Saldare un debito in ritardo non restituisce la verginità finanziaria ma è obbligo etico che evita la violazione della privacy

Chiudere un finanziamento con un saldo a stralcio, non restituisce la verginità finanziaria e la possibilità di accedere al credito in futuro. Comunque estinguere un debito è giusto dal punto di vista etico, evita situazioni spiacevoli, ti possono suonare il campanello di casa puoi anche non aprire, inviare diffide ma nel frattempo, se ci sono dei vicini la cosa può diventare di dominio pubblico. Chiedo un vostro competente parere in merito.

Quando si salda il debito con un accordo transattivo a saldo stralcio e non si ha l'accortezza di farsi rilasciare dal creditore una liberatoria che non faccia alcun riferimento all'importo parziale versato, si corre il rischio di restare iscritti nelle centrali rischi per la somma residuale.

Qualora, invece, la liberatoria riporti che nulla è più dovuto per quanto precedentemente vantato dal creditore, allora la segnalazione in centrale rischi permane ancora per 36 mesi dalla data di regolazione stragiudiziale del contenzioso.

Trascorsi questi 3 anni, nulla garantisce che il debitore possa rientrare nel circuito del credito: esistono, infatti, quelle che vengono definite come banche dati occulte dei cattivi pagatori che non sono soggette (in quanto non ufficiali9 alle regole disposte dal garante della privacy, e a cui ricorrono, soprattutto le finanziarie, quando qualcuno formalizza la richiesta di un prestito.

Dal punto di vista etico non ho nulla da aggiungere, in un paese in cui ciascuno si confeziona l'etica a proprio uso e consumo.

Per quanto attiene, infine, la violazione della privacy perpetrata ad arte dal creditore, che per pressare psicologicamente il debitore fa in modo di mettere al corrente del debito anche familiari, parenti ed amici, c'è solo da dire che la consapevolezza dei diritti ed il tempo speso a scrivere poche righe, possono stroncare sul nascere questo malcostume, come ampiamente chiarito in altri post di questo forum, che si possono leggere semplicemente cliccando il tag pertinente riportato in cima a questo topic.

23 aprile 2015 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo bonario nel recupero crediti
accordo transattivo a saldo stralcio
banche dati occulte dei cattivi pagatori
cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi
che cosa è un accordo a saldo stralcio
come funziona il saldo stralcio
violazione della privacy e della dignità del debitore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale ...
Recupero crediti e violazione della privacy » Via libera al risarcimento danni
Via libera al risarcimento da pratiche aggressive nel recupero crediti. Deve essere riconosciuto il danno non patrimoniale al debitore braccato dalla società incaricata dalla banca affinché saldi il suo debito relativo a un prestito ottenuto dall'istituto. Lo ha stabilito il Tribunale di Chieti, il quale, con la pronuncia 883/12, ha ...
Guida alla sanzione amministrativa della sospensione della patente
La patente è ritirata dall'organo di polizia che accerta la violazione e del ritiro viene fatta menzione nel verbale che ti viene consegnato. L'organo di polizia che ti ha multato, a questo punto: 1) ti rilascia un permesso provvisorio di guida, al solo fine di consentirti di condurre il veicolo ...
Assegno di mantenimento » Non va corrisposto se non si può lavorare a causa della salute precaria
L'assegno di mantenimento non va corrisposto se è impossibile lavorare a causa di condizioni di salute precarie. Salute precaria, difficile lavorare: l'uomo può ancora evitare il mantenimento per i figli. Le condizioni fisiche precarie e la conseguente difficoltà a lavorare possono portare all'azzeramento dell'assegno di mantenimento previsto, dai giudici di ...
Tutela della Maternità » Anche se moglie è casalinga il coniuge ha diritto ai riposi giornalieri
Tutela della maternità: interessante sentenza del Consiglio di Stato. Viene parificata la posizione della casalinga alla dipendente. I riposi giornalieri spettanti al pubblico dipendente in maternità possono essere usufruiti dal coniuge, sempre pubblico dipendente, la cui moglie è casalinga. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dal Consiglio di Stato con sentenza ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca