Riscossione coattiva per debiti esattoriali riconducibili al mancato versamento di tributi locali

Sposato con 2 figli conviventi, 150 mila euro di debiti esclusivamente con ADER, proprietario di 2 immobili, di cui uno ipotecato. Ricevo oggi accertamento imu 2014 cifra 900 euro. Qualora decidessi di non pagare, la riscossione locale comunale potrebbe rivalersi su stipendio o veicoli di mia moglie? L’ader sicuramente non lo fa. Ma ho letto che per alcuni tributi locali è possibile.

Nonostante lei ritenga che non sia nemmeno necessario informarci circa il regime patrimoniale (comunione o separazione dei beni) adottato con il matrimonio, possiamo tranquillamente affermare che sia il concessionario locale che quello nazionale (ADER), a meno di alcune norme speciali, fanno riferimento, in tema di riscossione coattiva mediante ruolo, al Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 602/1973 (disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi).

Infatti l’articolo 17 del decreto legislativo 46/1999 dispone che si effettua mediante ruolo la riscossione coattiva delle entrate dello Stato, anche diverse dalle imposte sui redditi, e di quelle degli altri enti pubblici, anche previdenziali, esclusi quelli economici. Può essere effettuata mediante ruolo affidato ai concessionari la riscossione coattiva delle entrate delle regioni, delle province, anche autonome, dei comuni e degli altri enti locali.

Al successivo articolo 18 del citato decreto legislativo, si aggiunge poi, sostanzialmente, che le disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 602/1973, si applicano anche alla riscossione coattiva dei tributi locali.

Comunque, per ulteriori, eventuali, precisazioni circa le differenti modalità di riscossione dei tributi locali e di quelli erariali, farebbe bene ad interpellare la fonte di origine delle informazioni di cui ha preso visione.

24 Ottobre 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Impugnazione di atti di riscossione coattiva dei tributi locali - Per determinare la CTP territorialmente competente non è rilevante la sede del concessionario ma solo quella del creditore
La normativa vigente (articolo 4 del decreto legislativo 546/1992) prevede che le commissioni tributarie provinciali sono competenti per le controversie proposte nei confronti dei concessionari del servizio di riscossione che hanno sede nella loro circoscrizione anche nel caso in cui tale sede ricada in una circoscrizione diversa da quella in cui ricade la sede dell'ente locale concedente. Tuttavia, poiché l'ente locale non incontra alcuna limitazione di carattere geografico nell'individuazione del terzo cui affidare il servizio di accertamento e riscossione dei propri tributi, lo spostamento richiesto al contribuente che voglia esercitare il proprio diritto di azione, è potenzialmente idoneo a costituire ...

Riscossione coattiva di sanzioni amministrative e tributi locali - Può essere effettuata tramite ingiunzione fiscale con affidamento ad un concessionario locale
I Comuni tramite i soggetti iscritti all'albo di cui al decreto legislativo 446/1997, articolo 53 (concessionari della riscossione) possono procedere alla riscossione coattiva delle somme risultanti dall'ingiunzione (fiscale) prevista dal testo unico di cui al regio decreto 639/1910, secondo le disposizioni contenute nel titolo secondo del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 602/1973 in quanto compatibili. Ricordiamo che presso il Ministero delle finanze è istituito l'albo dei soggetti privati abilitati ad effettuare attività di liquidazione e di accertamento dei tributi e quelle di riscossione dei tributi e di altre entrate delle province e dei comuni. Nel caso di affidamento ad ...

Avvisi di accertamento per tributi locali - Posso chiedere la definizione agevolata del carico debitorio?
Mia moglie il 22 novembre ha ricevuto 3 avvisi di accertamenti di con relativi bollettini riguardanti la tassa sui rifiuti degli anni 2013/2014/2015. Gli viene contestata l'omessa denuncia agli uffici preposti del comune di Milano che si occupano appunto della tassa sui rifiuti. Ora questi accertamenti sono stati effettuati da una società esterna, quindi un agente di riscossione e non dal comune, difatti hanno la sigla ATI. Per questo volevo chiedere se potevo chiedere il ricalcolo delle somme dovute e delle sanzioni visto il nuovo decreto legge (n. 193 del 22 ottobre 2016 convertito in legge il 1 dicembre 2016 ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Riscossione coattiva per debiti esattoriali riconducibili al mancato versamento di tributi locali