Ryanair: tariffa supplementare bagaglio a mano? - Sospesa dall'Agcm poiché ingannevole

A fine novembre avevo prenotato un fine settimana a Praga con la mia ragazza: avevo scelto Ryanair per i prezzi più contenuti, ed era ancora prima del cambiamento di politica sul bagaglio a mano a pagamento.

Ora, un mese fa ho ricevuto l'email dalla compagnia che mi avvertiva dell'adeguamento alle nuove disposizioni e della tariffa supplementare da pagare per il bagaglio a mano.

Invece, qualche giorno fa ho sentito dell'intervento dell'Agcm che emanava l'ultimatum al vettore.

Insomma, a che punto siamo? Pagherò o no il supplemento?

Prosegue l'infinita vicenda della tariffa supplementare per il bagaglio a mano da portare in aereo: dopo il cambio di politica del vettore irlandese, Ryanair, arriva lo stop dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm), che decide lo stop per il supplemento.

L'Agcm, infatti, a seguito dell'avvio di un procedimento istruttorio, ha disposto in via cautelare la sospensione della nuova policy bagagli a mano delle compagnie low-cost Ryanair e Wizz Air, che sarebbe entrata in vigore dal 1° novembre 2018.

In base alla nuova policy, è possibile trasportare gratuitamente una sola borsa piccola, da collocare esclusivamente nello spazio sottostante i sedili, mentre è richiesto un supplemento di prezzo per il bagaglio a mano (trolley), che rappresenta tuttavia un onere non eventuale e prevedibile per il consumatore che dovrebbe essere ricompreso nella tariffa standard.

Di conseguenza, la richiesta di un supplemento per un elemento essenziale del contratto di trasporto aereo, quale il bagaglio a mano, fornisce una falsa rappresentazione del reale prezzo del biglietto e vizia il confronto con le tariffe delle altre compagnie, inducendo in errore il consumatore.

Ryanair e Wizz Air dovranno quindi sospendere provvisoriamente ogni attività diretta a richiedere un supplemento di prezzo, rispetto alla tariffa standard, per il trasporto del bagaglio a mano grande (trolley), mettendo gratuitamente a disposizione dei consumatori, a bordo o in stiva, uno spazio equivalente a quello predisposto per il trasporto dei bagagli a mano nell'aeromobile.

Le compagnie dovranno comunicare all'Agcm entro 5 giorni le misure adottate in ottemperanza a quanto deciso.

2 novembre 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - viaggi e vacanze

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Voli low cost: Ryanair cambia strategia » Più attenti alle esigenze del passeggero
Viaggiare con compagnie aeree low cost non sempre può essere conveniente: spesso si paga un sovrapprezzo per molti servizi. A cominciare dal costo extra del bagaglio in più, che, spesso, rende irrealizzabile il sogno di spendere quanto previsto all'acquisto del biglietto. Ma, dopo le recenti critiche, dai piani alti della ...
Responsabilità del vettore aereo - L'eventuale danno non patrimoniale derivante dalla perdita del bagaglio deve essere provato
In base alla Convenzione di Montréal sul trasporto aereo internazionale, ratificata anche dalla legge nazionale, la responsabilità del vettore per i danni derivanti dalla perdita del bagaglio è limitata a 1.164 euro. La domanda che ci si pone è se il limite previsto per i danni derivanti dalla perdita del ...
Voli low cost » La grande beffa delle compagnie aeree
I voli low cost e la grande beffa delle compagnie aeree » Facciamo chiarezza Volare low cost. Non sempre risulta conveniente. A cominciare dal costo extra del bagaglio in più, ogni cosa ha un costo: cuffie per guardare film e ascoltare musica, sigarette elettroniche, junk food per non restare digiuni, ...
Alla Tariffa di Igiene Ambientale (TIA) non si applica IVA
LA TIA (Tariffa di Igiene Ambientale) non costituisce un'entrata patrimoniale e di diritto privato. ma una mera variante della TARSU (Tassa Ambientale per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani), di cui la TIA conserva la qualifica di tributo. Come per la tassa ambientale per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani ...
Madrid vs Ryanair » Clausole abusive e pagamento carta d'imbarco illegittima
Nuova capitolo nella lunga guerra tra la compagnia low cost irlandese Ryanair e la magistratura spagnola. Stavolta segnano un punto a loro favore i consumatori iberici, a cui ha dato ragione un Tribunale Mercantile di Madrid, annullando otto clausole dei contratti firmati con i passeggeri, giudicate abusive. Tra queste c'è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca