Riscossione tributo sotto i limiti minimi imposti dalla legge

L'ente preposto alla riscossione della TARI dalle mie parti, a seguito a verifica metri quadri, ha riscontrato qualche metro quadro di differenza in più ; mi ha quindi inviato (con raccomandata) la richiesta per riscuotere la differenza relativa ai 3 anni passati (infedele denuncia!), nonostante per ogni anno l'importo non superi i limiti di 30 euro per anno di imposta, indicati dalla legge D.l. n. 16/2012 (aumentato rispetto all'importo minimo previsto dal DPR 129/1999 che era pari a 16,53 euro, per procedere all'iscrizione a ruolo e alla conseguente riscossione dei crediti relativi ai tributi erariali, regionali e locali).

Anzi ogni anno l'importo è inferiore a 16,37 euro interessi e sanzioni incluse!

Cosa occorre fare per richiedere l'annullamento, visto che andando all'ente preposto, l'addetto mi ha detto che non c'è nulla da fare e devo pagarla?

La normativa a cui lei fa correttamente riferimento non si applica qualora il credito tributario derivi da ripetuta violazione, per almeno un biennio, degli obblighi di versamento concernenti un medesimo tributo. Mi spiace.

16 dicembre 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tributi locali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Procedura esattoriale ed ordinaria di escussione coattiva dei debiti
Un ente locale può mettere a ruolo i canoni d'affitto (non essendo tributi) non pagati dall'affittuario e trasmetterlo per la riscossione coattiva ad una società di riscossione? Senz’altro sì, in quanto un ente locale può affidare un servizio di recupero crediti ad una qualsiasi società specializzata. Quello che non può ...
Equitalia/ADER - Istanza di sospensione della riscossione coattiva
Equitalia deve sospendere immediatamente ogni iniziativa, finalizzata all'incasso delle somme iscritte a ruolo o affidate, se il debitore presenta una dichiarazione con la quale documenta che l'atto emesso dall'ente creditore è interessato da: prescrizione o decadenza del credito (intervenuta prima della data in cui il ruolo è reso esecutivo); provvedimento ...
Cartella esattoriale per somme già pagate » Che fare?
In base alla direttiva del 6 maggio 2010, se il contribuente ritiene non dovuto l'importo richiesto dall'ente creditore, può presentare domanda di sospensione della riscossione direttamente all'Agente della riscossione, attraverso un'autodichiarazione supportata da documentazione giustificativa. Tale procedura è possibile solo nel caso di: pagamento effettuato prima della formazione del ruolo; ...
L'ente previdenziale può notificare la cartella esattoriale al debitore anche se ha già ottenuto un decreto ingiuntivo
Nessuna norma impedisce all'ente previdenziale di avviare la procedura di riscossione mediante iscrizione a ruolo ed emanazione della relativa cartella esattoriale, ancorché l'ente previdenziale abbia già ottenuto un titolo esecutivo giudiziale. Il principio è stato affermato dalla Corte di Cassazione, con sentenza 21239/14. Secondo quanto disposto dai giudici della Suprema ...
Riscossione coattiva della cartella esattoriale a seguito mancato pagamento entro 60 giorni dalla notifica
Se non si paga la cartella entro 60 giorni dalla sua notifica l'agente della riscossione può mettere in atto le procedure esecutive che ritiene più opportune al fine di riscuotere il dovuto. Si va dal fermo amministrativo dell'auto all'iscrizione di ipoteca sulla casa, fino ad arrivare all'espropriazione forzata (pignoramento e ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca