Rottamazione ter delle cartelle esattoriali - Riapertura dei termini per i ritardatari?

A causa di problemi economici abbastanza importanti, non ho potuto saldare in tempo gli importi della rottamazione ter delle cartelle esattoriali entro il 31 Luglio 2019 e sono decaduto dalla definizione agevolata.

Ho qualche chance di regolarizzare la mia posizione?

Potrebbe esserci una nuova opportunità per regolarizzare la propria situazione nell'ambito della rottamazione ter delle cartelle: chi non ha pagato il dovuto entro lo scorso 31 luglio 2019, infatti, potrebbe vedere nel 30 novembre 2019 una nuova scadenza.

È la bozza del Decreto Fiscale 2020 a prevedere la riapertura della rottamazione delle cartelle, con l'obiettivo di massimizzare le entrate relative al progetto della pace fiscale.

La scadenza per il pagamento della prima rata o dell'importo complessivamente dovuto per la definizione agevolata delle cartelle potrebbe quindi essere uniformata e fissata al 30 novembre 2019, sia per le domande presentate entro aprile che per quelle inviate entro il mese di luglio.

Di ufficiale non vi è ancora nulla, ma la bozza del Decreto Fiscale 2020 potrebbe introdurre molte importanti novità per i contribuenti.

Tra queste, vi è anche la riapertura dei termini per il pagamento della prima o unica rata della rottamazione ter delle cartelle.

Infatti, come sopra già anticipato, la scadenza era fissata al 31 luglio 2019 per i contribuenti che hanno presentato domanda entro aprile.

Il pagamento della prima rata della rottamazione è il passo formale per l'adesione effettiva alla definizione agevolata in quanto, in caso contrario, si decade automaticamente.

Alla base della nuova scadenza per il versamento della prima o unica rata della rottamazione ter delle cartelle vi è una questione di equità tra coloro che hanno presentato domanda entro il 30 aprile 2019 e chi invece ha beneficiato della nuova scadenza fissata al 31 luglio 2019.

Alla riapertura dei termini per fare domanda si potrebbe quindi affiancare la riapertura del termine di scadenza per la prima o unica rata.

La motivazione contenuta nella bozza del Decreto Fiscale 2020 è sicuramente valida, ma non è da considerarsi secondaria l'intenzione nascosta tra le righe, ovvero quella di massimizzare gli incassi previsti dalla pace fiscale.

11 ottobre 2019 · Paolo Rastelli

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

condono sanatoria rottamazione definizione agevolata delle cartelle esattoriali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca