Ristrutturazioni edilizie – E’ possibile riqualificare un rudere utilizzando il bonus 110%?

La mia famiglia possiede un immobile, ormai ridotto a rudere, in un piccolo paese di provincia del Molise, dove abitava mia nonna, ora deceduta: vorrei sapere se è possibile riqualificarlo utilizzando il superbonus 110%.

Potrei avere chiarimenti?

Le detrazioni al 110% introdotte dal decreto Rilancio possono riguardare anche gli immobili collabenti: il riferimento è a quelle unità immobiliari accatastate in categoria F2 non suscettibili di produrre reddito, si pensi ad esempio a un rudere.

Si arriva a tali conclusioni sulla base di specifici chiarimenti di prassi forniti dall’Agenzia delle entrate nel corso del tempo.

I super bonus al 110% previsti dal decreto Rilancio: dall’eco bonus alle colonnine di ricarica
Il D.L. 34/2020, c.d. decreto Rilancio, all’art. 119 ha introdotto detrazioni fiscali al 110% per le spese relative a specifici interventi di efficienza energetica e a misure antisismiche sugli edifici adibiti ad abitazione principale.

Spese sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021. L’agevolazione è estesa all’installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica nonché alle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.

Tali detrazioni si applicano esclusivamente agli interventi effettuati dai condomini, nonché:

  • dalle persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni e
  • dagli Istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati.

In fase di conversione in Legge del decreto citato, con l’approvazione di specifici emendamenti, i bonus al 110% potrebbero essere estesi anche alle 2° case nonché a soggetti quali:

  • organizzazioni non lucrative di utilità sociale, organizzazioni di volontariato iscritte negli appositi registri e associazioni di promozione sociale iscritte nel registro nazionale e nei registri regionali e delle province autonome di Trento e di Bolzano;
  • associazioni e società sportive dilettantistiche iscritte nell’apposito registro, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

Fino alla conversione in Legge del decreto, sicuramente saranno proposte ulteriori modifiche.

Modifiche che potrebbero interessare anche le soglie di spesa ammesse alla detrazione.

Nello specifico sono agevolabili al 110% gli interventi di seguito individuati:

  • interventi di isolamento termico (cappotto termico) delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo. La detrazione è calcolata su un ammontare non superiore a euro 60.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.
  • interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo ovvero con impianti di microcogenerazione. La detrazione è calcolata su un ammontare non superiore a euro 30.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito;
  • interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici.Aanche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo ovvero con impianti di microcogenerazione. La detrazione è calcolata su un ammontare non superiore a euro 30.000 ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.

13 Luglio 2020 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Coronavirus - Arriva il Superbonus 110% per le ristrutturazioni edilizie?
Ho ascoltato alla radio una discussione in cui si parla, a causa dell'emergenza Coronavirus, dell'attuazione di un superbonus per le ristrutturazioni edilizie. Vorrei sapere nel dettaglio di cosa si tratta. ...

Ristrutturazioni edilizie e detrazioni fiscali? - Online il portale Enea per poter fruire dei bonus
Quest'anno vorrei ristrutturare casa ed usufruire delle detrazioni fiscali previste dalla normativa vigente: un mio collega però, mi ha detto che c'è un nuovo iter da rispettare, ovvero bisogna comunicare dei dati, prima di iniziare i lavori, ad un ente. Come funziona? Per quale tipologia di lavori è obbligatoria la comunicazione? ...

Detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie - Come fare per usufruirne?
Sono in procinto di effettuare, per la mia abitazione, degli interventi di ristrutturazione: precisamente, oltre a cambiare tutti gli infissi, vorrei installare un ascensore per far arrivare mia suocera più comodamente al secondo piano. Vorrei sapere se ancora sono valide le agevolazioni fiscali per questi interventi. Se si, a quanto ammontano i bonus e come fare per usufruirne. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ristrutturazioni edilizie – E’ possibile riqualificare un rudere utilizzando il bonus 110%?