Ritirare una raccomandata indirizzata al defunto, dichiarandosi erede, viene considerata come accettazione tacita dell'eredità?

In questi giorni mi è capitato di ritirare una raccomandata avente destinatario mio padre (defunto). Al momento del ritiro, il dipendente delle poste mi ha fatto compilare una dichiarazione sostitutiva (o atto notorio adesso non ricordo il nome preciso) dove si dichiarava che io, in qualità di erede, ritiravo la raccomandata avente destinatario il defunto. Ritirando quindi la raccomandata si è avverata o meno un accettazione tacita? Vi informo anche che ho fatto la rinuncia all'eredità da quasi un anno.

Lei non specifica nemmeno chi fosse il mittente: una cosa è se a scrivere a suo padre era l'ex amante, l'altra se si trattava di Agenzia Entrate Riscossione.

In questo secondo caso, se, nella dichiarazione sostitutiva sottoscritta all'ufficio postale ed allegata alla relata di notifica, lei ha affermato di essere erede legittimato a ricevere la raccomandata al posto del destinatario defunto, allora si configura una accettazione tacita dell'eredità.

E' irrilevante la sua precedente rinuncia, dal momento che la rinuncia dell'eredità, a differenza dell'accettazione, è sempre revocabile: infatti, il rinunciante, se non è passato il termine di prescrizione decennale, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado ulteriore non abbia a sua volta accettato.

1 giugno 2018 · Ornella De Bellis

La raccomandata aveva come mittente non l'Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER) ma la società ENEL. In questo caso anche se il mittente è ENEL questa azione si configura lo stesso come accettazione tacita?

L'accettazione tacita dell'eredità può essere fatta valere da qualsiasi creditore possa dimostrare (come può farlo Enel) che esiste un documento in cui un soggetto ha dichiarato di essere erede del proprio debitore.

1 giugno 2018 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accettazione tacita eredità
rinuncia eredità

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Presentare la dichiarazione dei redditi per conto del defunto comporta accettazione tacita dell'eredità
Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni e il termine decorre dal giorno dell'apertura della successione. Tuttavia, i chiamati che hanno rinunciato all'eredità possono sempre accettarla, anche tacitamente, se non è già stata acquistata da altri chiamati e senza pregiudizio per i diritti acquisiti da terzi sui ...
Non vi è accettazione tacita dell'eredità se il chiamato adempie ad un obbligo del defunto con denaro proprio e non con quello prelevato dall'asse ereditario
In tema di successioni per causa di morte, il pagamento del debito del defunto ad opera del chiamato all'eredità, a differenza di un mero adempimento dallo stesso eseguito con denaro proprio, configura un'accettazione tacita, non potendosi estinguere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. A tal ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
Solo la redazione dell'inventario consente all'erede di pagare i debiti del defunto entro il limite del valore dei beni ricevuti
Com'è noto, l'effetto dell'accettazione dell'eredita con beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede. L'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti e tutti gli obblighi che aveva verso il defunto, tranne quelli estinti per effetto della morte (sanzioni amministrative, ad esempio). Inoltre, l'erede accettante con ...
Come il creditore può dimostrare accettazione tacita dell'eredità da parte del debitore
Se il chiamato all'eredità è un debitore, il suo creditore ha spesso interesse alla trascrizione dell'accettazione dell'eredità per poter portare a termine l'azione esecutiva. Per quanto riguarda l'accettazione esplicita, o espressa, dell'eredità, essa opera in base alla dichiarazione del chiamato contenuta in un atto pubblico ovvero in una scrittura privata ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca