RyanAir: si ai rimborsi per chi non ha potuto volare per positività al Covid-19


Ho dovuto rinunciare ad un volo Ryanair poiché due gironi prima del viaggio sono risultato positivo al Covid-19 dopo un tampone: non ho ricevuto mai il rimborso a causa delle politiche dell’azienda.

Come posso fare?

Ryanair offrirà un rimborso a chi ha comprato un biglietto ma non può effettuare il viaggio perché è risultato positivo al Covid o è in quarantena perché contatto diretto di un positivo: ogni utente che fornirà la documentazione richiesta riceverà un voucher dello stesso importo da spendere per un altro viaggio.

Finora, la compagnia aerea low cost irlandese guidata da Micheal O’Leary offriva ai passeggeri unicamente la possibilità di cambiare la data del volo a fronte del pagamento di 40 euro a persona.

Dunque, alla fine, anche Ryanair si è dovuta piegare alle regole italiane sui rimborsi relativi al Covid.

I viaggiatori riceveranno un voucher dell’importo del biglietto che potranno poi spendere sul sito di Ryanair per un nuovo viaggio.

Basterà, fanno sapere dalla compagnia, compilare un form e allegare la documentazione richiesta.

Una svolta importante se si tiene conto che finora i passeggeri affetti da Covid avevano semplicemente la possibilità di cambiare la data del volo pagando una cifra di 40 euro (a volte superiore al costo stesso del volo).

Ryanair ha deciso così di assecondare le pressanti richieste di molte associazioni di consumatori italiane che avevano denunciato più volte il comportamento della compagnia, colpevole di non rispettare le regole del Codice Civile italiano sulle politiche dei rimborsi.

16 Febbraio 2022 · Andrea Ricciardi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic RyanAir: si ai rimborsi per chi non ha potuto volare per positività al Covid-19