione del rapporto, operazioni, attive e passive, anche disgiuntamente, si realizza una solidarietà dal lato attivo dell'obbligazione, che sopravvive alla morte di ...
Libretti di risparmio - La banca deve restituire gli importi addebitati ove sulle annotazioni manchi la firma dell'impiegato
Per quanto previsto dal codice civile (articolo 1835) le annotazioni sul libretto firmate dall'impiegato della banca, che appare addetto al servizio, fanno piena prova nei rapporti tra banca e depositante. Naturalmente, tale disposizione trova applicazione anche ai libretti di risparmio per somme depositate presso Poste Italiane. Al riguardo, anche la ...
Conto corrente » Se la banca non produce gli estratti conto dall'inizio del rapporto con il cliente il saldo iniziale del conto si considera pari a zero
La banca, per dimostrare la legittimità del proprio credito, deve conservare le scritture contabili del conto corrente dall'inizio del rapporto con il proprio cliente e, comunque, per almeno 10 anni. Qualora venga accertato il diritto del cliente alla ripetizione delle somme pagate indebitamente, la banca è tenuta a produrre gli ...
In caso di contenzioso per applicazione di interessi anatocistici, la banca deve produrre gli estratti conto a far data dall'apertura del conto corrente
L'approvazione degli estratti conto non implica l'insussistenza di addebiti illegittimi da parte della banca: come è noto, infatti, l'approvazione tacita dell'estratto di conto corrente non si estende alla validità ed efficacia dei rapporti obbligatori sottostanti, ma ha la funzione di certificare la verità storica dei dati riportati nel conto; la ...
Vietati i libretti di risparmio al portatore
A far data dal 4 luglio 2017, con l'entrata in vigore del decreto legislativo 90/2017, è ammessa esclusivamente l'emissione di libretti di deposito, bancari o postali, nominativi ed è vietato il trasferimento di libretti di deposito bancari o postali al portatore. I libretti di deposito bancari o postali al portatore ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca