Ryanair e voli cancellati - Arriva la stangata dall'Antitrust?

Faccio parte del gruppo dei clienti che si è vista cancellare, la primavera scorsa, i voli programmati da Ryanair: a causa di quell'imprevisto ho dovuto cancellare il viaggio e ci ho rimesso qualche soldino.

Infatti, anche se il biglietto mi è stato rimborsato, ho dovuto cancellare l'hotel, perdendo l'acconto.

Mi è sembrato, insomma, un modo di operare scorretto.

Ho sentito dire che ci saranno a breve provvedimenti: sapete qualcosa in più?

Quando Ryanair si trovò davanti a dei problemi organizzativi,risolse la questione con più di duemila voli cancellati e 400 mila passeggeri lasciati a terra.

Una pratica commerciale scorretta che ora la compagnia irlandese pagherà caro: l'Antitrust ha disposto una sanzione di 1,85 milioni di euro per i disagi creati ai consumatori, che avevano da tempo programmato i propri spostamenti e già prenotato e pagato il relativo biglietto aereo, e per l'ingannevolezza con cui venivano informati della cancellazione dei voli.

Il vettore, infatti, ometteva di spiegare ai passeggeri che avevano diritto a una “compensazione pecuniaria” ulteriore rispetto al normale rimborso o alla modifica del biglietto.

Nell'istruttoria, aperta dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato nell'ottobre dello scorso anno, Ryanair è accusata di non aver informato in modo chiaro i passeggeri, dal momento che prospettava loro due possibili soluzioni (rimborso o modifica biglietto) senza adeguatamente avvisarli circa l'esistenza del loro (ulteriore) diritto alla compensazione pecuniaria proprio in caso di cancellazione dei voli.

Il vettore ha però modificato la propria condotta dopo il primo provvedimento cautelare deciso dalla stessa Autorità nell'ottobre 2017.

L'aggiornamento delle informazioni disponibili sul sito web della compagnia e l'invio di comunicazioni individuali a tutti i passeggeri coinvolti hanno consentito loro di comprendere pienamente tutti i diritti ad essi spettanti a seguito della cancellazione dei voli e, conseguentemente, di esercitarli.

Per questo Ryanair, che rischiava una multa fino a cinque milioni di euro, ha visto ridursi l'importo della sanzione.

8 giugno 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - viaggi e vacanze

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rimborso del biglietto » E' considerata vessatoria qualunque clausola richieda al consumatore di attivarsi in breve tempo per chiedere il rimborso del ticket
E' considerata vessatoria qualunque clausola richieda al consumatore di attivarsi in breve tempo per chiedere il rimborso del ticket o la spedizione dell'originale del biglietto, acquistato tramite web. In caso la scadenza del termine per chiedere il rimborso del biglietto acquistato via internet sia troppo breve, come nel caso di ...
Voli low cost: Ryanair cambia strategia » Più attenti alle esigenze del passeggero
Viaggiare con compagnie aeree low cost non sempre può essere conveniente: spesso si paga un sovrapprezzo per molti servizi. A cominciare dal costo extra del bagaglio in più, che, spesso, rende irrealizzabile il sogno di spendere quanto previsto all'acquisto del biglietto. Ma, dopo le recenti critiche, dai piani alti della ...
Voli low cost con cospicuo supplemento per il bagaglio » Per la Corte di Giustizia Europea è illegittimo se il consumatore non viene avvertito
Stop ai voli con bagagli imbarcati a peso d'oro senza la preventiva comunicazione: per la Corte di Giustizia Europea il supplemento per le valigie è vessatorio, ma solo nel caso in cui il consumatore non venga correttamente informato. A chi viaggia spesso, quante volte è capitato: dopo aver acquistato un ...
Madrid vs Ryanair » Clausole abusive e pagamento carta d'imbarco illegittima
Nuova capitolo nella lunga guerra tra la compagnia low cost irlandese Ryanair e la magistratura spagnola. Stavolta segnano un punto a loro favore i consumatori iberici, a cui ha dato ragione un Tribunale Mercantile di Madrid, annullando otto clausole dei contratti firmati con i passeggeri, giudicate abusive. Tra queste c'è ...
Avvisi scorretti dei recuperatori domiciliari
Sovente, non riuscendo a contattare direttamente i debitori perchè assenti durante una visita domiciliare, gli agenti di recupero lasciano degli avvisi nella cassetta delle lettere o sotto la porta del debitore. La deontologia vorrebbe che questi avvisi fossero chiusi, magari in una busta o con l'utilizzo di una spillatrice, in ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca