Debito in banca

Una persona che ha un debito in banca, risiede a casa dei genitori i quali sono i proprietari della stessa.

E’ vero che se il debitore non estingue il debito la banca può, con il pignoramento dei beni mobili, rivalersi sui proprietari?

E se si, su tutti i beni all’interno dell’abitazione o solo nell’ambito della camera nella quale dorme il debitore, non essendo proprietario ma solo residente?

Come posso dimostrare che i beni mobili all’interno della casa dove risiedo non mi appartengono ma sono dei proprietari dell’appartamento?

La banca non effettua alcuna rivalsa sul proprietario dell’appartamento in cui risiede il debitore.

Il proprietario dell’appartamento in cui risiede il debitore non è un coobbligato, nè un garante del debitore.

Semplicemente l’Ufficiale Giudiziario presume (presunzione legale di proprietà) che tutto il mobilio, le suppellettili, gli elettrodomestici presenti nell’appartamento siano proprietà di chi vi ha residenza.

Ed allora, le soluzioni sono di solito queste:

  1. contratto di affitto stipulato con il debitore con comodato d’uso del mobilio;
  2. perizia giurata in Tribunale – da parte di un tecnico (preferibilmente un Consulente Tecnico d’Ufficio) – con inventario dettagliato di quanto presente nell’appartamento ad una certa data, anteriore al trasferimento della residenza del debitore;
  3. utilizzo di testimoni terzi a cui far dichiarare – al momento dell’eventuale pignoramento – che mobili ed arredamenti preesistevano alla data in cui è stata offerta ospitalità al debitore. Non guasta anche una velata minaccia, rivolta all’Ufficiale Giudiziario, di esposto denuncia per falso ideologico nel caso in cui lo stesso procedesse comunque al pignoramento.

L’opzione numero 3 è la meno preferibile rispetto alle precedenti in quanto, quasi sempre, richiede uno spostamento (con i testimoni) presso la cancelleria del Tribunale per firme e dichiarazioni da allegare al verbale di pignoramento infruttuoso.

Diciamo che attenendosi a quanto indicato ai punti 1 e 2 l’ufficiale giudiziario redige senza problemi un verbale di pignoramento infruttuoso.

26 Settembre 2011 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Opposizione a pignoramento esattoriale presso residenza o azienda del debitore
Il terzo che pretende avere la proprietà o altro diritto reale sui beni pignorati dal concessionario della riscossione può proporre opposizione con ricorso al giudice dell'esecuzione, prima che sia disposta la vendita o l'assegnazione dei beni, ovvero, prima della data fissata per il primo incanto. L'opposizione non può essere proposta quando i mobili pignorati nella casa di abitazione o nell'azienda del debitore iscritto a ruolo o dei coobbligati, o in altri luoghi a loro appartenenti, hanno formato oggetto di una precedente vendita nell'ambito di una procedura di espropriazione forzata promossa dal concessionario a carico del medesimo debitore o dei medesimi ...

Debito con banca - Se il debitore principale e il garante non pagano può esserci un pignoramento?
Mio marito in passato ha fatto da garante (con la sua società, una società in nome collettivo) ad un finanziamento ed un mutuo ad una persona titolare di una società individuale. Quest'ultima da mesi ha smesso di pagare sia il finanziamento che il mutuo. La banca ha inviato a mio marito un'avviso di intimazione al pagamento del debito residuo del mutuo, circa 250 mila euro che ovviamente noi non abbiamo. Mi hanno detto che, in caso di mancato pagamento, potrebbe esserci un pignoramento. E' Vero? Noi siamo sposati in regime di separazione dei beni, la casa e l'auto sono intestati ...

Debito segnalato a Banca d'Italia
Ieri ho scritto alla società XXX che segnala un mio debito presso la Centrale rischi della Banca D'Italia, ma che non è la stessa società ZZZ che attualmente "detiene" il mio debito. un incaricato della società mi risponde: in merito alla Sua richiesta di chiarimento, La informiamo che la società XXX (di seguito la Società) è una società per la cartolarizzazione costituita ai sensi della legge n. 130 del 30 aprile 1999. La Società, in data 26 maggio 2006, si è resa cessionaria, nell'ambito di un'operazione di cartolarizzazione, di un portafoglio di crediti in sofferenza derivanti da contratti di natura ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Debito in banca