Rateo di pensione del defunto - A chi spetta?

Desidero chiedervi se le osservazioni contenute nella risoluzione dell'Agenzia delle entrate numero 53/E del 18 febbraio 2008, ed in particolare quelle in cui viene precisato che il rateo di pensione o assegno insoluto a causa del preventivo decesso del titolare non rientra nell'asse ereditario del de cuius, in quanto spetta iure proprio al coniuge superstite non separato; o, in mancanza, ai figli del defunto, ai sensi dell'articolo 201 del Dpr 1092/1973, possano applicarsi anche al caso di specie in cui i precitati soggetti abbiano fatto richiesta all'INPS dei ratei di 13^ mensilità dell'assegno sociale del defunto, o se invece quanto prescritto in detta Risoluzione sia applicabile esclusivamente al trattamento di quiescenza del personale delle Amministrazioni dello Stato.

La risoluzione ADE 53/E del 2008 tratta solo marginalmente del diritto di successione dei ratei di pensione maturati dal defunto, vertendo in tema di obbligo di presentazione della dichiarazione di successione per il pagamento di ratei sulle competenze pensionistiche maturate e non riscosse dal titolare.

In realtà, la norma, di cui qui ci si occupa, più che dal dpr 1092/1973, è regolata dal regio decreto 28 agosto 1924, n. 1422 e prevede, al titolo settimo, le modalità per la liquidazione e il pagamento delle pensioni e, più specificamente, al capo terzo di tale titolo, i modi in cui le pensioni devono essere corrisposte, anche in ipotesi particolari.

Nell'ambito di tale previsione, l'articolo 90 stabilisce, fra l'altro, che le rate di pensione non riscosse dal pensionato al momento della morte sono pagate al coniuge superstite, ovvero, in mancanza di esso, al tutore dei figli minori e, in assenza anche di figli, agli eredi legittimi o testamentari (comma 4).

Pertanto, il rateo mensile della pensione, maturato e non ancora versato al pensionato deceduto, viene corrisposto al coniuge superstite o, in mancanza di questi, agli eredi e comprende anche la parte di tredicesima maturata fino alla data del decesso e le eventuali somme spettanti e non riscosse dal pensionato.

Il rateo è liquidato d'ufficio al coniuge superstite che diventa, titolare del trattamento di reversibilità.

In base alle norme vigenti sulla successione, in mancanza del coniuge, il rateo è corrisposto ai figli viventi al momento della morte del pensionato. In mancanza di coniuge e figli, il rateo va agli altri eredi legittimi.

26 maggio 2016 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

eredità e successione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno per il nucleo familiare – sussiste anche per la famiglia di fatto
Il genitore di figli naturali riconosciuti ha diritto all'assegno familiare. In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione, con la sentenza del 18 giugno 2010, numero 14783. Nel caso di specie, il ricorrente era coniugato con una persona, ma conviveva da anni con altra persona. Dalla convivente aveva ...
Cartella esattoriale intestata a defunto » Eredi pagano debiti ma non sanzioni
Gli eredi pagano i debiti della cartella esattoriale intestata al defunto ma non le sanzioni amministrative A volte può succedere che, successivamente alla scomparsa di un proprio caro, i parenti ricevano un avviso di accertamento o una cartella esattoriale relative a debiti del defunto nei confronti dell'erario. A tal proposito ...
Requisiti per il riconoscimento della pensione di reversibilità al figlio inabile del defunto
In caso di morte del pensionato, il figlio superstite ha diritto alla pensione di reversibilità, ove maggiorenne, se riconosciuto inabile al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di questi. Se il requisito dell'essere a carico del genitore defunto (vivenza a carico) non si identifica indissolubilmente con ...
Separazione - la prescrizione quinquennale riguarda il rateo mensile non il mantenimento
In materia di separazione e divorzio, la prescrizione quinquennale non riguarda il diritto al mantenimento. La prescrizione riguarda, invece, la singola rata dovuta ogni mese, in cinque anni dalla scadenza. Il diritto all'assegno divorzile ed il diritto all'assegno di mantenimento sono imprescrittibili. Ciò che si prescrive sono, è bene ribadirlo, ...
Assegno non trasferibile pagato dalla banca a persona diversa dal beneficiario - Il traente ha diritto alla restituzione dell'importo
La legge stabilisce (Regio Decreto numero 1736 del 1933, articolo 43) che l'assegno bancario, emesso con la clausola “non trasferibile”, non può che essere pagato al beneficiario o, a richiesta di questo, accreditato sul suo conto corrente; chi paga a persona diversa “risponde” del pagamento. Giurisprudenza ampiamente consolidata precisa che ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti