Ryanair e voli cancellati – Arriva la stangata dall’Antitrust?

Faccio parte del gruppo dei clienti che si è vista cancellare, la primavera scorsa, i voli programmati da Ryanair: a causa di quell’imprevisto ho dovuto cancellare il viaggio e ci ho rimesso qualche soldino.

Infatti, anche se il biglietto mi è stato rimborsato, ho dovuto cancellare l’hotel, perdendo l’acconto.

Mi è sembrato, insomma, un modo di operare scorretto.

Ho sentito dire che ci saranno a breve provvedimenti: sapete qualcosa in più?

Quando Ryanair si trovò davanti a dei problemi organizzativi,risolse la questione con più di duemila voli cancellati e 400 mila passeggeri lasciati a terra.

Una pratica commerciale scorretta che ora la compagnia irlandese pagherà caro: l’Antitrust ha disposto una sanzione di 1,85 milioni di euro per i disagi creati ai consumatori, che avevano da tempo programmato i propri spostamenti e già prenotato e pagato il relativo biglietto aereo, e per l’ingannevolezza con cui venivano informati della cancellazione dei voli.

Il vettore, infatti, ometteva di spiegare ai passeggeri che avevano diritto a una “compensazione pecuniaria” ulteriore rispetto al normale rimborso o alla modifica del biglietto.

Nell’istruttoria, aperta dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato nell’ottobre dello scorso anno, Ryanair è accusata di non aver informato in modo chiaro i passeggeri, dal momento che prospettava loro due possibili soluzioni (rimborso o modifica biglietto) senza adeguatamente avvisarli circa l’esistenza del loro (ulteriore) diritto alla compensazione pecuniaria proprio in caso di cancellazione dei voli.

Il vettore ha però modificato la propria condotta dopo il primo provvedimento cautelare deciso dalla stessa Autorità nell’ottobre 2017.

L’aggiornamento delle informazioni disponibili sul sito web della compagnia e l’invio di comunicazioni individuali a tutti i passeggeri coinvolti hanno consentito loro di comprendere pienamente tutti i diritti ad essi spettanti a seguito della cancellazione dei voli e, conseguentemente, di esercitarli.

Per questo Ryanair, che rischiava una multa fino a cinque milioni di euro, ha visto ridursi l’importo della sanzione.

8 Giugno 2018 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ryanair e nuove regole bagagli - Cade l'ultimo baluardo dei voli low cost?
Sono un tipo a cui piace molto viaggiare: ho sempre preferito risparmiare sulla solita movida e routine cittadina per concedermi nei fine settimana qualche avventura extra. Nella mia esperienza di travel-man ho sempre optato per voli low cost, soprattutto con la nota compagnia Ryanair. La cosa più allettante di viaggiare con loro era la possibilità di poter portare gratuitamente il bagaglio a mano senza costi aggiuntivi. Dato che le mie esperienze di viaggio si limitavano a massimo 2/3 giorni, questa prassi mi permetteva di risparmiare molto e soprattutto di risparmiare tanto tempo all'arrivo (conosciamo tutti le tempistiche per l'attesa del ...

Policy bagaglio a mano Ryanair vs Agcm - Disposizione garante valida solo per i voli nazionali?
Dopo aver letto della sentenza dell'AGCM sull'annullamento della policy per il bagaglio a mano a pagamento, mi sono accinto a prenotare un volo per Londra per festeggiare l'anniversario con mia moglie: con mia grande sorpresa, però, mi sono accorto che non è cambiato nulla. Il bagaglio a mano si paga ancora, e i costi mi sembrano anche aumentati. Ma è una barzelletta? ...

Rincari benzina e diesel - Arriva la stangata autunnale?
Sono molto preoccupato poiché viaggio molto per lavoro e ho sentito dire dai miei colleghi che è previsto un forte rincaro per quanto riguarda le tariffe di benzina e diesel. E' vero? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ryanair e voli cancellati – Arriva la stangata dall’Antitrust?